News Bergamobasket

Tutte le News della Bergamo Basket 2014
 
 
 
 
 
 


GARA-4 QUARTI DI FINALE PLAY-OFF SERIE A2 BERGAMO-XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO 54-52

Bergamo scrive un’altra pagina della propria storia, battendo 54-52 la XL Extralight Montegranaro in gara-4 dei quarti di finale Playoff e chiudendo così la serie sul 3-1. L’ennesimo capolavoro stagionale dei gialloneri ha i volti del solito Roderick e di un gigantesco capitan Sergio, fondamentale sia in difesa che in attacco. Ma l’applauso va ad un gruppo che ha lottato come non mai per raggiungere un traguardo – le semifinali – che sembrava utopia ad inizio anno. Un traguardo assolutamente meritato, a maggior ragione vista l’assenza in questa serie di Taylor; qui ci sono gli indiscussi meriti di coach Dell’Agnello, capace di giocarsi quattro gare in otto giorni senza cercare alibi, ma costruendo una ragnatela dalla quale Montegranaro non è riuscita a venire a capo. E di giocarsi una gara-4 a bassissimo punteggio puntando su una difesa da dieci e lode, una difesa che nell’ultima decisiva azione ha letteralmente oscurato il canestro ai marchigiani. Bergamo è in semifinale, dove affronterà la lanciatissima Benfapp Capo D’Orlando.

La tensione è palpabile sin dai primi possessi, Bergamo sblocca la gara dopo quasi 3’ di gioco con Benvenuti e Sergio, Montegranaro inaugura il match con un libero di Corbett (5-1 al 5’). Si sbaglia molto, i marchigiani impattano subito con Mastellari e sorpassano con Corbett, costringendo Dell’Agnello al time-out. Bergamo fatica e non trova il canestro, Montegranaro scappa ancora con Corbett sul +8 prima dell’inchiodata di Zucca che chiude il primo quarto sul 9-15 in favore degli ospiti. Lo spartito non cambia nel secondo quarto: errori da una parte e dall’altra, Bergamo difende forte ma non segna mai, Montegranaro resta avanti con Amoroso (12-18 al 15’) ma deve subire il rientro dei gialloneri, che trascinati da Benvenuti si riportano a-1 all’intervallo lungo (20-21 al 10’).

Nella ripresa Bergamo rompe gli indugi: arrivo subito un parziale di 10-2 in cui è protagonista Sergio (30-23 al 25’), Montegranaro reagisce di rabbia più che di logica con Corbett e Mastellari ma paga dazio dal capitano giallonero, che ristabilisce le distanze prima dell’ultimo quarto con la tripla allo scadere per il boato del PalaAgnelli (40-32 al 30’). Gli ospiti si avvicinano con Simmons e Corbett, Zucca fa respirare Bergamo, e nella lunghissima volata la scena se la prende Roderick: la guardia di Philadelphia segna otto punti consecutivi (52-46 al 37’), Casella ci mette due liberi per il +8 che sembra indirizzare il match. Sembra, appunto, perché Mastellari mette due triple pesantissime per il -2 a meno di un minuto dalla sirena, Roderick e Zugno non chiudono i conti e l’ultimo possesso di Montegranaro risulta decisivo. Corbett non riesce a trovare un varco, la palla va a Palermo che a fatica trova Simmons, il cui gancio va corto sul primo ferro mentre suona la sirena. Esplode la gioia di Bergamo e della sua gente, per un meritatissimo successo che spalanca le porte delle semifinali. Al PalaAgnelli finisce 54-52 per i gialloneri, che ora incrociano Capo D’Orlando in un’altra serie tutta da seguire.

Bergamo-XL Extralight Montegranaro 54-52 (9-15, 20-21, 40-32)

Bergamo: Zugno 2 (0/4, 0/5), Roderick 17 (7/13, 0/3), Sergio 14 (3/3, 2/4), Fattori 2 (1/7, 0/3), Benvenuti 8 (4/7, 0/3); Zucca 9 (3/3, 0/2), Casella 2 (0/2, 0/1), Bedini (0/1, 0/1), Taylor n.e., Piccoli n.e., Marelli n.e., Augeri n.e.. All. Dell’Agnello

XL Extralight Montegranaro: Palermo 4 (2/3, 0/2), Corbett 23 (6/8, 2/6), Negri (0/2, 0/4), Amoroso 4 (2/4, 0/5), Simmons 4 (2/6); Mastellari 12 (3/3, 2/9), Treier 2 (1/1 0/1), Testa 1 (0/1 da tre), Petrovic 2 (1/1), Angellotti n.e.. All. Pancotto

Tiri liberi: Bergamo 12/16, XL Extralight Montegranaro 6/9

Rimbalzi: Bergamo 41 (Roderick 12), XL Extralight Montegranaro 37 (Simmons 11)

Assist: Bergamo 9 (Roderick 7), XL Extralight Montegranaro 5 (Mastellari 2)

Usciti per 5 falli: nessuno

Spettatori: 1450
canecaccia.com

21/05/2019 16:06

GARA-3 QUARTI DI FINALE PLAY-OFF SERIE A2 BERGAMO-XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO 86-77

Eccezionale Bergamo. I gialloneri di coach Dell’Agnello battono 86-77 la XL Extralight Montegranaro in gara-3 dei quarti di finale Playoff, e volano 2-1 nella serie. Sempre senza Taylor, Bergamo disputa una gara di enorme sostanza: dopo un avvio difficile, Sergio e compagni trovano la via giusta per vincere anche questo match, aiutati da un ultimo quarto micidiale. Negli ultimi dieci minuti Bergamo mette a referto 29 punti, conditi da sei triple in rapida successione per forzare la resa di Montegranaro, apparsa vivace nel primo tempo ma un po’ spenta nella ripresa. Su tutti splende la coppia di lunghi Fattori-Benvenuti: 20 punti a testa, supportati dal solito Roderick formato deluxe (tripla doppia con 18 punti, 15 rimbalzi e 10 assist). Ora Bergamo ha il match-point sul proprio servizio: domenica sera al PalaAgnelli i gialloneri si giocano in gara-4 il punto che varrebbe una clamorosa semifinale contro Capo d’Orlando (palla a due alle ore 19.00).

Partenza fulminante di Montegranaro, che si porta sul 3-9 con Amoroso e Simmons, Bergamo si affida molto al tiro da tre punti ma è una scelta che non paga. I gialloneri non riescono a sciogliersi ed i marchigiani ne approfittano (6-13 al 4’), la prima girandola di cambi non cambia sostanzialmente le cose anche perché Corbett inizia a fatturare. Montegranaro resta in controllo sfruttando i viaggi in lunetta, Bergamo rialza la testa in chiusura di frazione ma insegue al primo mini-break (14-21 al 10’).

Bergamo c’è, Zugno e Benvenuti ricuciono il gap fino al -3, ma Amoroso risponde da campione e con Corbett tiene alto il margine di vantaggio (20-27 al 14’). Dell’Agnello chiama i suoi dopo la tripla del +10 di Mastellari, e subito arriva il contro-break di 11-0 firmato Fattori e Benvenuti per il +1 interno. Il pubblico si scalda, ora c’è partita perché Bergamo mette più energia in campo (33-32 al 18’), Montegranaro si rianima con il solito Corbett e con Mastellari, la cui tripla chiude la prima frazione (37-39 al 20’).

Gli ospiti partono meglio nella ripresa: Simmons spinge il nuovo +6, Fattori replica, con Bergamo che si mette a zona per bloccare le folate dei lunghi marchigiani (42-45 al 24’). Montegranaro sta avanti con Treier e Negri, Bergamo resta lì grazie all’ottimo Benvenuti e Casella (49-51 al 27’) e sorpassa con un jumper di Sergio dopo l’ennesimo canestro di Benvenuti. Gli ospiti subiscono il colpo, Zucca inchioda il +6 dall’arco prima degli ultimi sigilli di Corbett, che rimandano il verdetto agli ultimi 10’ di gioco (57-54 al 30’).

Roderick inizia a scaldarsi, in un amen riporta Bergamo a +6, ma dall’altra parte Corbett ispira il parziale di 0-7 che rimette davanti Montegranaro (61-62 al 33’). Nel momento clou della gara Bergamo usa l’artiglieria pesante per sfondare la resistenza gialloblu: arrivano cinque triple praticamente consecutive ad opera di Sergio, Roderick, Fattori (due volte) e Benvenuti, a scrivere il parziale di 16-3 che indirizza la gara (77-65 al 36’). Montegranaro si affida a Corbett, ma i gialloneri non cedono agli ultimi tentativi di rimonta. Zugno ed un grande Fattori chiudono la gara con qualche secondo di anticipo perché gli ospiti non ne hanno più, ed il tripudio del PalaAgnelli accompagna Bergamo al suono della sirena. Finisce 86-77 in favore di Bergamo, che domenica sera avrà a disposizione il match-point per le semifinali.

Bergamo-XL Extralight Montegranaro 86-77 (14-21, 37-39, 57-54)

Bergamo: Zugno 10 (2/6, 1/2), Roderick 18 (5/13, 1/4), Sergio 8 (2/2, 1/1), Fattori 20 (3/5, 4/7), Benvenuti 20 (5/8, 3/4); Casella 3 (1/1, 0/2), Zucca 5 (1/2, 1/2), Bedini 2 (1/2), Taylor n.e., Piccoli n.e., Marelli n.e., Augeri n.e.. All. Dell’Agnello

XL Extralight Montegranaro: Palermo 4 (1/3, 0/2), Corbett 25 (4/6, 3/6), Negri 5 (1/1, 0/2), Amoroso 12 (2/5, 2/6), Simmons 15 (6/8); Mastellari 11 (0/1, 3/9), Treier 5 (1/2, 1/4), Testa (0/1 da tre), Petrovic n.e., Angellotti n.e.. All. Pancotto

Tiri liberi: Bergamo 13/19, XL Extralight Montegranaro 20/28

Rimbalzi: Bergamo 37 (Roderick 15), XL Extralight Montegranaro 30 (Palermo 7)

Assist: Bergamo 14 (Roderick 10), XL Extralight Montegranaro 8 (Palermo 5),

Usciti per 5 falli: nessuno

Spettatori: 1323
canecaccia.com

18/05/2019 09:49

GARA-2 QUARTI DI FINALE PLAY-OFF SERIE A2 XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO-BERGAMO 73-75

Bergamo non smette di stupire: si prende gara-2 dei quarti di finale Playoff, violando il PalaSavelli di Porto S. Giorgio 73-75, porta la serie contro la XL Extralight Montegranaro in parità e si prende il fattore campo. Gli uomini di Dell’Agnello compiono l’ennesimo capolavoro stagionale, sbancando il parquet marchigiano privi di Taylor, ma con il duo Roderick-Fattori in grande spolvero: 29 punti per la guardia americana, 20 punti per il lungo toscano. Il resto lo fa la grande difesa organizzata e la freddezza dalla lunetta di Casella e Zugno, glaciali nelle loro conclusioni negli ultimi 10” di gioco. Un successo fortemente voluto dai gialloneri, che respingono l’ultimo tentativo di un sontuoso Corbett (35 punti per lui) e guardano con fiducia alle prossime due gare casalinghe. Venerdì 17 maggio al PalaAgnelli si preannuncia un’infuocata gara-3, letteralmente da non perdere.

Bergamo non sbaglia l’approccio del match, e fa subito capire che i timori di gara-1 sono cancellati: Roderick e Fattori propiziano il primo allungo (5-11 al 3’), Montegranaro replica con i primi canestri di Corbett e si rimette immediatamente in carreggiata. Roderick resta un rebus nel primo tempo (chiude con 20 punti), ma i padroni di casa trovano lo spunto per sorpassare con il solito Corbett in chiusura di primo quarto (26-24 al 10’). I gialloneri mordono in difesa, Montegranaro resta senza canestri per quattro minuti abbondanti nel secondo periodo (26-31 al 14’); Fattori e Roderick imperversano, dall’altra parte si fa vedere anche Simmons che riduce lo svantaggio. Sergio inchioda la tripla del +8 e l’ultima parola spetta a Negri, i cui quattro punti consecutivi mandano le squadre al riposo lungo sul 39-43.

La gara si fa tesa nella ripresa: le due squadre non trovano canestri dal campo per cinque minuti (42-48 al 25’), poi Bergamo prova l’ennesima sgasata. Zugno e Casella firmano il primo – ed unico – vantaggio in doppia cifra sul 49-59, Fattori replica a Simmons e Corbett per il 55-63 del 20’. Il finale in volata sembra già scritto, Bergamo patisce la stanchezza di rotazioni ridotte, Montegranaro però resta a distanza (57-63 al 35’). Ci pensa Zugno con due canestri dal peso specifico incalcolabile a dare linfa ai suoi, Roderick sigla di classe il 62-70 a 2’38” dallo scadere. La partita è ancora lunghissima, perché dall’altra parte c’è Corbett che non vuole sentire ragioni: l’americano firma il -4 a un minuto dalla fine, con un’altra tripla avvicina Montegranaro a -2. Bergamo fatica, Roderick non trova il canestro del successo e Negri si presenta in lunetta con i due tiri liberi del possibile pareggio, ma fa solo 1/2, sparigliando le carte a 12” dalla sirena. La girandola dei tiri liberi è infinita: Casella, Amoroso e Zugno sono precisi per il 72-75 a 7” dalla conclusione, Corbett viene poi spedito in lunetta con il fallo sistematico. Dopo aver segnato il primo tiro, sbaglia appositamente il secondo: sul rimbalzo si avventano in quattro, la palla schizza fuori ed il più lesto è sempre Corbett, che ha il tiro del sorpasso a fil di sirena. La storia, ed il ferro, stavolta sono amiche di Bergamo, che porta a casa una vittoria capitale. Al PalaSavelli finisce 73-75 in favore dei gialloneri, che ora hanno due partite casalinghe per capitalizzare il fattore campo.

XL Extralight Montegranaro-Bergamo 73-75 (26-24, 39-43, 55-63)

XL Extralight Montegranaro: Palermo (0/1, 0/4), Corbett 35 (8/11, 4/8), Negri 7 (2/5, 0/2), Amoroso 11 (1/2, 2/6), Simmons 15 (6/10, 0/1); Traini (0/3 da tre), Mastellari 2 (1/2, 0/4), Treier (0/1 da tre), Petrovic (0/1), Testa 3 (1/1 da tre), Angellotti n.e.. All. Pancotto

Bergamo: Zugno 12 (3/8, 1/4), Roderick 29 (9/18, 2/5), Sergio 3 (1/2 da tre), Fattori 20 (5/8, 2/5), Benvenuti 4 (1/1, 0/1); Zucca (0/1, 0/1), Casella 7 (1/2, 1/3), Bedini, Piccoli n.e., Marelli n.e., Augeri n.e.. All. Dell’Agnello

Tiri liberi: XL Extralight Montegranaro 16/25, Bergamo 16/21

Rimbalzi: XL Extralight Montegranaro 38 (Simmons 11), Bergamo 33 (Roderick 12)

Assist: XL Extralight Montegranaro 13 (Negri, Amoroso 3), Bergamo 8 (Roderick 4)

Usciti per 5 falli: Benvenuti (Bergamo)

Spettatori: 1600
canecaccia.com

15/05/2019 11:52

GARA-1 QUARTI DI FINALE PLAY-OFF SERIE A2 XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO-BERGAMO 65-57

Bergamo esce sconfitta dal PalaSavelli di Porto S. Giorgio in gara-1 dei quarti di finale Playoff, battuta 65-57 dalla XL Extralight Montegranaro. Una gara in cui le due squadre hanno forse pagato gli sforzi fatti nel precedente turno: una partita non spettacolare, fatta di parziali, che premia i padroni di casa. Gli uomini di Pancotto sfruttano un avvio positivo e mettono il piede sull’acceleratore tra secondo e terzo quarto, quando un parziale di 14-0 indirizza in maniera decisa il match. Bergamo mostra carattere nel primo recupero, poi manca i canestri che avrebbero potuto riaprire la sfida, quando i gialloneri riescono a recuperare fino al -7 a 3’30” dalla fine. Tra meno di 48 ore si torna in campo, sempre in terra marchigiana, per una gara-2 che si prospetta avvincente.

Pronti via ed i padroni di casa scappano: Bergamo tiene fino al 6-4, poi arriva il primo break di 10-0 (16-4 al 6’). Dell’Agnello mischia subito le carte e butta nella mischia anche l’eroe di gara-5 contro Mantova, Bedini, ma i gialloneri non riescono a trovare fluidità offensiva; Simmons domina sotto canestro, Corbett è chirurgico ed il parziale si dilata fino al 23-8 del 10’. Bergamo cambia faccia nel secondo quarto: difesa più aggressiva, la palla in attacco gira meglio ed arriva il recupero. Casella si iscrive al match con due triple consecutive, Bedini e Roderick siglano il -3 (29-26 al 16’). Pancotto richiama i suoi, che dopo questo passaggio a vuoto non si guardano più indietro: arriva un 7-0 per chiudere il primo tempo, firmato Mastellari e Palermo (36-26 al 20’).

Montegranaro non si ferma nella ripresa: Traini e Simmons spingono il massimo vantaggio esterno (43-26 al 23’), Bergamo non crolla perché Casella è in serata e la ritrovata difesa permette di accorciare il divario fino al -9. La gara procede a strappi, a tratti è anche bruttina, Montegranaro chiude il quarto con la tripla di Testa che dà il 50-38 al 30’. Bergamo vuole provarci, Roderick ispira il nuovo -8 con Zucca, ma i padroni di casa respingono ogni assalto giallonero (56-48 al 35’). Ci sarebbe tempo per il recupero, Fattori infila la tripla del -7 a 3’30” dando speranza ai suoi, ma gli attacchi successivi non vengono capitalizzati a dovere. Montegranaro gestisce andando a segno dalla lunetta con Amoroso, Simmons e Corbett, Bergamo non trova più le forze e cede. Al PalaSavelli finisce 65-57 in favore di Montegranaro, che si prende gara-1 dei quarti di finale.

XL Extralight Montegranaro-Bergamo 65-57 (23-8, 36-26, 50-38)

XL Extralight Montegranaro: Palermo 5 (1/1, 1/3), Corbett 14 (5/10, 0/4), Negri 7 (2/3, 1/1), Amoroso 5 (1/5, 0/4), Simmons 13 (4/6, 0/1); Traini 8 (2/2, 1/3), Treier (0/2 da tre), Mastellari 4 (1/2, 0/1), Testa 3 (1/2 da tre), Petrovic 6 (3/3), Angellotti n.e.. All. Pancotto

Bergamo: Zugno 2 (0/4, 0/2), Roderick 14 (4/14, 1/4), Sergio (0/1, 0/3), Fattori 13 (2/5, 3/6), Benvenuti 5 (2/3, 0/1); Zucca 7 (3/3, 0/3), Casella 14 (1/3, 4/9), Bedini 2 (1/1, 0/1), Piccoli n.e., Marelli n.e., Augeri n.e.. All. Dell’Agnello

Tiri liberi: XL Extralight Montegranaro 15/20, Bergamo 7/8

Rimbalzi: XL Extralight Montegranaro 36 (Simmons 9), Bergamo 37 (Roderick 9)

Assist: XL Extralight Montegranaro 9 (Amoroso 3), Bergamo 12 (Roderick 5)

Usciti per 5 falli: Zucca (Bergamo)

Spettatori: 1800

► Guarda la conferenza stampa post-partita di Sandro Dell’Agnello
canecaccia.com

12/05/2019 23:44

GARA-5 OTTAVI DI FINALE PLAY-OFF SERIE A2 BERGAMO-POMPEA MANTOVA 72-70

Quarti di finale! Bergamo vola al secondo turno dei Play-Off battendo in una gara-5 al cardiopalma la Pompea Mantova 72-70. Una gara sempre condotta da Sergio e compagni: un primo tempo spettacolare, dove Bergamo ha chiuso ermeticamente la propria area, toccando anche il +20, ed un secondo tempo – soprattutto gli ultimi 3 minuti – di sofferenza. Senza Taylor, ma con un cuore grande così, Bergamo passa il turno e deve ringraziare anche Ferdi Bedini, vent’anni da compiere tra pochi giorni ed autore del canestro che – di fatto – risulterà decisivo. Ora per gli uomini di Dell’Agnello la sfida alla XL Extralight Montegranaro, una sorta di remake in formato-serie del quarto di finale di Coppa Italia. Si parte domenica 12 maggio con gara-1 in programma al PalaSavelli di Porto San Giorgio.
I gialloneri partono forte, Fattori e Roderick spingono il primo vantaggio interno (8-2 al 3’), Mantova risale immediatamente con Raspino e Maspero per la parità sfruttando anche una buona difesa. Vista l’assenza di Taylor è Roderick che si prende le maggiori responsabilità (16-10 al 7’), Bergamo è incisiva nella propria metà campo ed obbliga i virgiliani ad un prolungato periodo di rottura. Casella e Fattori mettono il +11 in chiusura di frazione, ci pensa ancora Roderick con il suo jumper a fissare il 23-10 al 10’.
Bergamo non si ferma, Roderick e Zucca sono precisi per il +17 interno, Mantova ferma l’emorragia con Veideman dalla lunetta (27-12 al 13’) ma non trova rimedio contro gli attacchi gialloneri. La difesa di casa è impenetrabile, Mantova non trova canestri dal campo per tutto il secondo quarto e sprofonda a -20 sotto i colpi di uno scatenato Benvenuti sotto le plance, prima che i due liberi di Ghersetti mandino le squadre al riposo lungo sul 36-18.
Mantova deve cambiare registro, e lo fa naturalmente partendo dalla difesa: Bergamo perde tre palloni in fila ad inizio terzo quarto, anche se tiene bene grazie a Roderick e Fattori (49-35 al 26’). I gialloneri riallungano fino al +19 siglato da una prodezza della guardia di Philadelphia, ma poco dopo arriva il suo personale quarto fallo, che lo toglie momentaneamente dalla gara e fa girare l’inerzia del match. Mantova si affida a Visconti, ma ci pensa Zugno con due magie a dare il +14 ai suoi prima dell’ultimo quarto (60-46 al 30’).
Mantova torna sotto la doppia cifra di svantaggio con Raspino e Veideman, Bergamo risponde con Zugno e Roderick dopo un fallo antisportivo fischiato a Ferrara (64-52 al 34’). Il pubblico del PalaAgnelli spinge i gialloneri, Benvenuti è un totem sotto canestro ma i virgiliani rosicchiano punto dopo punto: Raspino e Veideman scrivono il 68-61 al 37’, riaprendo i giochi e dando vita ad un altro finale poco adatto ai cuori deboli. Visconti fa -5 immediatamente replicato da Benvenuti, è ancora Visconti a tenere in scia Mantova, ma a 52” dalla sirena arriva l’eroe della serata: Bedini, il cui jumper vale il nuovo +7 ed il boato del PalaAgnelli. Mantova non si arrende, Visconti firma la tripla del -4 in un amen, Ghersetti fa -2 dopo una persa di Roderick e sull’ultimo possesso mantovano tocca a Visconti prendersi la tripla che vale sorpasso, partita e serie. La sua conclusione è però corta, il PalaAgnelli esplode di gioia e Bergamo alza le mani al cielo. Finisce 72-70 in favore di Bergamo, che ora ai quarti di finale incontrerà la XL Extralight Montegranaro.

Bergamo-Pompea Mantova 72-70 (23-10, 36-18, 60-46)

Bergamo: Zugno 10 (2/5, 0/5), Roderick 24 (8/16, 1/3), Sergio (0/2, 0/1), Fattori 12 (1/2, 2/5), Benvenuti 18 (7/8, 0/1); Casella 4 (2/2, 0/1), Zucca 2 (1/1, 0/1), Bedini 2 (1/1, 0/1), Taylor n.e., Piccoli n.e., Marelli n.e., Augeri n.e.. All. Dell’Agnello

Pompea Mantova: Maspero 4 (1/1, 0/3), Veideman 8 (1/7, 1/4), Raspino 18 (1/9, 3/4), Ghersetti 13 (3/10, 1/3), Morse 3 (1/2); Metreveli 2 (1/2), Visconti 20 (3/8, 1/5), Poggi, Ferrara 2 (1/2), Guerra n.e., Albertini n.e., Vencato n.e.. All. Finelli

Tiri liberi: Bergamo 19/22, Pompea Mantova 28/33

Rimbalzi: Bergamo 40 (Benvenuti 7), Pompea Mantova 33 (Raspino 11)

Assist: Bergamo 8 (Zugno 6), Pompea Mantova 9 (Veideman 4)

Usciti per 5 falli: Sergio, Zugno (Bergamo)

Spettatori: 1532
canecaccia.com

09/05/2019 08:32

GARA-3 OTTAVI DI FINALE PLAY-OFF SERIE A2 POMPEA MANTOVA-BERGAMO 69-78

Ennesima prestazione sopra le righe di Bergamo, che sbanca la Grana Padano Arena di Mantova in gara-3 degli ottavi di finale Playoff e si porta 2-1 nella serie contro i biancorossi di Finelli. Il finale, 69-78, testimonia di una gara equilibrata fino al 15’, poi Bergamo prende in mano la partita e non si fa più raggiungere dai padroni di casa. Una vittoria di squadra – cinque uomini in doppia cifra – che ha comunque un protagonista: Terrence Roderick. Per la guardia di Philadelphia 21 punti, 15 rimbalzi, 9 assist e 9 falli subiti, per un complessivo 40 di valutazione. Ma non si possono non evidenziare le prestazioni di Fattori e Zugno, di Sergio e Benvenuti, una volta in più decisivi con i loro canestri e le loro difese. Ora Bergamo ha il primo match-point, da giocarsi al meglio in gara-4 domenica 5 maggio alle ore 18, sempre a Mantova.

Bergamo è da subito pimpante, trascinata da Roderick per il prima vantaggio esterno (3-7 al 3’), dall’altra parte c’è un Ghersetti perfetto al tiro che tiene Mantova a contatto. I virgiliani sorpassano con Visconti (15-11 al 6’), e tengono il margine con la prima girandola di cambi, chiudendo il primo quarto avanti 21-17. I gialloneri si scuotono con Roderick e Sergio per il mini-break di 0-5 che ridà a Bergamo la testa della gara, ma i padroni di casa fanno male con i lunghi di scorta Metreveli e Poggi. Dopo il primo canestro dal campo di Veideman (28-24 al 15’), arriva il parziale che spezza la partita: Bergamo chiude l’area, Sergio e Roderick disegnano la parità, poi ci pensano Taylor e Fattori con tre triple praticamente consecutive a dare il +9 esterno. Mantova ha un guizzo con Vencato in chiusura di quarto, ma il primo tempo vede Bergamo avanti 31-37.

Di rientro dagli spogliatoi gli uomini di Dell’Agnello sono bravi non fare tornare mai a contatto Mantova, che ci prova con i soliti noti (38-44 al 23’). I gialloneri proseguono con l’ottima difesa vista nel secondo quarto, Mantova deve sempre inseguire e patisce le folate offensive di un indiavolato Roderick, che fattura per sé e per i compagni. Bergamo allunga in chiusura di frazione con il nuovo +9 siglato da Casella, e si presenta all’ultimo quarto avanti 46-55. Mantova ci prova, Vencato e Maspero avvicinano i virgiliani a -3, ma in questo frangente sale in cattedra Zugno: due triple provvidenziali per dare a Bergamo respiro (57-64 al 34’), più l’assist per il +8 di Benvenuti. Taylor gioca sfruttando il bonus, dalla lunetta Bergamo non perde mai il controllo e a meno di 2’ dalla sirena Fattori inchioda la tripla frontale del +9, seguita dal fallo in attacco subìto da un ottimo Zugno. Mantova non ne ha più, il solo Ghersetti ci prova ma è troppo tardi. Alla Grana Padano Arena finisce 69-78 in favore di Bergamo, che domenica sera avrà il match-point per accedere ai quarti di finale.

Pompea Mantova-Bergamo 69-78 (21-17, 31-37, 46-55)

Pompea Mantova: Vencato 6 (2/6, 0/2), Veideman 5 (1/5, 1/5), Raspino 10 (1/3, 1/3), Ghersetti 19 (2/5, 5/7), Morse 10 (3/7); Visconti 10 (2/6 da tre), Maspero 5 (1/2, 1/3), Ferrara 1 (0/1), Poggi 6 (3/3), Metreveli 2 (1/3), Guerra n.e., Albertini n.e.. All. Finelli

Bergamo: Taylor 14 (3/7, 2/4), Roderick 21 (3/7, 2/5), Sergio 8 (3/5, 0/2), Fattori 11 (1/3, 3/5), Benvenuti 11 (4/7); Zucca (0/1 da tre), Casella 2 (1/2, 0/5), Zugno 11 (1/1, 2/3), Bedini, Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello

Tiri liberi: Pompea Mantova 11/17, Bergamo 19/22

Rimbalzi: Pompea Mantova 36 (Vencato 8), Bergamo 33 (Roderick 15)

Assist: Pompea Mantova 20 (Vencato 8), Bergamo 15 (Roderick 9)

Usciti per 5 falli: nessuno

Spettatori: 2500
canecaccia.com

04/05/2019 16:02

GARA-2 OTTAVI DI FINALE PLAY-OFF SERIE A2 BERGAMO-POMPEA MANTOVA 92-93 D.T.S.

Bergamo accarezza il successo in gara-2 degli ottavi di finale Play-Off, ma viene beffata sul filo di lana dalla Pompea Mantova, che impatta la serie sull’1-1. La maratona del PalaAgnelli – 92-93 dopo un tempo supplementare – premia i virgiliani, capaci di trovare con Veideman il canestro incredibile sulla sirena che vale l’overtime, e di resistere all’ultimo tentativo giallonero con Taylor; il playmaker californiano – MVP della gara – non capitalizza il tiro libero che avrebbe mandato le due squadre al secondo supplementare, dando così il successo ai biancorossi. Ora la serie si sposta a Mantova per gara-3, in programma venerdì 3 maggio alle ore 20.30 alla Grana Padano Arena, e per gara-4 due giorni dopo, domenica 5 maggio alle ore 18.
Bergamo scatta bene, grazie ai canestri di un ottimo Fattori e di capitan Sergio (11-5 al 4’); I gialloneri sono in partita, Benvenuti forza il secondo fallo di Morse per il +9 interno, Finelli ricorre alla propria panchina per provare a tenere il passo dei padroni di casa e trova risposte da Veideman (18-14 al 7’). Dell’Agnello sistema i suoi ma Mantova si avvicina ulteriormente con Poggi nel finale, ed il quarto si chiude con le magie di Taylor e Casella per il 27-21 interno.
Bergamo amplia il parziale favorevole con Fattori e Casella per il +10 immediato, Mantova cerca di stare in scia ma fatica contro l’ottima difesa giallonera (35-25 al 14’). La partita a tratti è spigolosa, i virgiliani risalgono con i liberi di Visconti e Raspino – approfittando di un paio di attacchi non positivi di Bergamo – ma c’è sempre Taylor ad indicare la via; i gialloneri non sono più così incisivi in difesa, Dell’Agnello ci parla su (39-34 al 18’), Ghersetti avvicina i suoi e Veideman concretizza il -1, prima del sigillo finale di Benvenuti (41-38 al 20’).
Di rientro dagli spogliatoi Bergamo prova l’ennesimo allungo sulle ali di Roderick e Sergio (48-40 al 22’), Veideman resta sempre il migliore degli ospiti e respinge il tentativo giallonero; si gioca molto sui nervi, Ghersetti firma il nuovo -3 e l’estone impatta dall’arco (51-51 la 25’), Bergamo tiene nonostante il momento non sia propizio e Roderick si carichi del quarto fallo. Taylor, Casella e Benvenuti rimettono i gialloneri avanti nel frastuono del PalaAgnelli (59-54 al 28’), Taylor fa esplodere il palazzetto con la tripla del +7 e Fattori mette il carico del 67-59 al 30’.
Mantova non ha intenzione di cedere, Vencato e Visconti mettono il -5 ma c’è sempre il solito super-Taylor a infilare sei punti consecutivi per il massimo vantaggio (76-65 al 32’). Finelli richiama i suoi, Visconti e Veideman accorciano fino al -5 (78-73 al 35’), Bergamo resta avanti grazie ad una provvidenziale tripla di Benvenuti prima dell’incredibile finale. Mantova si avvicina, Bergamo tiene un possesso pieno di vantaggio grazie ai viaggi in lunetta di Roderick e Taylor, ma la beffa si materializza allo scadere: Vencato va in lunetta sul -3, sbaglia il primo libero e appositamente sbaglia anche il secondo. Il rimbalzo premia Veideman, che dall’angolo fa partire la clamorosa tripla che vale l’85-85 ed il supplementare.
Bergamo non si perde d’animo, Taylor e Roderick rispondono a per l’89-89, poi si apre una fase in cui nessuna delle due squadre segna. Le carte vengono sparigliate dal canestro di Ghersetti a 26” dal 45’ che vale il 91-92, Roderick non riesce nel sorpasso e Bergamo manda Visconti in lunetta con 4” da giocare. Il numero 9 biancorosso fa 1/2, lasciando quindi lo spazio per l’ultimo tentativo giallonero; Taylor subisce fallo da Veideman, mette il -1 ma sbaglia il libero del pareggio, e Mantova può quindi alzare le braccia al cielo. Al PalaAgnelli finisce 92-93 per gli uomini di Finelli.

Bergamo-Pompea Mantova 92-93 d.t.s. (27-21, 41-38, 67-59, 85-85)

Bergamo: Taylor 33 (4/7, 2/4), Roderick 13 (3/8, 1/5), Sergio 5 (1/2, 1/2), Fattori 10 (2/4, 2/4), Benvenuti 16 (4/7, 2/2); Zucca 2 (1/2, 0/1), Casella 9 (4/9, 0/4), Zugno 4 (2/8), Bedini n.e., Piccoli n.e., Marelli n.e., Crimeni n.e.. All. Dell’Agnello
Pompea Mantova: Vencato 6 (1/6, 0/3), Veideman 29 (5/10, 4/9), Raspino 10 (2/6, 1/5), Ghersetti 15 (6/10, 1/5), Morse 5 (1/3); Metreveli 9 (3/6, 1/1), Maspero 5 (1/1, 1/2), Poggi 5 (2/2), Visconti 9 (1/3, 1/5), Ferrara n.e.. All. Finelli

Tiri liberi: Bergamo 26/34, Pompea Mantova 22/31

Rimbalzi: Bergamo 41 (Sergio 7), Pompea Mantova 48 (Raspino 12)

Assist: Bergamo 13 (Roderick 4), Pompea Mantova 11 (Raspino 4)

Usciti per 5 falli: Casella, Zugno (Bergamo), Vencato, Maspero (Pompea Mantova)

Spettatori: 1152
canecaccia.com

01/05/2019 08:43

GARA-1 OTTAVI DI FINALE PLAY-OFF SERIE A2 BERGAMO-POMPEA MANTOVA 94-85

Bergamo si prende gara-1 degli Ottavi di Finale ai danni della Pompea Mantova, grazie ad un rush finale da grande squadra, al termine di una gara equilibrata ed estremamente intensa, una gara in puro stile play-off. Il finale, 94-85, premia gli uomini di Dell’Agnello, capaci di serrare la difesa negli ultimi 4’ di gioco e di affidarsi in attacco al duo Taylor-Roderick, autori di una prova da cineteca: 34 punti per il primo e 25 per il secondo. Ma il merito va diviso a chi ha saputo farsi valere in difesa, come ad esempio capitan Sergio e Benvenuti. Bergamo sale 1-0 nella serie, e tra meno di 48 ore si torna in campo per il secondo atto, ancora al PalaAgnelli (palla a due martedì 30 aprile alle ore 20.30).
Gara già ad alta intensità nei primi possessi, dove le difese fanno vedere i muscoli. Si segna poco (7-7 al 4’), Mantova trova un positivo Morse sotto le plance a tenere a bada i lunghi di Bergamo, i gialloneri replicano con le folate dei loro americani; si procede punto a punto anche con i primi cambi ordinati dalla panchina, i virgiliani piazzano il primo mini-allungo con il solito Morse (11-15 al 8’), Casella risponde dall’arco ma il finale è ancora degli ospiti che chiudono avanti la prima frazione (18-22 al 10’).
Bergamo stringe in difesa e si riporta subito a contatto, nonostante qualche minuto di riposo forzato per Roderick visti i due falli. Taylor mette la tripla del +2, ma Mantova sa far male con Ghersetti (24-27 al 13’), ed il parziale favorevole ai biancorossi si dilata fino al +8 del 15’, prima del time-out obbligato di Dell’Agnello. Bergamo si riprende, capitan Sergio ed un ottimo Taylor esalano un contro-break di 6-0 per il nuovo -2, ed il folletto della California tiene Bergamo saldamente a contatto (37-38 al 18’). I gialloneri ora trovano il miglior Roderick, che ispira il gioco e conclude due super-azioni per il vantaggio interno, dall’altra parte Visconti spara due bombe in successione per il contro-sorpasso in chiusura di primo tempo (42-44 al 20’).
Mantova scatta bene ma c’è un Roderick in palla che ferma il tentativo di fuga dei virgiliani; Taylor e Benvenuti mettono la freccia per i gialloneri (53-52 al 23’), Roderick risponde a Ghersetti e la sfida si accende decisamente con il +4 siglato sempre dal numero 8 di casa (61-57 al 26’). Mantova trova punti da un superlativo Visconti, Bergamo ha risorse da Zucca e tiene la testa della gara, ma è ancora Visconti il protagonista assoluto con i canestri che ribaltano nuovamente il risultato. Roderick non ci sta, infila quattro liberi consecutivi per il -1 Bergamo ed il finale di quarto dice 67-70 in favore di Mantova.
Bergamo c’è, arriva subito un 5-0 a firma Taylor e Zucca, Visconti e Maspero replicano incendiano sin da subito l’ultimo quarto (74-75 al 32’). Gli stessi due firmano il massimo vantaggio esterno nel momento decisivo del match sul 74-81, ma da qui Bergamo compie il suo capolavoro: Zucca e Taylor accorciano immediatamente, Taylor sigla il -1 dall’arco e capitan Sergio inchioda la tripla del sorpasso a 2’27” dalla conclusione (87-85). Il PalaAgnelli si fa sentire, Bergamo chiude a doppia mandata la propria area e ci pensa Roderick a mettere il canestro della staffa del +6 a 30”. L’ultimo disperato tentativo di Visconti viene stoppato da un eroico Sergio, che lancia Bergamo alla conquista di gara-1. Al PalaAgnelli finisce 94-85 in favore dei gialloneri.

Bergamo-Pompea Mantova 94-85 (18-22, 42-44, 67-70)

Bergamo: Taylor 34 (4/8, 5/7), Roderick 25 (8/14, 2/5), Sergio 8 (1/3, 2/2), Fattori 3 (0/1, 1/4), Benvenuti 8 (3/3, 0/2); Casella 6 (1/2, 1/2), Zucca 9 (3/4, 1/4), Zugno 1, Bedini n.e., Piccoli n.e., Marelli n.e., Crimeni n.e.. All. Dell’Agnello

Pompea Mantova: Vencato 6 (2/6, 0/1), Veideman 12 (4/10, 1/3), Raspino 2 (1/4, 0/1), Ghersetti 13 (2/4, 3/7), Morse 14 (4/8); Visconti 24 (0/3, 7/14), Poggi, Ferrara, Maspero 8 (1/2, 2/4), Metreveli 6 (2/2), Guerra n.e., Albertini n.e. All. Finelli

Tiri liberi: Bergamo 18/22, Pompea Mantova 14/16

Rimbalzi: Bergamo 31 (Roderick 8), Pompea Mantova 40 (Morse 11)

Assist: Bergamo 17 (Roderick 7), Pompea Mantova 11 (Vencato 3)

Usciti per 5 falli: Raspino, Vencato (Pompea Mantova)

Spettatori: 1073
canecaccia.com

29/04/2019 07:41

30. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-BERTRAM YACHTS TORTONA 85-76

Bergamo batte 85-76 la Bertram Yachts Tortona nella trentesima giornata di Serie A2 Old Wild West, e chiude la sua strepitosa regular season al quarto posto, miglior risultato di sempre della società. Una gara equilibrata per tre quarti, decisa dal break giallonero in apertura di ultima frazione; su tutti svetta la prestazione ai limiti dell’onnipotenza di Terrence Roderick: 24 punti, 10 rimbalzi, 11 assist e 10 falli subiti, cifre che parlano da sole. Ma Bergamo ha trovato risposte concrete dai propri lunghi, da un Casella incisivo e da un capitan Sergio sempre più ministro della difesa. Ora arrivano i Play-Off: negli ottavi di finale gli uomini di Dell’Agnello affronteranno – con il fattore campo a proprio favore – la Pompea Mantova, in una serie al meglio delle 5 partite che scatterà il prossimo fine settimana.

La gara parte su buoni ritmi, con Fattori, Roderick e Lydeka protagonisti dei primi possessi (5-5 al 3’), e c’è spazio anche per Alibegovic, autore del primo vantaggio esterno. Tortona si gioca subito la carta della zona sfruttando anche il secondo fallo di Fattori ma Bergamo si rianima con un 6-0 che le permette di riprendere la testa (13-12 al 6’); gli ospiti fatturano dalla lunetta esalando a loro volta un break di 0-6, Zucca e Sergio ricuciono nel giro di un paio di possessi e Bergamo chiude avanti il primo quarto grazie a Roderick (21-20 al 10’).

Bergamo ha un altro piglio ad inizio di secondo periodo, con Casella e Zucca si spinge subito al +7, Tortona sta però in scia con Bertone (31-28 al 14’) ed impatta con Garri. La partita è intensa, Tortona trova il nuovo sorpasso con Bertone e Ndoja, Dell’Agnello ci vuole parlare sopra dopo un paio di difese non perfette ma i piemontesi sanno far male sempre con Bertone per il +4, prima del sigillo finale di Casella (40-42 al 20’).

La ripresa inizia con le polveri bagnate da entrambe le parti (44-45 al 23’), Casella si conferma in serata con la tripla del +2 Bergamo con la gara che si mantiene sui binari dell’equilibrio (52-51 al 26’). Dall’altra parte Alibegovic colpisce con un paio di jumper per il sorpasso Tortona, Bergamo non molla trovando canestri dalla lunetta con Roderick e Zucca, ma il finale è sempre di Alibegovic che scrive il 58-59 all 30’.

La gara si decide negli ultimi 10’, dove Bergamo chiude la difesa e piazza il 9-0 che gira la partita (67-59 al 34’). Ramondino richiama in campo Alibegovic che replica dall’arco ma i gialloneri tengono la testa con Benvenuti e Roderick; il numero 8 di Bergamo è immarcabile, sa sempre fare la giocata giusta al momento giusto trascinando i compagni prima degli ultimi 3’ di gioco (75-67 al 37’). Tortona si affida al talento di Alibegovic per giocarsi le sue chances in volata, ma deve fare i conti con la guardia di Philadelphia, che chiude la contesa insieme a Taylor dalla lunetta, consegnando così il successo ai gialloneri. Al PalaAgnelli finisce 85-76, ed ora il via ai Play-Off contro la Pompea Mantova.

Bergamo-Bertram Yachts Tortona 85-76 (21-20, 40-42, 58-59)

Bergamo: Taylor 4 (1/8, 0/3), Roderick 24 (5/9, 1/6), Sergio 6 (2/5, 0/2), Fattori 12 (0/2, 4/5), Benvenuti 11 (2/4); Zucca 10 (2/4, 1/5), Casella 16 (5/6, 2/2), Zugno 2 (1/3, 0/1), Bedini, Piccoli n.e., Marelli n.e., Crimeni n.e.. All. Dell’Agnello

Bertram Yachts Tortona: Spizzichini 9 (2/5, 0/1), Bertone 14 (2/8, 3/3), Alibegovic 26 (6/15, 3/5), Ndoja 7 (1/4, 1/4), Lydeka 8 (3/3); Viglianisi 3 (0/2), Gergati 2 (1/2, 0/2), Garri 7 (2/3, 1/1), Blizzard n.e., Lusvarghi n.e., Buffo n.e., Ugolini n.e.. All. Ramondino

Tiri liberi: Bergamo 25/28, Bertram Yachts Tortona 18/23

Rimbalzi: Bergamo 42 (Roderick 10), Bertram Yachts Tortona 33 (Spizzichini, Lydeka, Ndoja 5)

Assist: Bergamo 18 (Roderick 11), Bertram Yachts Tortona 13 (Bertone 4)

Usciti per 5 falli: Sergio (Bergamo), Lydeka (Bertram Yachts Tortona)

Spettatori: 860
canecaccia.com

21/04/2019 09:07

29. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST NOVIPIÙ CASALE MONFERRATO-BERGAMO 89-87

Bergamo esce sconfitta di misura dal PalaFerraris di Casale Monferrato, al termine di una gara intensa per tutti i 40’ di gioco. Il finale, 89-87 in favore dei rossoblu di coach Ferrari, non sorride ai gialloneri, che hanno rincorso per tutto il primo tempo prima di rientrare dagli spogliatoi e piazzare il break che li ha rimessi in gara, e dopo aver subito un altro parziale hanno avuto la forza e la lucidità per giocarsi la vittoria fino all’ultimo tiro. Bergamo resta al quinto posto in classifica, agganciata proprio da Casale, ma si tiene la differenza canestri nel doppio confronto, utile per delineare i piazzamenti nella griglia Play-Off. Sabato 20 aprile ultimo appuntamento di regular season al PalaAgnelli: Sergio e compagni affronteranno la Bertram Tortona, ed un successo darebbe loro il fattore campo al primo turno dei Play-Off.

Casale parte con il piglio giusto, trascinata dai suoi due americani. Pepper e Pinkins segnano i primi 16 punti di Casale, che prende il comando della gara sfruttando qualche palla persa di troppo di Bergamo (16-10 al 6’). La difesa dei gialloneri non è delle migliori, ne approfittano anche Valentini e Battistini, che danno ai padroni di casa il primo vantaggio in doppia cifra del match, ma Bergamo trova risorse da Zucca e Zugno che accorciano il gap in chiusura di prima frazione (25-19 al 10’). I gialloneri traggono beneficio dal buon impatto di Roderick nel secondo quarto e tengono la scia, prima di subire l’ennesimo strappo firmato Pinkins-Italiano (36-25 al 15’); Dell’Agnello si gioca la carta della zona già nel primo tempo, e trova subito buone risposte da tutto il collettivo. Bergamo ricuce con calma e pazienza, si porta a -3 con Fattori prima degli ultimi canestri di Musso e Valentini che fissano il 48-40 del primo tempo.

Nella ripresa la musica cambia sin dai primi possessi, con Bergamo che chiude la difesa ed in attacco punisce con Benvenuti e Sergio, autori dello 0-10 che permette ai gialloneri di mettere il naso avanti (48-50 al 23’). Casale non ci sta e la replica è affidata al tiro pesante di Pepper e Battistini, con l’americano che risulta immarcabile e ridà 10 punti di margine ai suoi, sigillati dalla tripla finale di Musso (72-62 al 30’). Bergamo non cede, comincia dalla difesa ad imbrigliare Casale e a risalire: Zucca e Roderick sono i protagonisti del nuovo -5 (77-72 al 33’), Taylor e Fattori firmano due triple per portare i suoi ad un solo punto di distanza, e la parità viene siglata da un ottimo Benvenuti (82-82 al 36’). Casale non demorde, Valentini e Pinkins portano avanti i rossoblu prima della volata finale, dove Musso incendia il PalaFerraris con la tripla del +5 a 55” dalla sirena. Roderick risponde con la stessa moneta per il -2, Bergamo ha il tiro del sorpasso con Fattori – dopo una palla persa da Valentini – ma la sua tripla non va a bersaglio, e dopo l’errore di Pepper è Roderick che si prende la responsabilità dell’ultimo tiro, ma la sua tripla a fil di sirena scheggia il ferro. Finisce 89-87 in favore della Novipiù Casale Monferrato.

Novipiù Casale Monferrato-Bergamo 89-87 (25-19, 48-40, 72-62)

Novipiù Casale Monferrato: Denegri 3 (0/2, 1/3), Cesana (0/2, 0/1), Pepper 29 (5/9, 5/10), Pinkins 23 (6/10, 1/3), Cattapan 2 (0/2); Musso 16 (2/3, 3/7), Italiano 3 (0/1, 1/3), Valentini 8 (0/1, 2/3), Battistini 5 (1/1 da tre), Giovara n.e., Martinoni n.e., Banchero n.e.. All. Ferrari

Bergamo: Taylor 9 (2/3, 1/4), Roderick 20 (8/12, 1/6), Sergio 13 (2/2, 3/5), Fattori 13 (3/4, 2/6), Benvenuti 18 (6/9, 1/1); Casella (0/2, 0/1), Zucca 12 (3/4, 1/3), Zugno 2 (1/2, 0/1), Bedini, Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello

Tiri liberi: Novipiù Casale Monferrato 21/23, Bergamo 10/14

Rimbalzi: Novipiù Casale Monferrato 39 (Pinkins 12), Bergamo 27 (Fattori 5)
Assist: Novipiù Casale Monferrato 24 (Musso, Valentini 5), Bergamo 27 (Roderick 14)
Usciti per 5 falli: nessuno
Spettatori: 2000
canecaccia.com

15/04/2019 08:31

PRESENTAZIONE 29. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST NOVIPIÙ CASALE MONFERRATO-BERGAMO

La volata finale, importante per ottenere la miglior posizione possibile nella griglia Play-Off, vede Bergamo fare visita alla Novipiù Casale Monferrato nella ventinovesima giornata di Serie A2 Old Wild West. Mancano due gare al termine della regular season, ed i giochi sono tutt’altro che fatti: Bergamo sarà ospite di una formazione che ha inanellato cinque vittorie consecutive e si è portata in classifica al sesto posto, in piena zona Play-Off. I gialloneri possono contare sulle tre vittorie del mese di marzo, utili per staccare il pass per la post-season e cercare di chiudere tra le prime cinque, per sfruttare il fattore campo nel primo turno di Play-Off. Sarà una gara combattuta, come lo fu il match del PalaAgnelli dello scorso 28 dicembre: davanti al proprio pubblico – sempre molto caldo e numeroso – Casale non perde da due mesi; Sergio e compagni saranno chiamati all’ennesima grande partita della loro straordinaria stagione.

Coach Ferrari dovrà sicuramente fare a meno per questo impegno di Martinoni, capitano dei rossoblu, che starà fermo ai box fino all’inizio dei Play-Off a causa di una lesione al bicipite femorale sinistro. In campo spazio alla coppia di guardie Denegri e Cesana (quest’ultimo assente al PalaAgnelli), all’ultimo arrivato – l’americano Pepper – nello spot di ala piccola, ed ai lunghi Pinkins e Cattapan, promosso in quintetto vista l’assenza di Martinoni. Fari puntati sul duo straniero, capace di produrre nelle ultime cinque gare rispettivamente 19.4 e 16.8 punti a partita. Dalla panchina esce l’italoargentino Musso, sesto uomo di lusso (12.6 punti a gara), il cambio del play Valentini, e i due lunghi Italiano e Battistini. Chiudono il roster Giovara, Banchero e Lazzeri.

Coach Dell’Agnello anticipa i temi del match: <<Siamo soddisfatti di aver raggiunto i Play-Off, un traguardo quasi insperato ad inizio campionato ma assolutamente meritato. Casale è una squadra costruita per i piani alti della classifica, molto forte e soprattutto in un buon momento di forma, visto che è reduce da cinque vittorie consecutive. Noi siamo molto fiduciosi dei nostri mezzi e – come sempre – andremo a giocare per vincer con la convinzione di potercela fare. Con l’arrivo di Pepper Casale ha trovato una buona “quadra”, ma resta il fatto che vogliamo proseguire nel nostro bel momento; la sosta forse non ci voleva, ma ci ha aiutato a risolvere qualche piccolo acciacco e a presentarci al completo in Piemonte questo scontro diretto.>>

Arbitri dell’incontro i signori Giacomo Dori di Mirano (VE), Roberto Materdomini di Grottaglie (TA) e Antonio Bartolomeo di Cellino San Marco (BR).

Nella gara di andata netto successo di Bergamo, che al PalaAgnelli si impose 99-85 (Roderick 23, Taylor 20; Musso 18, Tinsley 16).
Palla a due domenica 14 aprile 2019 alle ore 18.00 presso il PalaFerraris di Casale Monferrato. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
canecaccia.com

14/04/2019 15:35

PRESENTAZIONE 27. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BPC VIRTUS CASSINO-BERGAMO

Dopo l’esaltante successo interno colto ai danni di Rieti, Bergamo affronta la BPC Virtus Cassino nella ventisettesima giornata di Serie A2 Old Wild West. A quattro gare dal termine della regular season – per Bergamo saranno tre visto il riposo forzato del prossimo turno – i giochi per la zona Play-Off si stanno delineando: dalla trasferta nel Lazio, in caso di successo, arriverebbe la matematica certezza della post-season. Guai ad abbassare la guardia: Cassino è sì in fondo alla classifica, ma ha sfiorato il successo in casa della Leonis Roma e a Treviglio non ha sfigurato. Coach Dell’Agnello farà leva sull’aspetto mentale di questa gara, i suoi ragazzi dovranno replicare l’atteggiamento messo in campo la scorsa domenica al PalaAgnelli per prendersi i due punti, utili per schiudere le porte dei meritatissimi Play-Off.
I laziali, rispetto al match di andata, hanno operato significative modifiche al roster: fuori il duo americano Jackson-Pepper (il primo andato a Rieti, il secondo a Casale Monferrato), dentro la coppia Ojo–Hall. Coach Vettese piazza il playmaker arrivato tre gare or sono dall’Islanda a gestire il ritmo (24 punti di media con il 50% da due ed il 38% da tre), con Paolin e Raucci sugli esterni (l’ala ex Cantù viaggia a 12.6 punti di media ma ha saltato le ultime due gare). Sotto canestro la classe di Mike Hall (14.7 punti e 12.4 rimbalzi a gara) e la doppia dimensione di Castelluccia. Dalla panchina Sorrentino, Guaccio ed Ingrosso rappresentano le prime opzioni, possibilità di impiego anche per il giovane italo-serbo Razic.
L’assistant coach Andrea Vicenzutto presenta il match: <<Una partita che per noi potrebbe voler dire tanto, stiamo disputando un campionato importante, senza porci limiti, facendo sempre il meglio possibile.  In un campionato così equilibrato anche giocare contro l’ultima della classe può essere un problema, se non affrontata con il piglio giusto. Cassino ha giocatori di talento, per cui non possiamo sottovalutarli, a maggior ragione in casa loro: l’aver sistemato il roster, con l’aggiunta di un lungo come Hall, porta loro a giocare in maniera differente, quindi da parte nostra ci saranno degli adeguamenti rispetto al match d’andata. Ci stiamo preparando al meglio, abbiamo l’occasione di raggiungere un traguardo che sembrava impossibile: se giocheremo al 100% avremo le nostre buone chances.>>

Arbitri dell’incontro i signori Mauro Moretti di Marsciano (PG), Gabriele Gagno di Spresiano (TV) e Paolo Lestingi di Anzio (RM).
Nel match di andata vittoria interna di Bergamo per 83-75 (Roderick 21, Taylor 16, Pepper 16, Jackson 15).
canecaccia.com

30/03/2019 07:33

26. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-ZEUS ENERGY GROUP RIETI 91-64

Bergamo schianta la Zeus Energy Group Rieti nella ventiseiesima giornata di Serie A2 Old Wild West, con un rotondo 91-64. Una gara dominata dai gialloneri, che dopo 10’ di equilibrio prendono il largo grazie ad una difesa di primissimo livello (21 punti subiti nei due quarti centrali) e ad un attacco in grado di colpire con puntualità chirurgica. Menzione d’obbligo per il duo americano Taylor-Roderick: 46 punti in due, una prestazione di coppia ai limiti della perfezione. Ma, anche questa volta, a ergersi è il gruppo di coach Dell’Agnello, che con questa vittoria vede sempre più vicino il traguardo dei Play-Off, ora distante una sola vittoria. Bergamo torna al terzo posto in classifica e nel prossimo turno sarà impegnata in casa della BPC Virtus Cassino, sabato 30 marzo alle ore 20.45.
La partita è viva sin dai primi possessi; si segna poco (2-3 al 3’), ed i contatti si sprecano sotto canestro. L’equilibrio regna sovrano nei primi minuti, Conti si fa notare con un doppio gioco da tre punti per l’8-11 esterno, ma Bergamo risponde alla grande con un 8-0 a firma Zucca e Roderick. Sul finale di frazione Toscano sigla un personalissimo 0-6 per il nuovo vantaggio reatino (16-17 all’8’), un più che positivo Zucca e Zugno danno il 24-20 in favore di Bergamo al 10’.
Taylor inaugura il secondo periodo con cinque punti di pregevolissima fattura per il +7 Bergamo, i gialloneri tengono il pallino perché Roderick è in palla e la difesa lavora forte, nonostante qualche problema di falli (33-25 al 13’). La guardia di Philadelphia prosegue nel suo show per il primo vantaggio in doppia cifra, ed il pubblico si spella le mani perché il duo americano domina in lungo ed in largo. Il parziale si dilata fino al 44-25 con l’ennesimo gioco da tre punti di Roderick e le magie di Taylor, Bergamo si prende completamente l’inerzia della gara e tocca con capitan Sergio il +20 in chiusura di frazione, arrotondato da un pazzesco canestro di Taylor sulla sirena per il 51-29 all’intervallo lungo.
Bergamo non si ferma, Roderick è il solito trottolino imprendibile e la difesa tiene egregiamente (56-30 al 23’). Taylor fa saltare il PalaAgnelli con un canestro clamoroso che vale il +28 Bergamo, Rieti ci prova con Bonacini e Jones e la pressione a tutto campo, che frutto un mini-break di 0-5 (58-37 al 26’), ma di fatto non c’è partita. Bergamo non ripete l’errore di due settimane fa contro Trapani e schiaccia il piede sull’acceleratore per tornare a +28 con uno stratosferico Taylor, ci pensano Benvenuti e Casella a chiudere il quarto sul 70-41 in favore dei gialloneri.
L’ultimo quarto è pura accademia: Rieti non ha la forza per cercare una rimonta, Bergamo resta in controllo senza sporcarsi troppo le mani. C’è tempo per uno schiaccione di Roderick per il nuovo boato del PalaAgnelli, e c’è tempo per vedere in campo i giovani gialloneri Bedini, Piccoli ed Augeri. Proprio quest’ultimo finisce a referto con il primo punto della propria carriera in Serie A2, tra gli applausi dei tifosi. Finisce 91-64 in favore di Bergamo, nel tripudio generale di un palazzetto sempre più caldo.

Bergamo-Zeus Energy Group Rieti 91-64 (24-20, 51-29, 70-41)

Bergamo: Taylor 24 (8/9, 2/4), Roderick 22 (7/11, 2/3), Sergio 9 (1/1, 2/6), Fattori 3 (0/3, 1/4), Benvenuti 7 (2/3, 1/1); Casella 9 (0/2, 3/7), Zucca 8 (0/1, 2/4), Zugno 8 (1/2, 1/2), Bedini, Piccoli (0/1), Augeri 1 (0/1). All. Dell’Agnello
Zeus Energy Group Rieti: Jackson 5 (1/5, 1/5), Conti 12 (3/3, 0/2), Toscano 14 (3/6, 0/2), Jones 13 (2/9, 0/6), Gigli (0/2); Vildera 7 (2/4), Bonacini 2 (1/2, 0/3), Carenza 6 (1/1, 1/3), Casini 5 (1/2, 1/4), Annibaldi n.e.. All. Rossi

Tiri liberi: Bergamo 11/16, Zeus Energy Group Rieti 27/35
Rimbalzi: Bergamo 43 (Roderick 12), Zeus Energy Group Rieti 36 (Jones 7)
Assist: Bergamo 19 (Roderick 8), Zeus Energy Group Rieti (Jackson 2)
Usciti per 5 falli: Zucca (Bergamo), Toscano (Zeus Energy Group Rieti)

Spettatori: 978
canecaccia.com

25/03/2019 06:52

25. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BENACQUISTA LATINA-BERGAMO 84-75

Al termine di una gara estremamente equilibrata, la Benacquista Latina si impone 84-75 su Bergamo, raggiungendo così i gialloneri in classifica a quota 30 punti, nel gruppetto di squadre al terzo posto. Ai ragazzi di coach Dell’Agnello non riesce l’allungo sui pontini, bravi a mettere il naso davanti nel momento cruciale del match e a respingere gli assalti finali guidati dai due americani di Bergamo. Ora il calendario regala un altro scontro di alta classifica: la quint’ultima giornata di campionato mette di fronte ai gialloneri la Zeus Energy Group Rieti, una gara importante per rimanere nelle zone nobili della graduatoria.

Non c’è Fabi per Latina, grande protagonista del match di andata; l’avvio gara scorre sui binari dell’equilibrio (5-4 al 3’), Roderick illumina la scena con una super schiacciata in contropiede e un lay-up, dall’altra parte è Carlson a guidare i suoi. La situazione di parità non si schioda, Roderick arriva presto a quota 8 punti (12-12 al 7’), Zugno e Lawrence salgono in cattedra con cinque punti a testa per dare vita ad un finale di quarto scoppiettante, chiuso da una tripla di Casella per il vantaggio di Bergamo (20-22 al 10’).

Si gioca su buoni ritmi, Bergamo resta avanti di misura con Fattori e Zucca (25-26 al 12’), Latina replica con Baldassare e Cucci per la parità a quota 33 al 15’. Dell’Agnello predica maggiore attenzione in difesa, Fattori recita la parte dell’attore protagonista con 8 punti nel quarto, all’interno del botta e risposta con Lawrence (37-40 al 18’), Carlson è sempre ispirato dall’arco ma l’ultima parola del primo tempo spetta a Roderick, che inchioda la schiacciata che vale il 40-42 all’intervallo lungo.

Anche la ripresa inizia sulla falsa riga dei primi venti minuti: grande equilibrio, nonostante la partita si animi sin da subito. Bergamo tiene il pallino con un paio di jumper di Taylor ma Latina è sempre lì; le due squadre esauriscono il bonus con largo anticipo, Carlson dalla lunetta mette la freccia per Latina, Cassese sigla il massimo vantaggio interno dall’arco che obbliga Dell’Agnello al time-out (60-54 al 27’). Torna in campo Roderick con tre falli a carico, Bergamo trae linfa positiva e ricuce con Taylor, prima che Lawrence chiuda la frazione con un 2/2 dalla lunetta (63-58 al 30’).

L’ultimo quarto parte con le triple di Cassese e Roderick, Latina resta avanti di un possesso pieno anche perché in questo frangente si segna poco (66-63 al 33’). Baldassarre e Tavernelli spingono il +7 interno, Dell’Agnello risistema i suoi con un time-out dopo un paio di attacchi non perfetti, Casella e Sergio tengono Bergamo in vita (72-68 al 37’) ma Carlson inchioda la tripla che ridà il +7 interno con 100” da giocare. I gialloneri ci provano sempre con il proprio capitano, ma nell’ultimo minuto Cassese, Cucci e Tavernelli respingono il tentativo di rimonta grazie alla freddezza dalla lunetta, vanificando gli ultimi canestri di Roderick e Taylor. Finisce 84-75 in favore della Benacquista Latina.

Benacquista Latina-Bergamo 84-75 (20-22, 40-42, 63-58)

Benacquista Latina: Tavernelli 6 (1/3, 0/1), Lawrence 16 (3/7, 2/4), Jovovic 2 (1/2), Carlson 22 (1/3, 5/9), Allodi 4 (2/4); Baldassare 6 (1/4), Cucci 12 (4/7), Cassese 16 (2/4, 3/4), Fabi n.e., Cavallo n.e., Ambrosin n.e., Hajrovic n.e.. All. Gramenzi
Bergamo: Taylor 13 (4/9, 1/5), Roderick 20 (5/12, 2/7), Sergio 7 (2/6, 1/2), Fattori 12 (5/8, 0/4), Benvenuti 6 (3/5, 0/2); Zugno 5 (1/3, 1/1), Casella 5 (1/2, 1/4), Zucca 7 (2/3, 1/2), Bedini n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello

Tiri liberi: Benacquista Latina 24/29, Bergamo 8/8

Rimbalzi: Benacquista Latina 39 (Carlson 11), Bergamo 29 (Roderick 6)

Assist: Benacquista Latina 11 (Lawrence, Tavernelli 4), Bergamo 8 (Taylor 3)

Usciti per 5 falli: Sergio, Zugno (Bergamo)

Spettatori: 1000
canecaccia.com

17/03/2019 07:39

24. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-2B CONTROL TRAPANI 82-77

Una Bergamo in versione Dr. Jekyll e Mr. Hyde porta a casa una vittoria pesantissima in ottica play-off, battendo al PalaAgnelli la 2B Control Trapani per 82-77. Una gara dai due volti: primo tempo letteralmente dominato dai gialloneri, splendidi in difesa e precisi attacco (64% dal campo dopo 20’), e una ripresa dove Trapani ha saputo risalire da -26, trovando la parità a poco più di due minuti dalla fine. Ma, quando gli spettri di un epilogo clamoroso stavano aleggiando, appare capitan Sergio, i cui cinque punti finali fanno esplodere i tifosi bergamaschi, per una vittoria dal peso specifico altissimo. Bergamo sale a quota 30 punti, raggiungendo Rieti al terzo posto in classifica; sabato 16 marzo a Latina altro scontro ad alta quota, all’interno di un campionato più imprevedibile che mai.

Bergamo parte con le marce alte: le triple di Taylor e Fattori, unite alla gran difesa, scavano il primo solco (11-2 al 4’). Trapani è in difficoltà, Benvenuti ed il solito Taylor spingono il +12, prima che dalla panchina siciliana esca Miaschi a dare luce ai suoi (20-14 all’8’); Dell’Agnello è attento, Roderick esala 8 punti consecutivi per mettere Bergamo ancora in doppia cifra di vantaggio a fine primo quarto (28-19 al 10’).

I gialloneri proseguono con la striscia da tre punti: Taylor e Casella disegnano il +13, capitan Sergio si iscrive al match con due canestri d’autore per il massimo vantaggio (40-23 al 14’). Bergamo resta in controllo, Trapani prova la reazione con cinque punti filati di Nwohuocha ma è un fuoco presto spento; Fattori e Benvenuti tengono alto il margine, in difesa Bergamo non concede nulla e si materializza il +20 dopo il lay-up del numero 25 (47-27 al 18’). È ancora Fattori il protagonista a fine quarto, i cui sette punti negli ultimi due minuti valgono il 55-29 al 20’.

Nella ripresa succede quello che non ti aspetti: Bergamo non segna per sette minuti abbondanti, in cui Trapani risale grazie ad un incredibile parziale di 0-17. Dell’Agnello prova in tutti i modi a destare i suoi, ci pensano i liberi di Taylor ed una provvidenziale tripla di Zucca a sbloccare i gialloneri, ma i siciliani ormai sono mentalmente tornati nel match, con Marulli che sulla sirena inchioda la tripla che riapre la partita (62-51 al 30’).

Trapani ci crede, Clarke e Mollura replicano a Roderick per il -8 (64-56 al 32’), ancora Marulli scrive il -5 quando mancano cinque minuti alla sirena e sul PalaAgnelli calano i fantasmi. La paura si materializza dopo la tripla di Clarke ed il libero di Mollura che valgono la parità a quota 71, ma qui sale in cattedra capitan Sergio. La sua tripla vale il 74-71 con meno di due minuti da giocare, Taylor dipinge il nuovo +3 dopo il liberi di Mollura e Benvenuti consolida il margine con un gran canestro da sotto. La partita si decide sull’ultimo possesso giallonero: Sergio è abile a farsi trovare pronto dopo l’errore di Taylor, ed il suo lay-up vale il +5 a 11” dalla sirena. Finisce 82-77 in favore di Bergamo, per la gioia del festante pubblico del PalaAgnelli.

Bergamo-2B Control Trapani 82-77 (28-19, 55-29, 62-51)

Bergamo: Taylor 17 (2/4, 3/7), Roderick 19 (5/12, 2/4), Sergio 11 (3/3, 1/2), Fattori 12 (3/7, 1/4), Benvenuti 14 (5/6, 1/3); Casella 3 (1/1 da tre), Zucca 3 (1/1 da tre), Zugno 3 (1/4, 0/1), Bedini n.e., Piccoli n.e., Augeri n.e., Monti n.e.. All. Dell’Agnello
2B Control Trapani: Clarke 15 (2/6, 3/8), Ayers 7 (1/6, 1/7), Mollura 8 (1/2, 1/2), Pullazi 6 (3/6, 0/4), Renzi 13 (5/7, 0/1); Miaschi 10 82/2, 2/5), Artioli, Czumbel, Marulli 10 (1/3, 2/5), Nwohuocha 8 (4/6). All. Parente

Tiri liberi: Bergamo 14/19, 2B Control Trapani 12/15

Rimbalzi: Bergamo 36 (Roderick, Sergio 8), 2B Control Trapani 42 (Pullazi 9)

Assist: Bergamo 17 (Taylor 9), 2B Control Trapani 10 (Ayers, Clarke, Czumbel, Nwohuocha 2)

Usciti per 5 falli: nessuno

Spettatori: 1000
canecaccia.com

10/03/2019 23:05

PRESENTAZIONE 24. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-2B CONTROL TRAPANI

Dopo un mese di assenza Bergamo torna tra le mura amiche del PalaAgnelli per la ventiquattresima giornata di Serie A2 Old Wild West. Reduce dalla splendida avventura in Coppa Italia, dove Sergio e compagni hanno sfiorato la finalissima, i gialloneri affrontano la 2B Control Trapani, in uno scontro – l’ennesimo – importante sulla via dei Play-Off. Comincia la lunga volata finale: sette gare che definiranno le formazioni ammesse alla post-season, partendo da questo scontro con i siciliani, rientrati nella corsa dopo le tre vittorie consecutive inanellate a febbraio (ultima quella con la capolista Virtus Roma).

Trapani non ha mutato il suo roster: attenzione speciale per Rotnei Clarke, play USA da 20.5 punti a gara (dovrebbe rientrare proprio in questa occasione dopo due settimane di stop), ma fari puntati anche su Andrea Renzi, uno dei lunghi italiani più dominanti del campionato (18.1 e 5.3 rimbalzi di media). Il resto del quintetto è di valore: sugli esterni Miaschi – classe 2000, uno dei prospetti migliori della sua annata – e l’altro americano Ayers (12.6 punti a partita), mentre sotto canestro c’è il grande ex, Rei Pullazi, due stagioni in giallonero tra il 2015 ed il 2017, solida presenza nello scacchiere di coach Parente. Dalla panchina pronti il bergamasco Marulli, come cambio del playmaker, gli esterni Czumbel e Mollura ed i lunghi Artioli e Nwohuocha.

Il vice allenatore Andrea Vicenzutto parla così in fase di presentazione della partita: <<Finalmente torniamo a giocare tra le mura amiche, dopo un mese di assenza. Affrontiamo una squadra – Trapani – che si trova ai margini della griglia Play-Off, e che quindi avrà grandi motivazioni; allo stesso tempo noi siamo spinti dalla stessa idea, perché con una classifica così corta ogni partita sarà decisiva. Niente calcoli, dobbiamo affrontare la sfida nel miglior modo possibile, come sempre fatto.>>

Arbitri dell’incontro i signori Claudio Di Toro di Perugia, Gianfranco Ciaglia di Caserta e Francesco Meneghini di Verona.

All’andata vittoria di Bergamo, corsara al PalaConad di Trapani per 84-90 (Clarke 18, Marulli 17; Roderick 40, Taylor 17).

Palla a due domenica 10 marzo 2019 alle ore 17.00 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.


VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

10/03/2019 07:41

QUARTI DI FINALE – COPPA ITALIA SERIE A2 BERGAMO-XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO 83-75

Una Bergamo “tenace, feroce e concentrata”, come affermato da coach Dell’Agnello al termine della gara, si qualifica meritatamente alle semifinali di Coppa Italia battendo 83-75 i padroni di casa della XL Extralight Montegranaro. Una gara dominata nei primi 20′ da Sergio e compagni, capaci di toccare anche il +22, un terzo quarto di sofferenza con la rimonta di Montegranaro e la lucidità nei momenti topici dell’ultima frazione, gestiti in maniera impeccabile. Il solito Roderick è il trascinatore con 24 punti, ma sono da sottolineare le prestazioni dei tre lunghi: Fattori, Benvenuti e Zucca chiudono rispettivamente a 18, 14 ed 11 punti. Si torna subito in campo per la semifinale: di fronte un altro ostacolo di enorme spessore come la De’ Longhi Treviso, che nel suo quarto di finale ha travolto Latina 100-78 (palla a due alle ore 20.45, sempre al PalaSavelli).

I gialloneri partono decisi, Benvenuti e Taylor danno il primo vantaggio (8-3 al 3′), in difesa le maglie sono strette e i marchigiani faticano. Bergamo gioca forte, con l’intensità giusta, Roderick è già in palla e lo dimostra inchiodando un contropiede; Pancotto sbotta in panchina dopo un facile lay-up di Zucca ma i suoi soffrono al cospetto delle folate di Taylor (14-8 al 7′). Simmons fa sentire i muscoli in area ma Bergamo resta avanti perché Fattori colpisce dall’arco e spinge la doppia cifra di vantaggio, margine arrotondato da Roderick e Casella (25-13 al 10′).

Bergamo c’è, anche in avvio di secondo quarto, con Roderick che spara il siluro del +16, e Zucca che dà man forte a tenere alto il margine (35-19 al 13′). Montegranaro non riesce a replicare all’energia giallonera, Zucca sigla il gioco da tre punti che vale il +20 prima che Amoroso dia la scossa con un paio di giocate delle sue (41-26 al 26′). Bergamo riprende a macinare, Roderick e Fattori sono imprendibili, Zucca schiaccia il +22, ci pensa Simmons dall’altra parte a fissare il 50-32 del primo tempo.

I padroni di casa provano a ricucire il divario in avvio di ripresa con Palermo e Corbett (54-39 al 23′), anche il pubblico cerca di trascinare i propri giocatori dopo il canestro di  Corbett che obbliga Dell’Agnello al time-out. Bergamo è un po’ contratta anche se c’è sempre Roderick ad indicare la strada, Montegranaro ruggisce con il solito Corbett e con Simmons (60-51 al 27′); sul finale Negri trova la bomba del -5 per il boato del PalaSavelli e le squadre si presentano all’ultimo decisivo quarto distaccate di soli due possessi (62-57 al 30′).

Bergamo si ricompone in fretta dopo il mini-intervallo: Taylor, Sergio e Zucca spingono i gialloneri al nuovo +11 (69-58 al 32′), Amoroso replica dall’arco dando vita ad un lungo finale vibrante. Corbett scrive il -6, Roderick risponde immediatamente, poi Fattori e Benvenuti mettono il +12 a 2’40” dalla sirena che sa di sentenza anticipata. Montegranaro ha però orgoglio, Corbett e Simmons sprigionano l’ultimo sforzo (78-70 a 1’20” dalla conclusione), ma dalla lunetta Taylor e Roderick sono glaciali e chiudono i conti. Finisce 83-75 per Bergamo, che vola in semifinale contro Treviso.

Bergamo-XL Extralight Montegranaro 83-75 (25-13, 50-32, 62-57)

Bergamo: Taylor 11 (4/7, 0/1), Roderick 24 (9/18, 1/4), Sergio 3 (0/2, 1/2), Fattori 18 (3/4, 4/8), Benvenuti 11 (4/6, 1/1); Zucca 14 (6/6, 0/2), Casella 2 (1/1), Zugno (0/1), Bedini, Piccoli n.e., Marelli n.e., Augeri n.e.. All. Dell’Agnello

XL Extralight Montegranaro: Palermo 8 (1/3, 2/3), Corbett 21 (5/9, 2/10), Negri 8 (1/2, 2/3), Amoroso 10 (2/5, 2/6), Simmons 13 (5/8); Traini 2 (1/1, 0/2), Mastellari 5 (1/3 da tre), Testa 4 (1/1), Petrovic 2 (1/1), Treier 2 (1/1, 0/1). All. Pancotto

Tiri liberi: Bergamo 8/10, XL Extralight Montegranaro 12/16

Rimbalzi: Bergamo 29 (Taylor 29), XL Extralight Montegranaro 24 (Simmons 8)

Assist: Bergamo 19 (Taylor, Roderick 7), XL Extralight Montegranaro 16 (Simmons 4)

Usciti per cinque falli: Traini, Negri (XL Extralight Montegranaro)

Spettatori: 2300
canecaccia.com

02/03/2019 07:46

PRESENTAZIONE QUARTI DI FINALE – COPPA ITALIA SERIE A2 BERGAMO-XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO

Arriva il weekend della Final Eight di Coppa Italia. Bergamo affronta l'appuntamento in terra marchigiana – si gioca al PalaSavelli di Porto San Giorgio – sfidando nei quarti di finale i “padroni di casa” della XL Extralight Montegranaro. Una gara che negli ultimi anni è diventata una classica, e che si rinverdisce in questa manifestazione, alla quale le  due società prendono parte per la prima volta nella loro storia. I ragazzi di Dell'Agnello si trovano davanti una formazione che ha inanellato una striscia di dodici vittorie consecutive nel girone Est (striscia tutt'ora aperta), dato che ha permesso a Montegranaro di issarsi al secondo posto in classifica appena dietro la Fortitudo Bologna (sconfitta peraltro la scorsa domenica al PalaDozza). I gialloblu, organizzatori della kermesse, potranno contare sul tifo del proprio pubblico, ma Bergamo ha già dimostrato in stagione di poter competere ai massimi livelli lontano dal PalaAgnelli, come testimoniano le sette vittorie ottenute in trasferta.
Montegranaro presenta la seconda miglior difesa del girone Est (73.3 punti subiti di media), e l'aspetto difensivo sarà un tema importante su cui giocarsi l'accesso alle semifinali.
Dieci giocatori di rotazione, gestiti da Cesare Pancotto nel miglior modo possibile: il quintetto-tipo vede Palermo in cabina di regia, nello spot di guardia il pericolo numero uno, Corbett, realizzatore di primo livello (19.2 punti di media, 30 domenica scorsa a Bologna), mentre Negri è il collante tra i due reparti. Per chiudere l'esperienza di Amoroso, 39 primavere a settembre ma classe intatta - una sorta di playmaker aggiunto – e l'atletismo di Simmons nel ruolo di pivot, 12.4 punti e 8.9 rimbalzi di media. Dalla panchina Traini, Testa e Mastellari sono i cambi nel reparto esterni, mentre i giovani Treier e Petrovic (entrambi classe 1999) daranno fiato al duo titolare sotto canestro. Nessun giocatore scende sotto i 9' di utilizzo, tutti danno il loro contributo tangibile in campo.
Coach Dell'Agnello alla vigilia dell'appuntamento: <<Andiamo a scartare il regalo che ci siamo fatti – meritatamente – dopo il girone d'andata. L'avversario è il più temibile possibile, visto che Montegranaro arriva a questo appuntamento da dodici vittorie consecutive, una squadra che dire in forma è usare un eufemismo: sono però convinto dei nostri mezzi, abbiamo tutto per fare una buona partita. Loro sono i favoriti, ma noi abbiamo le armi per metterli in difficoltà. Abbiamo dimostrato che non soffriamo le partite in trasferta, cercheremo di controllare il ritmo per non concedere loro folate offensive improvvise. Siamo molto contenti di giocarci questa Coppa Italia, solo otto squadre su trentadue hanno ottenuto questa possibilità: visto che possiamo ballare, vogliamo ballare.>>
Arbitri dell’incontro i signori Enrico Boscolo Nale di Chioggia (VE), Sergio Noce di  Latina e Salvatore Nuara di Selvazzano Dentro (PD).
Palla a due venerdì 1 marzo 2019 alle ore 21.00 presso il PalaSavelli di Porto San Giorgio. Diretta su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.

CONTATTI: VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

28/02/2019 07:55

23. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST LEONIS ROMA-BERGAMO 96-70

Brusco stop per Bergamo, che dopo il successo di Biella cede al Pala Ponte Grande di Ferentino alla Leonis Roma. Una battuta d'arresto netta, come testimoniato dal 96-70 finale: una gara subito in salita per gli uomini di Dell'Agnello, che hanno faticato a trovare la via del canestro e non sono riusciti ad arginare Jones, MVP della sfida con 32 punti a referto. Bergamo resta al quarto posto in classifica, ed è attesa dal weekend di Coppa Italia: venerdì 1 marzo il via alla kermesse con il quarto di finale contro la XL Extralight Montegranaro, al PalaSavelli di Porto San Giorgio (palla a due alle ore 21.00).
Inizio da mani fredde, ci pensa Fattori a rompere il ghiaccio, prima che la Leonis alzi la testa e trovi canestri con Jones e Fall (8-7 al 5'). Si sbaglia molto in questo frangente, i padroni di casa restano avanti con Fall, costringendo Dell'Agnello a cambiare le carte in tavole inserendo Casella e Zucca, ma Bergamo continua a litigare con il canestro; Roma amplia il suo margine con Loschi dalla lunetta, chiudendo avanti la prima frazione sul 17-9 grazie alla tripla di Jones a fil di sirena.
Roma tocca con Jones la doppia cifra di vantaggio, Bergamo trova punti da Zugno ma Hollis e Loschi mettono a nudo i problemi dei gialloneri (26-12 al 13'). Dell'Agnello scuote i suoi ma le risposte non sono quelle desiderate, Jones invece continua a martellare dall'arco per il +18 interno (36-18 al 17'), di qua Casella e Roderick vanno a segno dalla lunetta. Un fuoco di paglia, perché la Leonis non cede e chiude
saldamente avanti il primo tempo 43-27.
La musica purtroppo non cambia: Bergamo continua a non segnare e per Roma gestire il divario non è
complicato (45-27 al 23'). Fattori e Benvenuti sprigionano un mini-break che dà vita ai gialloneri - ancora a -13 - ma è un attimo perché Roma riprende il filo con Amici, i cui sei punti consecutivi ridanno margine ai suoi (53-36 al 26'). La gara procede a strappi, Bergamo ricuce con pazienza fino al -11, ma in chiusura di periodo Roma allunga nuovamente sfruttando un doppio fallo tecnico alla panchina giallonera (62-42 al 30').
Nel mini-intervallo un battibecco tra Roderick ed Amici porta all'espulsione di entrambi, e di fatto non c'è più partita. Roma sfonda con i suoi americani, Bergamo non trova reazione se non con qualche viaggio in lunetta (72-46 al 33'). La gara dice poco, Roma tiene sempre un consistente vantaggio e manda in porto il match senza troppe difficoltà. Al Pala Ponte Grande finisce 96-70 in favore della Leonis Roma.

Leonis Roma-Bergam0 96-70 (17-9, 43-27, 62-42)
Leonis Roma: Fanti 2 (1/3), Jones 32 (7/12, 4/8), Amici 11 (2/2, 2/4), Hollis 11 (3/11, 1/3), Fall 12 (6/9);
Loschi 11 (2/7 da tre), Infante 6 (2/2), Bushati 8 (1/2, 2/4), Bonessio, Cianci, Santini, Rocchi 3 (1/1 da
tre). All. Nunzi
Bergamo: Taylor 17 (5/10, 1/6), Roderick 5 (2/9, 0/2), Sergio 3 (0/2, 1/5), Fattori 12 (3/5, 2/6),
Benvenuti 16 (4/4, 2/3); Zucca 2 (0/1), Casella 8 (1/4, 1/6), Zugno 7 (2/3, 0/1), Bedini, Piccoli n.e.. All.
Dell’Agnello
Tiri liberi: Leonis Roma 16/19, Bergamo 15/20
Rimbalzi: Leonis Roma 49 (Hollis 11), Bergamo 32 (Fattori, Roderick 6)
Assist: Leonis Roma 20 (Amici 7), Bergamo 6 (Roderick 3)
Usciti per 5 falli: nessuno. Espulsi Dell'Agnello (Bergamo) per doppio fallo tecnico, Roderick (Bergamo) ed Amici (Leonis Roma) per reciproche scorrettezze.
Spettatori: 300
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

24/02/2019 09:44

PRESENTAZIONE 23. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST LEONIS ROMA-BERGAMO

Altra viaggio on the road per Bergamo, che dopo l'esaltante vittoria ottenuta a Biella prova a ripetersi in casa della Leonis Roma nella ventitreesima giornata del campionato di Serie A2 Old Wild West. Per i ragazzi di Dell'Agnello - consolidata la terza piazza in classifica - arriva l'ostacolo dei capitolini, vittoriosi a Legnano dopo una striscia negativa di sette gare: un avversario ostico e di livello, che però ha faticato a trovare continuità in questo campionato. La Leonis si trova appena due punti sopra il terz'ultimo posto - che significa play-out - e vorrà lasciare quanto prima la zona calda della graduatoria; di contro una Bergamo desiderosa di replicare l'energia e la determinazione messe in campo in Piemonte, per cercare di strappare altri due punti importanti in chiave play-off.
La Leonis ha mutato pelle nel corso della stagione, a partire dalla panchina: a dirigere le operazioni c'è Luciano Nunzi, subentrato a Fabio Corbani lo scorso fine gennaio. Il tecnico marchigiano dovrà sicuramente fare a meno di capitan Piazza, fermo ai box da un mese circa e non ancora pronto al rientro sul parquet. Lo starting five vede Fanti in cabina di regia, il nuovo arrivato Jones nello spot di guardia (l'ex Jesi sta viaggiando a 18.6 punti in 5 gare giocate con la Leonis da quando ha sostituito Zeisloft), mentre sulle ali fari puntati su Amici e Hollis: l'ala italiana si sta ben comportando (14.8 punti e 4 assist di media), mentre il lungo americano – ex della partita - totalizza 15.6 punti di media, ma nelle gare interne sa alzare l'asticella del suo rendimento. Sotto canestro i muscoli di Fall, 9 punti e 7.2 rimbalzi. Dalla panchina le prime
opzioni gli esterni Loschi, tiratore che viaggia a 10.2 punti di media, e Bushati, altro volto nuovo arrivato nella Capitale da Roseto, mentre l'esperienza di Infante e Bonessio servirà per dare il cambio ai due lunghi titolari.
Andrea Vicenzutto, vice-allenatore di Bergamo, parla in vista della sfida ai laziali: <<La partita di Biella ci dà buone sensazioni, siamo motivati dopo la bella vittoria della scorsa settimana. I ragazzi hanno dimostrato grande attitudine e voglia nella gara in Piemonte; siamo altrettanto motivati, ci troviamo davanti una partita sicuramente non facile poiché la Leonis in casa è una formazione molto temibile, dovremo cercare di ripeterci per non complicarci le cose. L'aspetto principale sarà mettere in campo l'atteggiamento mostrato a Biella, giocando una gara senza pensare né al passato né al futuro, ma pensando a questa sfida come fosse decisiva.>>
Arbitri dell’incontro i signori Enrico Boscolo Nale di Chioggia (VE), Fabio Ferretti di Nereto
(TE) e Simone Patti di Montesilvano (PE).
All’andata successo di Bergamo, vittoriosa al PalaAgnelli per 75-69 (Roderick 16, Taylor 13; Zeisloft 21, Fall 14).
Palla a due sabato 23 febbraio 2019 alle ore 16.30 presso il Pala Ponte Grande di Ferentino (FR). Diretta su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.

CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

23/02/2019 07:42

PRESENTAZIONE 22. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST EDILNOL BIELLA-BERGAMO

Altra sfida play-off per Bergamo, impegnata all’Hype Forum contro l’Edilnol Biella nella ventiduesima giornata del campionato di Serie A2 Old Wild West. Per gli uomini di coach Dell’Agnello una gara impegnativa – su uno dei parquet più caldi del girone – contro una diretta rivale per uno spot in post-season: Biella si trova nel gruppetto di squadre a 24 punti, immediatamente alle spalle dei gialloneri. Uno snodo importante quando mancano nove gare al termine della regular season, dove fondamentale per Bergamo sarà lo spirito di squadra mostrato nelle ultime trasferte e pareggiare l’intensità di una squadra molto fisica quale è Biella.
I piemontesi hanno operato un’aggiunta a stagione in corso, ovvero l’ala ex Tortona Stefanelli. Si tratta di un’addizione importante, di un giocatore in grado di uscire dalla panchina e di dare un contributo concreto ai suoi (8.7 punti con il 45% da tre). Per il resto lo starting five di coach Carrea è il medesimo della gara di andata: chiavi della squadra in mano a Saccaggi – 11.8 punti e 3.5 assist di media – sugli esterni l’americano Harrell (17.7 punti a gara) e l’ala inglese Wheatle, mentre sotto canestro agiranno Vildera e Sims, l’uomo più in forma di Biella, top-scorer a 22.2 punti a partita e secondo marcatore assoluto del girone Ovest. Dalla panchina le prime opzioni sono Massone, playmaker assente nella gara d’andata, il già citato Stefanelli sugli esterni e l’italoargentino Chiarastella come cambio dei lunghi. Possibili minuti di impiego per il giovane play Bertetti e per l’ala italonigeriana Nwokoye.
Coach Dell’Agnello alla vigilia del match: <<Quello di Biella è un bel campo dove giocare, un ambiente caldo, ed è sempre un piacere giocare su questo tipo di parquet. Noi stiamo disputando un campionato dove abbiamo ottenuto tante vittorie esterne, abbiamo dimostrato di non patire il fattore campo. Ciò che dovremo fare sarà prestare molta attenzione ai rossoblu, che stanno facendo un ottimo campionato: Biella ha una grande organizzazione difensiva, presentano una taglia fisica importante, e noi dovremo necessariamente essere concentrati per tutti i 40’, come spesso abbiamo fatto in stagione.>>
Arbitri dell’incontro i signori Federico Capurso di Torino, Michele Cosimo Pio Capurro di Reggio Calabria e Lorenzo Lupelli di Aprilia (LT).
All’andata successo interno di Bergamo, impostasi 81-76 al PalaAgnelli (Roderick 30, Taylor 17; Sims 24, Harrell 22). Palla a due domenica 17 febbraio 2019 alle ore 18.00 presso l’Hype Forum di Biella. Diretta su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

16/02/2019 13:21

21. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-BENFAPP CAPO D’ORLANDO 77-82

Non basta a Bergamo un Roderick formato-MVP (27 punti, 16 rimbalzi per un complessivo 40 di valutazione), nell’anticipo televiso del PalaAgnelli è la Benfapp Capo D’Orlando che si porta a casa i due punti, preziosi in vista della lunga volata play-off. Il finale, 77-82, premia gli uomini di Sodini, che hanno il grande merito di non uscire mai dal match, specialmente nel quarto periodo quando Bergamo si prende l’ineriza dell partita ma non affonda mai il colpo decisivo. Per i siciliani ottime le prove dei soliti Parks (23 punti) e Triche (21 punti, autore delle giocate decisive negli ultimi 150” di gara), mentre Bergamo, oltre a Roderick, manda in doppia cifra Taylor con 17 punti. Con questo successo Capo D’Orlando aggancia i gialloneri al terzo posto in classifica con 26 punti, portandosi a favore anche lo scontro diretto. Prossima gara per Sergio e compagni la complicata trasferta dell’Hype Forum di Biella, in programma domenica 17 febbraio: un altro duello importnatissimo per tenere le posizioni buone per la post-season. Partita più che gradevole sin dalle prime battute, dove Bergamo mette in mostra il solito duo Taylor-Roderick e Capo D’Orlando risponde con un Triche particolarmente ispirato (9-15 al 5’), bravo ad accendere a turno Bellan e Bruttini. Bergamo tiene la scia dei siciliani con Roderick e Sergio, ma Capo resta avanti con Parks e Laganà; con la prima girandola di cambi i gialloneri si riportano a -2 con Roderick, sul finale sono una tripla di Lucarelli ed i liberi di Triche che danno agli ospiti il vantaggio al pòrimo riposo (25-30 al 10’). La musica non cambia, Capo D’Orlando continua a colpire da fuori e tocca il +8 (28-35 al 12’), tirando con un complessivo 50% dal campo. Bergamo patisce il gioco offensivo dei siciliani, bravi a girare bene la palla e trovare la miglior soluzione possibile; anche Mei si iscrive al concorso di triple per tenere il margine inalterato, ma dopo le urla di Dell’Agnello Bergamo inizia a difendere in maniera più decisa, trovando il -2 con Taylor e restando sempre in scia dei siciliani. Sul finale i gialloneri rimettono la testa avanti con Roderick e Benvenuti, ci pensano i liberi di Sergio a sigillare il primo tempo con Bergamo avanti 48-47. Bergamo tiene il pallino ad inizio ripresa, con Roderick che imperversa (54-51 al 24’), Capo c’è e replica con Parks, all’interno di una gara che rimane sempre molto viva nonostante le percentuali al tiro si abbassino. Si prosegue punto a punto, a Taylor risponde Lucarelli, Roderick fa lo stesso con Parks per il 58-58 del 27’, e sul finale i primi punti di Casella e Zugno permettono a Bergamo di presentarsi agli ultimi 10’ avanti di due punti, 65-63. Zugno inaugura il quarto periodo con un canestro da circo, Parks non ci sta e risponde dall’arco rimettendo i suoi a -1 (69-68 al 32’). Dopo qualche azione confusa, tocca a Roderick salire in cattedra per il +5 interno al 34’, prima che per tre minuti abbondanti non si vada a segno. Gli ultimi giri di lancette sono da cuori forti: Triche accorcia dall’arco (73-71 al 38’), poi sempre dall’arco opera il sorpasso, arrotondato dal contropiede di Lucarelli (73-76 a 1’35” dalla sirena). Dell’Agnello disegna gli utlimi possessi, ma a Bergamo manca il colpo dell’aggancio: il pallone buono se lo trovano nella mani prima Casella e poi Taylor, ma le loro conclusioni per il pareggio trovano solo il ferro, e Capo D’Orlando può festeggiare con i liberi di Laganà e Triche. Al PalaAgnelli finisce 77-82 in favore della Benfapp Capo D’Orlando. Bergamo-Benfapp Capo D’Orlando 77-82 (25-30, 48-47, 65-63) Bergamo: Taylor 17 (4/6, 3/6), Roderick 27 (10/18, 1/5), Sergio 6 (1/2, 1/2), Fattori 6 (1/5, 1/4), Benvenuti 9 (2/5, 0/2); Casella 4 (1/2, 0/4), Zucca 3 (0/1, 1/1), Zugno 5 (2/3), Bedini, Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello Benfapp Capo D’Orlando: Triche 21 (0/8, 5/7), Lucarelli 14 (4/7, 1/9), Bellan 5 (1/1, 1/4), Parks 23 (5/13, 4/7), Bruttini 11 (3/11); Mobio, Mei 3 (1/5 da tre), Laganà 5 (1/3 da tre), Neri (0/1 da tre), Murabito n.e.. All. Sodini Tiri liberi: Bergamo 14/20, Benfapp Capo D’Orlando 17/20
Rimbalzi: Bergamo 42 (Roderick 16), Benfapp Capo D’Orlando 44 (Bruttini 11) Assist: Bergamo 12 (Taylor, Roderick 5), Benfapp Capo D’Orlando 13 (Triche 7) Usciti per 5 falli: nessuno Spettatori: 1049
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

10/02/2019 23:18

PRESENTAZIONE 21. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-BENFAPP CAPO D’ORLANDO

Mezzogiorno di fuoco in vista al PalaAgnelli per la ventunesima giornata di Serie A2 Old Wild West. Bergamo ospita la Benfapp Capo D’Orlando in una sfida di alta classifica dal sapore play-off: i gialloneri, reduci dal bel successo in casa di Agrigento che ha rinforzato il terzo posto, affrontano i siciliani che seguono a ruota Sergio e compagni in classifica con 24 punti. Ci si aspetta una partita all’ultimo canestro, come lo è stata quella dell’andata, chiusa dopo un tempo supplementare con la vittoria di Bergamo grazie ai tiri liberi di un glaciale Taylor. Da una parte il duo Taylor-Roderick, dall’altra la coppia Triche-Parks: gli ingredienti per un pomeriggio di assoluto spettacolo ci sono tutti.
Il coach toscano di Capo D’Orlando, Marco Sodini, non può prescindere dai suoi due americani, veri e propri trascinatori dei biancazzurri: Triche viaggia a 24.3 punti di media - miglior realizzatore ad Ovest - ai quali aggiunge 5.1 rimbalzi e 6.2 assist (anche qui, miglior assistman del girone), Parks non è da meno con i suoi 22.1 punti e 7.7 rimbalzi a gara. Fari puntati pure su capitan Bruttini, 13.8 punti e 8 rimbalzi, presenza importante sotto i tabelloni. A completare il quintetto il play Laganà, classe 2000, e l’ala Lucarelli (8.7 punti di media). Dalla panchina le prime opzioni sono Mei e Bellan sugli esterni, mentre Mobio (classe 1998, assente nel match dell’andata) è pronto a dare fiato ai lunghi titolari. Chiudono il roster i millennial Galipò e Neri.
Coach Dell’Agnello alla vigilia del match: <<Un altro scontro diretto in vista, dopo Agrigento affrontiamo Capo D’Orlando. Vincere vorrebbe dire portarsi quattro punti sopra in classifica con lo scontro diretto a favore, per cui la gara sarà molto importante. Non sarà facile limitare il potenziale offensivo dei siciliani, cercheremo di rispondere con la nostra forza di squadra; una chiave della partita sarà il collettivo, ad Agrigento abbiamo mandato sei uomini in doppia cifra e questo deve essere un punto di forza a nostro favore.>>
Arbitri dell’incontro i signori Enrico Bartoli di Trieste, Alex D’Amato di Roma e Nicholas Pellicani di Ronchi dei Legionari (GO).
All’andata vittoria di Bergamo, che dopo un tempo supplementare si impose al PalaSikeliArchivi 89-90 (Triche 25, Parks 22; Roderick 18, Taylor 14). Palla a due domenica 10 febbraio 2019 alle ore 12.00 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su Sportitalia (canale 60 del DDT e 225 del bouquet Sky), diretta su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

09/02/2019 09:11

20. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST M RINNOVABILI AGRIGENTO-BERGAMO 83-92

Bergamo completa la conquista della Sicilia: dopo Capo D'Orlando e Trapani i gialloneri sbancano anche il PalaMoncada di Agrigento, giocando una gara estremamente solida ed interrompendo la striscia negativa di tre sconfitte consecutive. Il finale, 83-92, premia la squadra di Dell'Agnello: sei uomini in doppia cifra, guidati dai 24 punti di uno straripante Taylor, il quale trascina letteralmente i suoi con ultimo quarto da 16 punti. Bergamo rinsalda così il terzo posto in classifica, salendo a quota 26 punti e tenendo il ritmo delle altre squadre che si stanno giocando le posizioni play-off. Domenica 10 febbraio altro scontro diretto al PalaAgnelli: alle ore 12 arriverà la Benfapp Capo D'Orlando, per un mezzogiorno che si preannuncia particolarmente rovente. Equilibrio nei primi minuti di gioco, con Bergamo che tiene la scia dei padroni di casa (7-6 al 3’); Fattori e Benvenuti si distinguono in questa fase del match, Bergamo allunga grazie ad un’ottima difesa che frutta un paio di recuperi tramutati in altrettanti canestri (9-16 al 6’). Agrigento si rianima dopo un time-out grazie ad Ambrosin e Guariglia, ma Bergamo si affida sempre a Benvenuti che chiude il primo quarto con otto punti a referto e tiene Bergamo avanti (21-26 al 10’). Bergamo tenta la carta della zona ad inizio secondo quarto, Agrigento però sorpassa grazie a Cannon e alle triple di Ambriosin e Sousa (29-28 al 13’); Dell’Agnello richiama i suoi, Zugno risponde alla grande con cinque punti consecutivi che rimettono Bergamo avanti, anche Sergio è in serata e con Casella colpisce dall’arco per il +7 giallonero (32-39 al 17’). Roderick consegna il primo vantaggio in doppia cifra a Bergamo, i gialloneri continuano a difendere in maniera impeccabile sulla palla, Agrigento riesce ad accorciare con Bell sulla sirena e al riposo lungo il tabellone recita 39-46 in favore di Bergamo. Bergamo esce bene dagli spogliatoi con Taylor e Roderick, Agrigento trova risorse da Sousa ma fatica contro la difesa giallonera; Zugno rimette la doppia cifra di vantaggio dalla lunetta, Fattori ne scrive cinque in fila e Bergamo trova il +16 grazie a Sergio (45-61 al 25’). Agrigento si scuote con Sousa e Pepe, il PalaMoncada prova a trascinare i biancoazzurri alla rimonta che arriva fino al -8 con una tripla di Pepe, prima del canestro di Casella che ferma il break interno (53-63 al 27’). Lo stesso Pepe si guadagna punti con un paio di viaggi in lunetta, Bergamo perde un po’ il filo e permette ai padroni di casa di riportarsi decisamente in partita prima dell’ultimo quarto (62-67 al 30’). In campo si respira tensione, Casella e Fattori si fanno notare e Bergamo torna a respirare (64-74 al 32’). Dall’altra parte Sousa tiene Agrigento a galla, Pepe ci mette il carico dall’arco per riscrivere il -5 interno, e dopo un libero di Sergio è Ambrosin ad aprire la lunga volata finale con la tripla del 73-76. Dopo il time-out giallonero, inizia il Brandon Taylor show: prima la tripla del nuovo +6, poi un paio di rubate per due facili sottomano a respingere gli assalti di Sousa e Pepe, ed infine la tripla che chiude la gara. Al PalaMoncada finisce 83-92 in favore di Bergamo, alla sesta vittoria esterna stagionale. M Rinnovabili Agrigento-Bergamo 83-92 (21-26, 39-46, 62-67) M Rinnovabili Agrigento: Ambrosin 13 (2/6, 3/5), Bell 17 (3/4, 3/4), Evangelisti 1 (0/1, 0/2), Cannon 14 (5/10, 0/1), Guariglia 5 (1/4); Pepe 15 (1/3, 2/5), Sousa 18 (3/6, 3/5), Fontana (o/1, 0/1), Zilli n.e., Cuffaro n.e., Nicoloso n.e., Trupia n.e.. All. Ciani Bergamo: Taylor 24 (6/8, 3/4), Roderick 8 (3/8, 0/2), Sergio 11 (3/4, 1/2), Fattori 12 (4/6, 1/4), Benvenuti 12 (6/10, 0/1); Zucca 4 (1/1 da tre), Casella 11 (1/2, 3/7), Zugno 10 (1/2, 2/2), Bedini n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello Tiri liberi: M Rinnovabili Agrigento 20/28, Bergamo 11/18 Rimbalzi: M Rinnovabili Agrigento 35 (Cannon 11), Bergamo 34 (Roderick 12) Assist: M Rinnovabili Agrigento 15 (Bell 8), Bergamo 17 (Taylor 7)
Usciti per 5 falli: Ambrosin (M Rinnovabili Agrigento), Benvenuti (Bergamo) Spettatori: 1000
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

04/02/2019 20:33

19. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-REMER TREVIGLIO 73-86

In un PalaAgnelli gremito in ogni ordine di posto (sold out con 2000 presenze), Treviglio si aggiudica con merito il derby bergamasco, al termine di una gara comandata dal primo al quarantesimo minuto. Il risultato finale, 73-86, premia gli uomini di Vertemati, capaci di piazzare già nei primi minuti l’allungo, grazie alle ottime percentuali da tre, e di tenere a bada qualsiasi accenno di rimonta giallonera. Per Bergamo si tratta di una sconfitta amara, giunta davanti ad un pubblico caldissimo; Sergio e compagni hanno patito l’aggressività di Treviglio, senza riuscire a trovare il bandolo della matassa per contrastare gli ospiti. Bergamo resta comunque al terzo posto in classifica, e domenica volerà ad Agrigento per un altro scontro chiave in ottica play-off. Treviglio scatta bene con le triple di Caroti e Nikolic (4-9 al 3’), Bergamo replica con Benvenuti ma è ancora Nikolic ad obbligare Dell’Agnello al time-out. Treviglio resta in controllo con Borra e Roberts, Bergamo ha già capitan Sergio gravato di tre falli (8-16 al 7’) e non riesce a trovare fluidità in attacco; Treviglio continua a bombardare dall’arco trovando il +10 con D’Almeida, prima che i liberi di Roderick fissino il primo quarto sul 14-22 in favore degli ospiti. Bergamo prova a scuotersi ma Roberts e Palumbo respingono i tentativi gialloneri, riaprendo il divario (17-31 al 13’). Treviglio è pienamente in controllo del match, Taylor sigla la prima tripla di squadra dopo quasi 14 minuti, dall’altra parte Roberts prosegue con la sua striscia e porta i suoi al +18. Dell’Agnello ci prova in tutti i modi, Roderick accorcia con cinque punti consecutivi (27-40 al 18’), anche Taylor si fa sentire e permette a Bergamo di tenere il distacco entro proporzioni accettabili all’intervallo (34-45 al 20’). Treviglio si appoggia al solito Roberts in avvio di ripresa, ed i primi canestri del match di Pecchia riportano gli ospiti al +18 (38-56 al 23’). Dell’Agnello si sgola e prova a cambiare il suo quintetto cercando la chiave, ma il rebus Roberts resta insoluto, con il numero 23 che colpisce a ripetizione dai 6.75; sotto canestro Borra fa la parte del leone per il +22 esterno, Bergamo cerca di non mollare con Casella, Taylor e Roderick, che esalano un parziale di 8-0 (48-62 al 28’), ma Treviglio ritrova canestri da fuori e chiude il terzo quarto nettamente avanti (48-70 al 30’). L’ultimo quarto - di fatto – è pura accademia per Treviglio, che non stacca il piede dall’acceleratore e trova il +29 con Taflaj (50-79 al 33’). Bergamo gioca con l’orgoglio, Taylor, Roderick e Sergio rendono il passivo meno pesante in chiusura di gara. Al PalaAgnelli finisce 73-86 in favore della Remer Treviglio. Bergamo-Remer Treviglio (14-22, 34-45, 48-70) Bergamo: Taylor 17 (4/9, 3/6), Roderick 20 (5/13, 1/4), Sergio 6 (1/1, 1/2), Fattori 8 (4/7, 0/2), Benvenuti 9 (4/6); Casella 6 (3/6, 0/3), Zucca 5 (2/6, 0/2), Zugno 2 (1/3), Bedini, Piccoli n.e., Augeri n.e., Marelli n.e.. All. Dell’Agnello Remer Treviglio: Caroti 16 (1/2, 4/5), Roberts 24 (2/7, 6/14), Pecchia 10 (4/9, 0/6), Nikolic 14 (4/6, 2/5), Borra 7 (2/6, 0/1); Palumbo 5 (2/3, 0/1), D’Almeida 6 (1/2, 1/2), Tiberti (0/1), Taflaj 4 (2/3), Abati Tourè, Belotti, Siciliano. All. Vertemati Tiri liberi: Bergamo 10/13, Remer Treviglio 11/15 Rimbalzi: Bergamo 38 (Roderick 15), Remer Treviglio 44 (Borra, Pecchia 9) Assist: Bergamo 12 (Taylor 6), Remer Treviglio 15 (Pecchia 7) Usciti per 5 falli: nessuno Spettatori: 2001 canecaccia.com

01/02/2019 08:59

18. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST AXPO LEGNANO-BERGAMO 92-87

Nel derby lombardo è l’Axpo Legnano che si porta a casa i due punti, battendo Bergamo con il punteggio di 92-87. Una gara da ritmi e punteggio alti, da montagne russe: dopo l’ottimo avvio di Bergamo, i padroni di casa recuperano il gap nel secondo quarto, per poi mettere la testa avanti al 30’. La reazione di Bergamo, veemente, porta i gialloneri ancora avanti a 4’ dalla fine, e qui Legnano è più cinica e trova il successo che la allontana dall’ultimo posto. Per i ragazzi di Dell’Agnello una battuta d’arresto <<che può capitare, dopo 18 giornate>>, come avrà modo di dire il coach livornese in conferenza stampa; sugli scudi Roderick (25 punti e 19 rimbalzi), Fattori e Casella, autori rispettivamente di 18 e 14 punti. Ora testa al derby bergamasco contro la Remer Treviglio, in programma giovedì 31 gennaio al PalaAgnelli. Bergamo scatta di buona lena, sfruttando il buon impatto iniziale di Fattori, autore di sette veloci punti (1-8 al 3’). Legnano paga dazio sempre dal numero 14 giallonero, che inchioda alter due triple consecutive per il primo immediate vantaggio in doppia cifra di Bergamo, che obbliga Mazzetti al time-out. I padroni di casa usano la carta della zona, ma è un azzardo che non paga perché i gialloneri macinano gioco ed in difesa concedono poco; Benvenuti si guadagna la pagnotta colpendo da sotto (10-22 al 7’), Roderick è il solito direttore d’orchestra a 360° ed illumina le azioni di Bergamo, Legnano ha un guizzo in chiusura di frazione con Raffa e Ferri, che accorciano le distanze tra le due squadre (20-27 al 10’). Zugno replica a Serpilli dall’arco mantenendo inalterato il margine in apertura di secondo quarto, Legnano ora ci mette grinta e torna in scia (29-32 al 13’), con Thomas che, dopo una tripla di Bortolani, opera il sorpasso con un gioco da tre punti. Bergamo deve ritrovare fiducia, ma Legnano si prende l’inerzia del momento allungando con Thomas e Serpilli (40-34 al 16’). Dell’Agnello sbraita, Roderick risponde presente finalizzando un gioco da tre punti, Casella e Benvenuti propiziano il contro-break di 0-8 con cui Bergamo torna avanti (40-42 al 18’); Legnano trova in Thomas un totem sotto canestro, ed il neo arrivato sigla la tripla che vale il 43-43 al 20’. Di rientro dagli spogliatoi l’equilibrio prosegue: Benvenuti si fa sentire sotto canestro con quattro punti consecutivi, Thomas e Raffa rispondono con la stessa moneta e Bortolani ridà margine ai suoi (51-47 al 23’). Bergamo non è fluida come al solito ma ci mette energia, Casella tiene Bergamo a contatto (55-54 al 27’), ancora Thomas e Raffa premono sull’acceleratore per ridare sette lunghezze di vantaggio a Legnano. Fattori riappare dall’arco, ma Legnano non si ferma e si presenta all’ultimo intervallo sopra di sette punti (66-59 al 30’). Legnano si prende il massimo vantaggio con Serpilli, Roderick, Benvenuti e Sergio tengono in piedi Bergamo nel momento più difficile, esalando un parziale di 0-7 che rimette i gialloneri in piena corsa (71-70 al 34’). Dopo un time-out Bergamo torna avanti con una gran giocata di Taylor, Casella è attivissimo e infila il +3 in contropiede, Legnano però ha mille vite e con il duo Raffa-Thomas ribalta il risultato (84-81 a 100” dalla sirena). Dell’Agnello disegna gli ultimi possessi, ma tocca a Serpilli siglare la tripla del +6 che sembra chiudere i conti; Roderick e Sergio accorciano fina al -2, Thomas e Raffa non sbagliano dalla lunetta e consegnano il successo ai suoi. Al PalaBorsani finisce 92-87 in favore dell’Axpo Legnano. Axpo Legnano-Bergamo 92-87 (20-27, 43-43, 66-59) Axpo Legnano: Raffa 32 (7/10, 4/8), Bortolani 9 (2/5, 1/4), Bianchi (0/2 da tre), Thomas 25 (7/15, 2/7), Bozzetto 4 (1/2, 0/1); Ferri 6 (2/6 da tre), Serpilli 16 (274, 4/7), Corti n.e., Berra n.e., Ballarin n.e., Coraini n.e., Marazzini n.e.. All. Mazzetti Bergamo: Taylor 8 (2/3, 1/5), Roderick 25 (9/15, 1/5), Sergio 5 (1/3, 1/3), Fattori 18 (3/3, 4/8), Benvenuti 12 (4/10, 0/1); Casella 14 (6/7, 0/3), Zucca (0/1, 0/1), Zugno 5 (1/2, 1/2), Bedini n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Tiri liberi: Axpo Legnano 15/19, Bergamo 11/17 Rimbalzi: Axpo Legnano 39 (Serpilli, Bozzetto 10), Bergamo 44 (Roderick 19) Assist: Axpo Legnano 16 (Ferri 8), Bergamo 17 (Taylor 7) Usciti per 5 falli: Bianchi (Axpo Legnano) Spettatori: 1100
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

28/01/2019 00:13

PRESENTAZIONE 18. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST AXPO LEGNANO-BERGAMO

Bergamo apre la serie di tre gare in otto giorni affrontando in trasferta l’Axpo Legnano nella diciottesima giornata di Serie A2 Old Wild West, terza di ritorno. Si tratta del più classico dei testa-coda, con i gialloneri al secondo posto in classifica ed i biancorossi al penultimo con 6 punti (3 vittorie e 14 sconfitte il bilancio). Per i ragazzi di Dell’Agnello il derby lombardo rappresenta la gara per iniziare nel modo giusto il mini-tour de force di fine gennaio: dopo la partita del PalaBorsani ci sarà il derby bergamasco contro Treviglio – nel turno infrasettimanale – ed il viaggio in Sicilia in casa di Agrigento.
I biancorossi hanno cambiato una pedina all’interno del loro roster: al posto di London è sbarcato a Legnano Charles Thomas, ala vista lo scorso anno in Serie A a Cantù, giocatore dal grande impatto fisico, che ha portato maggiore esperienza. Non c’è più nemmeno Giancarlo Sacco sulla panchina degli Knights: il coach pesarese è stato esonerato dopo quattro giornate di campionato, ed al suo posto è stato promosso il vice Mazzetti. Lo starting five di Legnano vede Raffa nel ruolo di playmaker, giocatore che gestisce molti possessi nonché miglior realizzatore degli altomilanesi (22.1 punti di media); al suo fianco parte il diciottenne Bortolani, guardia che sta viaggiando a 12.5 punti a gara con il 40% da tre punti, mentre nello spot di ala piccola c’è Bianchi. Sotto canestro il già citato Thomas e Bozzetto, ex giallonero, uno dei migliori rimbalzisti del girone (9.2 carambole a gara). Dalla panchina le prime opzioni sono Ferri, altro ex della sfida, primo cambio nel reparto guardie, e Serpilli, giocatore che si doppia nei due ruoli di ala. Possibile spazio per Corti, centro che può dare il cambio a Bozzetto, e all’altro diciottenne Berra. Sempre fermo ai box Benetti.
Andrea Vicenzutto, vice allenatore di Bergamo, analizza la sfida: <<Ci apprestiamo ad un trittico di gare importante, dove sarà fondamentale racimolare più punti possibili. La partita contro Legnano è la prima in ordine di tempo: abbiamo tanta voglia di riscatto dopo la bella ma sfortunata prova di Roma. Troveremo una squadra che sta lottando in ogni gara per allontanarsi dall’ultimo posto, per cui entrambe le squadre avranno grandi motivazioni. Non sarà sicuramente una partita scontata e da sottovalutare. Dovremo essere bravi a passarci la palla in attacco, trovando quella fluidità di gioco che metta in ritmo tutti, ma sarà decisiva – come sempre – l’intensità difensiva che sapremo mettere sul parquet.>>
Arbitri dell’incontro i signori Alessandro Saraceni di Zola Predosa (BO), Alessandro Costa di Livorno e Stefano De Biase di Udine.
All’andata vittoria netta di Bergamo, che sul parquet del PalaAgnelli si impose 79-62 (Taylor 26, Roderick 13; Raffa 17, Bozzetto 15).
Palla a due domenica 27 gennaio 2019 alle ore 18.00 presso il PalaBorsani di Castellanza (VA). Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

26/01/2019 17:27

17. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST VIRTUS ROMA-BERGAMO 82-78 D.T.S.

Lo scontro diretto al vertice del girone Ovest di Serie A2 se lo aggiudica la Virtus Roma, al termine di una gara intensa e vibrante, finita dopo un tempo supplementare. Bergamo lotta fino alla fine con l’immenso carattere che è proprio dei gialloneri, ma si arrende 82-78 dopo 45’ di lotta su ogni pallone. I ragazzi di coach Dell’Agnello giocano una gara encomiabile in difesa - limitando lo spauracchio Sims per trenta minuti - trovano un grande Roderick limitato dai falli (solo 25’ in campo per lui) e consolidano il loro status di grande squadra di questo campionato. Roma prende la testa solitaria della classifica con una partita in più, ma Bergamo resta saldamente al secondo posto, in attesa delle tre gare in otto giorni a cavallo tra gennaio e febbraio: Legnano, il derby contro Treviglio ed Agrigento definiranno l’ultima decisiva parte di campionato. Roma parte bene con Chessa e Sandri, Bergamo si sblocca con Taylor e Roderick che danno il primo vantaggio ai gialloneri (4-6 al 3’). La gara va via a ritmi alti, Taylor è già in palla e con la seconda tripla di giornata tiene Bergamo avanti, e dopo il +4 a firma Casella Roma risale con Landi e Moore, obbligando Dell’Agnello al time-out (13-11 al 8’). Bergamo ha un Casella in grande spolvero, ma Roderick commette il suo terzo fallo in chiusura di quarto; tocca a Sergio con un gioco da tre punti ed allo stesso Casella con un’inchiodata in contropiede fissare il punteggio al 10’ sul 14-19 in favore di Bergamo. Roma impiega un minuto per colmare il gap (19-19 al 12’), la bolgia del Palazzo di Roma trascina i padroni di casa che sorpassano con Sims, all’interno di un break di 7-0. Bergamo prova a scuotersi con Benvenuti, che dalla lunetta ferma l’emorragia di punti ristabilendo la parità, ma Roma si prende il momento e prova l’allungo con Santiangeli (25-21 al 15’). I gialloneri soffrono la fisicità di Roma ma trovano risorse da Fattori, indispensabile con due triple ed un 2/2 dalla lunetta che ridà la testa ai suoi (27-30 al 17’), Roma però replica alla grande con Santiangeli e Landi, trovando il vantaggio alla sirena di metà gara (36-32 al 20’). Coach Dell’Agnello rimanda in campo Roderick nonostante i tre falli, ma la guardia di Philadelphia si vede fischiato il quarto fallo dopo appena 2’. Bergamo si stringe in difesa, la gara si anima in maniera decisa e si segna col contagocce; Roma trova un Landi formato MVP ma i gialloneri non cedono (41-37 al 24’), Moore dà il massimo vantaggio ai suoi sul +7, prima del rientro di Roderick in campo. Roma scappa con Sims, Bergamo ha mille vite e si aggrappa al suo duo a stelle e strisce ma c’è sempre Landi a cacciare i gialloneri a distanza (51-46 al 28’), con Sandri che sigla il 55-48 del 30’ con un jumper sulla sirena. Bergamo è viva, Sergio ed otto punti filati di Roderick permettono ai gialloneri di piazzare uno 0-10 che ribalta il risultato (55-58 al 34’). Moore non ci sta e rimette tutto in equilibrio con 5 minuti sul cronometro, prima di uscire dalla gara gravato da 5 falli, Baldasso e Sims danno tre punti di vantaggio a Roma (65-62 al 37’), ed è Sergio che tiene Bergamo a contatto. Dopo il lay-up di Sims arriva la tripla di Taylor per il +1 Bergamo con 90” da giocare. I nervi fanno da padrone gli ultimi possessi, Roma trova la tripla del +2 con Santiangeli per il boato dei tifosi di casa, spento dal canestro di Benvenuti a 12” dalla sirena che vale pareggio e supplementare. Roderick, dopo il canestro del +2, lascia i suoi compagni con il quinto fallo, ma Bergamo c’è. Dall’altra parte Sims realizza il 2+1 del 75-74 interno, Taylor risponde alla grande, ma Roma sorpassa con Landi e Santiangeli (80-76 al 43’), e Baldasso infila il +6 che lancia Roma nello sprint finale. I gialloneri giocano le loro ultime carte con Taylor che accorcia dalla lunetta, ma l’ultimo tentativo è fuori misura e Roma può alzare le braccia. Finisce 82-78 in favore dei capitolini, Bergamo esce a testa altissima dallo scontro della Capitale.
Virtus Roma-Bergamo 82-78 d.t.s. (14-19, 36-32, 55-48, 70-70) Virtus Roma: Moore 12 (1/4, 3/7), Chessa 2 (1/1, 0/4), Sandri 5 (1/4, 0/1), Landi 21 (3/4, 5/8), Sims 19 (8/14); Santiangeli 13 (1/3, 3/7), Saccaggi 3 (1/3 da tre), Baldasso 4 (2/3, 0/5), Alibegovic 3 (1/3), Lucarelli n.e., Matic n.e., Spizzichino n.e.. All. Bucchi Bergamo: Taylor 21 (1/6, 5/10), Roderick 20 (3/6, 2/5), Sergio 8 (1/2, 1/3), Fattori 11 (0/3, 3/10), Benvenuti 11 (4/7); Casella 7 (2/3, 1/5), Zucca (0/3, 0/3), Zugno (0/2, 0/1), Piccoli n.e., Augeri n.e.. All. Dell’Agnello Tiri liberi: Virtus Roma 10/15, Bergamo 20/21 Rimbalzi: Virtus Roma 49 (Sims 15), Bergamo 41 (Taylor, Roderick 9) Assist: Virtus Roma 21 (Santiangeli 8), Bergamo 12 (Taylor, Roderick 5) Usciti per 5 falli: Moore (Virtus Roma), Roderick (Bergamo) Spettatori: 2745
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

21/01/2019 13:15

PRESENTAZIONE 17. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST VIRTUS ROMA-BERGAMO


Arriva il giorno dello scontro diretto. Bergamo affronta in trasferta la Virtus Roma, in un match che definirà la capolista del girone Ovest di Serie A2 Old Wild West. I capitolini, grazie all’anticipo vittorioso contro Latina, hanno agganciato i ragazzi di Dell’Agnello a quota 24 punti in classifica. La sfida è tra le due squadre che più hanno impressionato nella prima metà di campionato: Bergamo, con il suo gioco spumeggiante e la qualità dei suoi americani e Roma, squadra lunga, solida, attrezzata per il salto di categoria: i giallorossi vantano il quarto attacco del girone e sono la squadra che subisce più falli, a riprova della qualità del proprio roster.
Roma può sfoggiare uno dei migliori giocatori del campionato, Henry Sims, centro che sta dominando a colpi di punti e rimbalzi (20.2+11 di media a gara), ma i giallorossi allenati da Piero Bucchi non sono solo il loro totem sotto canestro. In cabina di regia c’è Moore (16.9 punti e 4.4 assist a partita), e la qualità è diffusa pure negli altri ruoli: il nucleo italiano che chiude lo starting five è composto da Saccaggi nel ruolo di guardia, Sandri e Landi (11.2 punti e 4.9 rimbalzi di media) nei due spot di ala. La forza di Roma sta in una panchina lunga e di qualità: capitan Chessa e il ventenne Baldasso sono i primi cambi nel reparto esterni, mentre Santiangeli ed Alibegovic sono ottime alternative per quanto riguarda i lunghi.
Coach Dell’Agnello anticipa i temi del match: <<Andiamo a sfidare la favorita per la vittoria finale sul suo campo, abbiamo tanta fiducia in noi stessi e nei nostri mezzi perché abbiamo praticamente la stessa classifica, il che legittima le nostre ambizioni di vittoria. Sappiamo che sarà difficilissimo, ma in questo momento crediamo di poter andare a Roma e vincere. Loro hanno pochi punti deboli, ci servirà una difesa organizzata, dove tutti si aiutano per limitare le caratteristiche offensive degli uomini di Bucchi. >>
Arbitri dell’incontro i signori Claudio Di Toro di Perugia, Giacomo Dori di Mirano (VE) e Marco Catani di Pescara. Palla a due domenica 20 gennaio 2019 alle ore 17.00 presso il Palazzo dello Sport di Roma. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

19/01/2019 11:22

16. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-GIVOVA SCAFATI 89-74

La marcia di Bergamo non si ferma nemmeno di fronte alla Givova Scafati, sconfitta in maniera secca 89-74 al PalaAgnelli. Una gara condotta dal primo all’ultimo minuto da parte dei gialloneri, capaci di mettere a referto 57 punti nel primo tempo e di ricacciare indietro ogni tentativo di rimonta dei campani nella ripresa. Menzione per il duo Taylor-Roderick, trascinatori di un gruppo che sta sbalordendo per solidità mentale e bel gioco. Bergamo si trova da sola in cima alla classifica – complice la sconfitta della Virtus Roma a Cassino – e proprio domenica prossima ci sarà lo scontro diretto nella capitale, una sorta di spareggio come l’ha definito coach Dell’agnello nella conferenza stampa post-partita. Prime fase di gara con Bergamo che prova l’allungo con Fattori, autore di sei punti in apertura, ma Scafati resta in scia con Romeo e Rossato (10-6 al 4’). Taylor entra subito in partita e sprigiona assist per Roderick e Benvenuti, autori del +9 interno che obbliga Lardo al time-out. Bergamo vola alla doppia cifra di vantaggio con Sergio (21-10 al 7’), Scafati riduce il gap grazie all’apporto della panchina ma i gialloneri chiudono avanti la prima frazione con i liberi di Taylor e Roderick (27-21 al 10’). È Roderick che spinge nuovamente Bergamo al +10 in avvio di secondo quarto, grazie a due triple che fanno spellare le mani al pubblico di casa. L’energia giallonera travolge Scafati, Taylor sfrutta un fallo antisportivo a proprio favore per aprire il divario che arriva a 13 punti (38-25 al 13’), Zucca stampa una schiacciata da highlight ed insieme a Fattori tiene Bergamo in controllo (48-36 al 17’). Dell’Agnello alterna i suoi a meraviglia, Thomas commette il suo terzo fallo che diventa quarto viste le proteste rivolte alla terna arbitrale e Bergamo ne approfitta per chiudere saldamente avanti il primo tempo (57-44 al 20’). Il monologo bergamasco prosegue nella ripresa, con il collettivo giallonero che gioca a memoria. Fattori sigla dall’arco il +18 prima della timida reazione di Scafati (64-48 al 25’), Zucca e Roderick riscrivono il massimo vantaggio senza che Bergamo cali mai la sua intensità difensiva. Solo dalla lunetta Scafati non esce dal match (71-58 al 28’), ma la ciliegina la mette Roderick con un alley-oop da paura; i campani hanno un guizzo negli ultimi 100” del periodo, e riescono a recuperare fino al -11 (73-62 al 30’). Scafati ci prova, ma Casella e Taylor respingono il tentativo di Passera (77-65 al 33’). Il playmaker della California è letale dall’arco e guida l’attacco giallonero con i tempi giusti, Roderick delizia la platea e ci pensano Casella e Benvenuti a chiudere anzitempo la contesa (88-71 al 36’). Scafati sprofonda dopo un altro fallo tecnico fischiato a Contento, alzando bandiera bianca definitivamente. Gli ultimi 2’ di gioco sono pura accademia, al PalaAgnelli vince nettamente Bergamo 89-74. Bergamo-Givova Scafati 89-74 (27-21, 57-44, 73-62) Bergamo: Taylor 21 (4/5, 2/6), Roderick 26 (6/10, 3/6), Sergio 2 (1/1, 0/3), Fattori 13 (2/3, 3/5), Benvenuti 11 (5/6, 0/1); Zucca 9 (1/1, 2/4), Casella 5 (1/1, 1/3), Zugno 2 (1/2), Bedini, Piccoli, Marelli, Augeri. All. Dell’Agnello Givova Scafati: Romeo 6 (1/4, 1/3), Rossato 13 (2/5, 3/4), Thomas 8 (3/7, 0/5), Ammannato 16 (3/7, 2/4), Goodwin 14 (6/9); Tavernari 3 (1/6 da tre), Passera 3 (0/1, 1/2), Contento 11 (0/2, 2/4), Pavicevic, Solazzi, Sgobba n.e.. All. Lardo Tiri liberi: Bergamo 14/14, Givova Scafati 14/20 Rimbalzi: Bergamo 36 (Roderick 11), Givova Scafati 30 (Goodwin 9) Assist: Bergamo 18 (Taylor, Roderick 7), Givova Scafati 13 (Ammannato 5) Usciti per 5 falli: Roderick (Bergamo), Thomas, Contento (Givova Scafati) canecaccia.com

13/01/2019 12:28

PRESENTAZIONE 16. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-GIVOVA SCAFATI

La “Regina d’inverno” Bergamo inaugura il suo girone di ritorno ospitando tra le mura amiche del PalaAgnelli la Givova Scafati. Comincia la seconda parte della stagione per i ragazzi di coach dell’Agnello, capaci nelle prime 15 giornate di campionato di stupire e di piazzarsi meritatamente in cima alla classifica del girone Ovest di Serie A2 – oltre che qualificarsi per la Final Eight di Coppa Italia. La prima sfida interna del 2019 vede Sergio e compagni affrontare i campani, decimi in classifica con 7 vittorie ed 8 sconfitte e reduci da due affermazioni consecutive, contro la Virtus Roma e a Frosinone, casa di Cassino: nel match di andata arrivò il successo esterno grazie al canestro sulla sirena di Benvenuti, per cui i gialloneri vogliono ripetere il blitz del PalaMangano per tenere la testa della classifica, primo dello scontro diretto in casa della Virtus Roma domenica 20 gennaio.
Scafati ha cambiato pelle durante il girone d’andata. Al timone dei gialloblu c’è ora Lino Lardo, vecchia conoscenza del basket bergamasco (con lui in panchina arrivò la promozione in A2 nel 2001), che ha sostituito dopo cinque giornate Marco Calvani; il tecnico savonese schiera in quintetto Romeo nel ruolo di playmaker, vista la perdurante assenza di Tommasini, mentre sugli esterni spazio a Rossato e a Thomas, miglior realizzatore dei suoi a 21.1 punti di media. Sotto canestro la fisicità di capitan Ammannato – 10.5 punti a gara – e di Goodwin, centro di 2.06 metri che viaggia a 12.3 punti ed 11.1 rimbalzi a partita, il miglior rimbalzista del girone Ovest. Dalla panchina c’è Contento, guardia che può spaccare le partite se trova la giornata giusta, l’altro playmaker Solazzi, classe 1997 arrivato a stagione in corso come Tavernari: l’ala italo-brasiliana ha iniziato la stagione a Cantù, ed ha preso il posto di Italiano, passato a Cassale Monferrato. Sempre sotto canestro l’ex Biella Sgobba, chiudono il roster l’ala/centro Zaccaro ed il neo acquisto Pavicevic, centro classe 1999 arrivato in Campania pochi giorni fa da Teramo.
Andrea Vicenzutto, vice allenatore di Bergamo, inquadra la sfida: <<Siamo entusiasti del primo posto nel girone d’andata, un risultato frutto del lavoro da parte dei giocatori, dello staff e della società. Ci aspetta una partita diversa – nuova - rispetto all’andata, visto che Scafati è cambiata molto in questi mesi; anche noi siamo cambiati, siamo migliorati con il passare delle partite modificando qualche aspetto del nostro gioco. Di conseguenza sarà una gara da affrontare nel migliore dei modi, come sempre partendo dalla fase difensiva che sta diventando la nostra forza.>>
Arbitri dell’incontro i signori Stefano Ursi di Livorno, Umberto Tallon di Bologna e Daniele Valleriani di Ferentino (FR).
All’andata successo di Bergamo, che al PalaMangano si impose 58-60 (Thomas 17, Tommasini 11; Roderick 15, Benvenuti 11). Palla a due sabato 12 gennaio 2019 alle ore 20.30 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

11/01/2019 11:01

15. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERTRAM YACHTS TORTONA-BERGAMO 75-78 D.T.S.

Bergamo si laurea con pieno merito Campione d’inverno espugnando il PalaOltrepo’, casa della Bertram Yachts Tortona, con il punteggio di 75-78 al termine di un tempo supplementare. Una vittoria di carattere e determinazione quella colta in terra piemontese dai ragazzi di coach Dell’Agnello, capaci di rimontare 11 lunghezze negli ultimi 7’30” di partita e di trionfare all’overtime. L’undicesima perla stagionale ha i volti di Roderick e Benvenuti, mattatori e trascinatori dei gialloneri (24 punti e 14 rimbalzi per l’americano, 21 punti per il lungo toscano); Bergamo chiude un girone d’andata da sogno al primo posto, affronterà la XL Extralight Montegranaro nei quarti di finale di Coppa Italia e inizierà la seconda parte di stagione ospitando la Givova Scafati al PalaAgnelli (sabato 12 gennaio, ore 20.30). Avvio gara equilibrato (5-5 al 3’), dove si mette in luce Benvenuti con una tripla ed una schiacciata dopo un grande assist di Taylor. Bergamo comincia a macinare in difesa, forzando tre palle perse consecutive ai bianconeri ed obbligando coach Ramondino al time-out, Fattori e Benvenuti spingono i gialloneri al +12 con tre canestri in rapida successione, e nonostante Taylor abbia già due falli Bergamo non cala mai l’intensità del suo gioco (7-19 al 7’). Roderick illumina la serata concludendo un alley-oop su assist di Zugno ma Tortona risale in chiusura di frazione con Gergati e Blizzard – dure triple in successione – piazzando un break di 8-0 che manda in archivio il primo quarto (16-21 al 10’). Tortona prosegue nel buon momento arrivando a -1 con Alibegovic (20-21 al 12’), rimettendo in equilibrio il match; ci pensano Fattori e Taylor a tenere avanti Bergamo con due triple in risposta a Ndoja (25-29 al 15’), ma Tortona trova la giusta intensità difensiva per bloccare l’attacco giallonero e mettere la freccia con Tuoyo. Dell’Agnello richiama i suoi, Taylor è impeccabile dall’arco e guida i compagni al nuovo +4, margine con il quale si chiude la prima frazione grazie anche al canestro sulla sirena di Zugno (34-38 al 20’). Tortona parte forte nella ripresa andando subito ad agganciare Bergamo con Viglianisi e Ndoja, Roderick però inchioda due triple in fila per rimettere cinque punti di margine (39-44 al 23’). La partita si fa vibrante, dopo la tripla del pareggio di Alibegovic sono Roderick e Fattori a dare respiro a Bergamo nonostante Alibegovic entri in striscia e trascini i suoi (46-47 al 27’). Con il rientro in campo di Blizzard Tortona trova il nuovo sorpasso, che si mantiene fino all’ultima sirena (54-50 al 30’). I padroni di casa si spingono subito al massimo vantaggio con un gioco da tre punti di Alibegovic ed una tripla di Garri (60-50 al 32’), Bergamo si scuote dopo un time-out con Roderick, che prende per mano i gialloneri insieme ad un ottimo Benvenuti (62-56 al 35’). È ancora Roderick che accorcia per il -4, Tuoyo replica con una gran schiacciata nel traffico, ma la guardia di Philadelphia prima sigla il -2 e poi dalla lunetta impatta a quota 64 con 45” da giocare. Blizzard, il migliore dei suoi, fa esplodere il PalaOltrepo’ con il canestro del 66-64 a 28” dal termine, Bergamo si gioca l’ultimo possesso offensivo con Taylor, la cui tripla scheggia il ferro ma favorisce il rimbalzo offensivo di Roderick, che trasforma i due tiri liberi successivi. Il tentativo di Blizzard sulla sirena non viene premiato, lasciando che sia l’overtime a decretare il verdetto della sfida. Bergamo scatta con Benvenuti e Taylor, portandosi in un amen a +6 (66-72 al 42’), Tortona reagisce e ricuce con l’immancabile Blizzard, restando in scia fino alla fine. I gialloneri hanno il pallone per chiudere la gara a meno di un minuto dalla sirena, ma ancora una volta è Blizzard a dare speranza a i suoi con la tripla del 75-76. Dopo l’errore di Roderick, i padroni di casa hanno la palla per il sorpasso, ma Taylor compie un capolavoro scippando Spizzichini ed involandosi per il +3, e a nulla serve l’ultima preghiera di Blizzard. Al PalaOltrepo’ finisce 75-78 in favore di Bergamo, che esulta e si gode il titolo di Campione d’inverno.
Bertram Yachts Tortona-Bergamo 75-78 d.t.s. (16-21, 34-38, 54-50, 66-66) Bertram Yachts Tortona: Spizzichini 7 (3/3, 0/3), Viglianisi 6 (1/2), Alibegovic 15 (3/7, 2/9), Ndoja 12 (2/8, 2/6), Tuoyo 9 (2/6, 1/4); Blizzard 21 (3/4, 5/8), Garri 3 (1/1 da tre), Gergati 2 (1/3, 0/2), Lusvarghi n.e., Cremaschi n.e., Ugolini n.e.. All. Ramondino Bergamo: Taylor 13 (3/6, 2/6), Roderick 24 (6/15, 2/5), Sergio (0/3 da tre), Fattori 11 (1/2, 2/6), Benvenuti 21 (7/13, 2/3); Zugno 6 (3/3), Casella 2 (0/3, 0/2), Zucca 1 (0/1, 0/2), Bedini n.e., Piccoli n.e., Marelli n.e., Augeri n.e.. All. Dell’Agnello Tiri liberi: Bertram Yachts Tortona 12/17, Bergamo 14/23 Rimbalzi: Bertram Yachts Tortona 41 (Ndoja, Alibegovic 8), Bergamo 43 (Roderick 14) Assist: Bertram Yachts Tortona 18 (Spizzichini 7), Bergamo 15 (Taylor 9) Usciti per 5 falli: Viglianisi e Ndoja (Bertram Yachts Tortona) Spettatori: 1000
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

07/01/2019 09:39

14. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-NOVIPIÙ CASALE MONFERRATO 99-85

Non ci sono più aggettivi per descrivere Bergamo. I ragazzi di coach Dell’Agnello battono nettamente la Novipiù Casale Monferrato al PalaAgnelli con il punteggio di 99-85, e prendono i proverbiali due piccioni con una fava: vetta della classifica riconquistata e pass staccato per la Final Eight di Coppa Italia a marzo, con un turno di anticipo. Il capolavoro dei gialloneri – giunti alla decima vittoria stagionale – si concretizza nel secondo tempo, quando Sergio e soci stringono le maglie in difesa facendo crollare le percentuali dei piemontesi, incapaci di rialzarsi. Un successo di squadra, in cui non può non balzare all’occhio la prova di Terrence Roderick: seconda tripla-doppia stagionale con 23 punti, 12 rimbalzi e 11 assist, più alcune giocate che hanno infiammato il numerosissimo pubblico bergamasco. Per Bergamo il girone di andata si chiuderà domenica 6 gennaio 2019 in casa della Bertram Yacht Tortona, un girone di andata giocato da grande squadra.
La partita è godibilissima sin dalle prime battute, dove regna l’equilibrio; è Tinsley che spinge il primo vantaggio esterno, con Bergamo che si trova subito la grana del secondo fallo di Roderick (7-12 al 5’). I gialloneri pareggiano immediatamente con i suoi lunghi, ma Casale riallunga grazie alle ottime percentuali dall’arco (14-22 all’8), ci pensa Zucca a contenere il divario ma i piemontesi vanno al primo riposo saldamente avanti sul 17-24.
Bergamo paga dazio da Valentini, che dà il primo vantaggio in doppia cifra ai suoi, ma risale la china con Zugno e Zucca nonostante i piemontesi continuino a colpire con Musso (23-32 al 13’). Taylor risponde presente con un triplo viaggio in lunetta, a cui si aggiunge Roderick per il -4, poi il duo Zugno-Roderick produce la giocata della gara con lo spettacolare alley-oop che mette in partita il PalaAgnelli (32-35 al 16’). Zucca fa esplodere il pubblico giallonero con la tripla del +2 all’interno di un 10-0 chiuso da Pinkins, ma Bergamo si prende l’inerzia, e con Zucca tiene il pallino in chiusura di periodo (44-43 al 20’).
Pronti via nella ripresa, e Bergamo mette in campo la difesa vista a Siena: Taylor spinge sull’acceleratore in attacco, Roderick è onnipresente e inchioda il +8 con il ventesimo punto personale (54-46 al 23’). La partita resta molto bella, ma ora è Bergamo che la comanda, mettendo pressione su ogni possesso e forzando i tiri dei piemontesi; ancora Taylor si prende la scena con due canestri d’autore che valgono il +12 Bergamo, e la panchina dà il suo fondamentale apporto per tenere un solido vantaggio sino al 30’ (74-62 a 10’ dal termine).
Bergamo vola letteralmente sulle ali dell’entusiasmo, Fattori e due volte Casella dall’arco scrivono il +16 (83-67 al 32’). Ferrari è obbligato a fermare il gioco, ma Casale è nel pallone e Bergamo ne approfitta per gestire il ritmo a piacimento, sfondando il muro dei 20 punti di vantaggio con cinque punti consecutivi di capitan Sergio (89-67 al 34’). Casale prova a non mollare con Italiano, ma ormai la gara è segnata: Bergamo la chiude con gli ultimi canestri di un preziosissimo Zugno e del duo Fattori-Benvenuti. Gli ultimi 2’ sono passerella, e Dell’Agnello concede la meritata standing ovation ai suoi inserendo i giovani Bedini, Piccoli, Marelli ed Augeri. Finisce 99-85, per il tripudio dei 1351 del PalaAgnelli.
Bergamo-Novipiù Casale Monferrato 99-85 (17-24, 44-43, 74-62)
Bergamo: Taylor 20 (3/5, 3/4), Roderick 23 (8/11, 1/5), Sergio 5 (1/4, 1/1), Fattori 16 (1/4, 4/7), Benvenuti 8 (3/4, 0/2); Zucca 12 (2/3, 2/4), Casella 6 (0/1, 2/4), Zugno 9 (1/3, 2/2), Bedini, Marelli (0/1 da tre), Augeri (0/1), Piccoli. All. Dell’Agnello
Novipiù Casale Monferrato: Tinsley 16 (2/7, 3/6), Denegri 6 (3/6, 0/1), Musso 18 (1/2, 5/10), Martinoni 10 (2/6, 2/6), Pinkins 12 (1/5, 2/2); Cattapan 2, Italiano 9 (0/1, 2/4), Valentini 10 (1/1, 2/5), Battistini, Banchero, Giovara n.e., Todeschino n.e.. All. Ferrari
Tiri liberi: Bergamo 16/18, Novipiù Casale Monferrato 17/21
Rimbalzi: Bergamo 34 (Roderick 12), Novipiù Casale Monferrato 37 (Pinkins 9)
Assist: Bergamo 23 (Roderick 11), Novipiù Casale Monferrato (Tinsley 5)
Usciti per 5 falli: Roderick (Bergamo)
Spettatori: 1351
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

29/12/2018 11:01

PRESENTAZIONE 13. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST ON SHARING MENS SANA SIENA-BERGAMO

Ultima trasferta dell’anno solare per Bergamo, ospite della On Sharing Mens Sana Siena per la tredicesima giornata di Serie A2 Old Wild West. I gialloneri di coach Dell’Agnello vogliono chiudere al meglio il 2018, cercando i due punti in quel PalaEstra per un decennio quasi ininterrotto ha visto trionfare i biancoverdi toscani nel massimo campionato italiano. Di fronte ci sarà la squadra allenata da Paolo Moretti, attualmente undicesima in classifica con 11 punti (7 vittorie e 5 sconfitte il ruolino di marcia, Siena è partita con 3 punti di penalizzazione): una compagine talentuosa, già capace di battere la capolista Virtus Roma non più di due settimane or sono. Grande attenzione andrà posta sui tiratori senesi, i migliori nel girone per percentuale realizzativa da tre punti (39%), per cui la difesa di Bergamo dovrà tornare ad essere estremamente efficace.
Dopo la stagione scorsa, conclusa senza raggiungere i play-off, Siena ha cambiato completamente faccia: è “tornato a casa” Tommaso Marino, playmaker cresciuto nelle giovanili senesi e affermatosi a Treviglio (7.4 punti e 3 assist di media). Nel reparto esterni attenzione alla qualità di Morais, guardia angolana che viaggia a 16.7 punti e 5.9 rimbalzi a gara, alla quale si aggiunge l’esperienza di Ranuzzi nello spot di ala piccola. Sotto le plance i pericoli hanno i nomi di A.J. Pacher, ala/centro dalla doppia dimensione (13.8 punti con il 57% da oltre la linea dei 6.75) e di Poletti, pivot che viaggia a 12.2 punti di media. Dalla panchina escono il playmaker Sanguinetti (7.4 punti a gara), gli esterni Radonijc e Prandin e l’ala /centro Lupusor. Possibile spazio per l’ala grande classe 1999 Cepic,
In vista della gara in Toscana parla l’assistant coach Andrea Vicenzutto: <<Ripartiamo da Siena, da un palazzetto molto caldo, storico, un contesto ideale dove giocare. Arriviamo da una partita combattuta contro Latina, dove gli attacchi hanno dominato: troveremo una squadra simile da questo punto di vista, in quanto Siena è la miglior formazione per percentuale da tre punti, e quindi dovremo essere bravi nel far sì che questa caratteristica non emerga. Dovremo fare attenzione a tutti: i giocatori di Siena hanno molti punti nelle mani, noi dovremo tornare sui nostri livelli in difesa per dar seguito ai risultati ottenuti finora.>>
Arbitri dell’incontro i signori Sergio Noce di Latina, Michele Cosimo Pio Capurro di Reggio Calabria ed Aydin Azami di Bologna.
Palla a due domenica 23 dicembre 2018 alle ore 18.00 presso il PalaEstra di Siena. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

22/12/2018 10:28

RECUPERO 10. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-BENACQUISTA LATINA 106-109

Nel recupero della decima giornata di Serie A2 Old Wild West Bergamo lotta con le unghie e con i denti, ma deve lasciare strada alla Benacquista Latina. Il finale, 106-109 in favore di Tavernelli e compagni, è testimone di una gara dove gli attacchi hanno prodotto cifre enormi: Latina vince grazie ad un incredibile 64% dall’arco (18/28 totale), anche se Bergamo ha avuto il merito di restare attaccata al match fino al 40’. Non basta il trio Taylor- Roderick-Benvenuti, autore di 77 punti (career-high per il pivot livornese in Serie A2 a quota 25): Bergamo rimanda l’aggancio alla capolista Virtus Roma ma resta al secondo posto in solitaria in classifica. Prossimo impegno per i gialloneri la trasferta di Siena, in programma domenica 23 dicembre 2018.
Bergamo scatta bene con Benvenuti, ma Latina resta attaccata (7-7 al 3’). La partita sin dalle prime battute è più che godibile, Fattori sigla cinque punti in fila per i gialloneri e Bergamo dopo 6’ resta perfetta dal campo (19-15); Benvenuti colpisce anche dall’arco per il +7 ma i pontini nel giro di un minuto riducono lo scarto grazie al buon impatto dalla panchina di Lawrence, che obbliga Dell’Agnello al time-out. Sul finale di quarto sono Carlson, Roderick e Lawrence, con una tripla sulla sirena, a scrivere il 28-28 del 10’.
È Benvenuti che trascina Bergamo: il pivot livornese è un fattore (15 punti al 13’), i gialloneri prendono nove lunghezze di vantaggio grazie anche ad una tripla siderale di Roderick (41-32 al 14’). Latina, dopo il time-out di Gramenzi, risale con Fabi e Lawrence con un contro-break di 0-9, Zugno e Taylor tengono avanti Bergamo di misura (47-46 al 17’) prima del sorpasso firmato Carlson dalla lunetta. Bergamo non ci sta, Taylor punisce la difesa pontina prima dall’arco e poi in contropiede, Latina impatta e sorpassa grazie ad un paio di viaggi in lunetta, ed il primo tempo si chiude sul 56-56 con l’ultimo canestro di Taylor.
La ripresa inizia in equilibrio, ma il punteggio resta alto: Latina mette la testa avanti con Fabi, autore di due triple consecutive (62-68 al 25’). Bergamo passa a zona, Taylor è attivo e ristabilisce la parità a quota 68, anche se i gialloneri non riescono a risolvere il rebus-Carlson; ci pensa Roderick con un gioco da tre punti a scaldare l’atmosfera (73-71 al 27’) e rimettere i suoi in carreggiata, ma è un fuoco che i pontini spengono con Carlson ed il solito Fabi (78-81 al 30’).
Fabi spinge il +6 Latina, Taylor e Zucca ricuciono immediatamente (82-84 al 32’); ancora Fabi e Zugno vanno a segno dall’arco mantenendo inalterato il margine, Benvenuti tiene Bergamo attaccata al match nonostante un Fabi stellare (8/8 dall’arco). Latina tocca il +8 nel momento cruciale dal match (93-101 al 37’), ci pensa Benvenuti a siglare quattro punti consecutivi per dimezzare il distacco a 2’ dalla sirena; il rush finale vede Bergamo arrivare a due sole lunghezze di distacco, ma gli ultimi possessi sorridono agli uomini di Gramenzi, che sono freddi dalla lunetta e portano a casa i due punti. Al PalaAgnelli finisce 106-109 in favore di Latina.
Bergamo-Benacquista Latina 106-109 (28-28, 56-56, 78-81)
Bergamo: Taylor 26 (9/10, 2/4), Roderick 26 (9/12, 1/5), Sergio 2 (1/1, 0/1), Fattori 7 (2/3, 1/4), Benvenuti 25 (6/7, 3/5); Casella 4 (2/3, 0/4), Zucca 8 (1/3, 2/3), Zugno 8 (1/3, 2/2), Bedini, Monti n.e., Augeri n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Benacquista Latina: Tavernelli 6 (1/2 da tre), Fabi 30 (1/2, 8/8), Baldassarre 3 (0/3, 1/2), Carlson 27 (4/7, 5/8), Allodi 8 (4/5, 0/1); Lawrence 24 (8/9, 2/5), Cucci 11 (0/3, 1/2), Di Bonaventura n.e., Jovovic n.e., Cavallo n.e., Cassese n.e.. All. Gramenzi
Tiri liberi: Bergamo 11/14, Benacquista Latina 21/25
Rimbalzi: Bergamo 25 (Roderick 7), Benacquista Latina 25 (Baldassarre 6)
Assist: Bergamo 22 (Taylor 8), Benacquista Latina 21 (Tavernelli, Baldassarre 6)
Usciti per 5 falli: Taylor, Zugno (Bergamo)
Spettatori: 800
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

19/12/2018 09:54

PRESENTAZIONE RECUPERO 10. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-BENACQUISTA LATINA

La marcia a tappe forzate di Bergamo prosegue con il recupero della decima giornata di Serie A2 Old Wild West. Al PalaAgnelli arriva la Benacquista Latina, reduce dal ko esterno sul parquet di Treviglio e nel gruppo di squadre a 12 punti in classifica. Per Bergamo, seconda solitaria alle spalle della Virtus Roma, l’occasione di allungare sulle inseguitrici a 14 punti, anche se i pontini hanno un roster in grado di poter competere per la prima metà della graduatoria. Ci si attende una sfida spumeggiante: Latina è il secondo miglior attacco del girone, per cui per Bergamo sarà importante tenere alta l’intensità difensiva, come visto nella ripresa contro Cassino.
Coach Gramenzi, uno degli allenatori più esperti della categoria ed al quarto anno sulla panchina di Latina, può disporre di un quintetto di alto livello in tutti gli spot. In cabina di regia spazio a Tavernelli (5.3 assist di media), pronto ad innescare le bocche da fuoco sugli esterni, Lawrence e Fabi: la guardia britannica viaggia a 14 punti di media con il 43% dall’arco, mentre l’italoargentino è il miglior realizzatore dei suoi a 19.3 punti a gara. Sotto canestro la fisicità di Baldassarre e l’americano Carlson, giocatore dalla doppia dimensione (16 punti di media). Dalla panchina escono i classe 1997 Cassese e Di Bonaventura, primi cambi nel reparto guardie ed i lunghi Allodi (9 punti di media con il 65% da due) e Cucci, arrivato dieci giorni fa a Latina da Mantova. Chiudono il roster gli altri under Jovovic e Cavallo.
Le parole della vigilia di coach Dell’Agnello: <<Latina è una squadra di grande talento in attacco, per cui abbiamo già inquadrato che tipo di partita dovremo fare. Dovremo essere consistenti nella nostra metà campo e cercare di impedire loro di giocare come sanno fare. Stiamo recuperando tutte le situazioni influenzali in corso, per presentarci al meglio e competere per la vittoria. Guardiamo una partita alla volta, concentrati sull’obiettivo della prossima gara: stiamo facendo bene, e voglio sperare che il palazzetto sia pieno di tifosi, perché questi ragazzi se lo meritano e vogliamo festeggiare insieme a loro.>>
Arbitri dell’incontro i signori Stefano Ursi di Livorno, Luca Maffei di Preganziol (TV) e William Raimondo di Scicli (RG) Palla a due martedì 18 dicembre 2018 alle ore 20.30 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

17/12/2018 01:09

11. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST ZEUS ENERGY GROUP RIETI-BERGAMO 72-68

Dopo quattro vittorie consecutive si interrompe la striscia positiva di Bergamo, che nell’ennesimo finale in volata cede alla Zeus Energy Group Rieti con il punteggio di 72-68. Una gara spigolosa, a tratti bruttina come avrà modo di dire coach Dell’Agnello in conferenza stampa, decisa dalla freddezza dei padroni di casa nei possessi finali. Decisivi in tal senso Tomasini, protagonista dell’ultimo quarto, e Adegboye, non dimenticando il sempre presente Jones. Per Bergamo arrivano le solite ottime prestazioni del duo Taylor-Roderick, supportati da un più che positivo Benvenuti sotto le plance. Bergamo resta comunque nel gruppo delle seconde in classifica alle spalle della Virtus Roma, e tornerà in campo venerdì 14 dicembre al PalaAgnelli contro la BPC Virtus Cassino per la 12. Giornata di Serie A2 Old Wild West. Avvio gara equilibrato, grazie ai primi squilli di Gigli e Taylor, tocca a Jones e Tomasini infiammare il PalaSojourner per il 7-2 interno dopo 3’; Bergamo si mette subito a zona con gli ingressi di Zucca e Casella, e la partita si anima immediatamente dopo un paio di fischi arbitrali contro i padroni di casa (9-4 al 5’). Bergamo accetta il clima da corrida, Rieti resta avanti con i liberi di Tomasini ma la prima tripla della serata a firma Sergio permette ai gialloneri di tenere la scia dei laziali che chiudono comunque avanti la prima frazione grazie ad un altro gioco da tre punti di Jones, a cui replica Benvenuti sulla sirena (19-16 al 10’). La gara resta animosa, a tratti nervosa, Roderick scrive sei punti consecutivi per il primo vantaggio giallonero (22-24 al 13’) obbligando Rossi al time-out. Bergamo non esaurisce il proprio buon momento con Fattori che inchioda dall’arco il +5, Benvenuti prolunga il break da sotto e ancora Roderick schiaccia lo 0-13 che permette a Bergamo di prendere il primo solido vantaggio del match (22-31 al 16’). I padroni di casa si rianimano con Adegboye e Jones aprendo a loro volta un break che li riporta a contatto Rieti (30-31 al 18’), il pubblico di casa si fa sentire ma Zucca risponde presente ed il primo tempo si chiude sul 32-33 in favore di Bergamo con l’ultima stoppata di Roderick su Adegboye. È Taylor che inaugura la ripresa con la bomba del +4 Bergamo nel frastuono del PalaSojourner, Conti e Jones ristabiliscono la parità a quota 40 al 23’ e il numero 11 di casa infila la tripla dall’angolo per il boato dei tifosi reatini, obbligando Dell’Agnello al time-out. Benvenuti e Taylor ribaltano il risultato con due triple (43-46 al 26’) ma la gara ora è un testa a testa tra le due squadre; Jones accende i suoi, poi Casini e Bonacini mettono le triple del vantaggio interno sul finale di quarto (56-50 al 30’). Rieti tocca il +8 con Tomasini, Bergamo deve reagire e lo fa con Taylor, autore di cinque punti consecutivi. Tocca sempre a Taylor tenere Bergamo in scia dei reatini (63-61 al 35’), ma dall’altra parte c’è Tomasini che ristabilisce il +5 interno prima di un time-out interno; Benvenuti mette Bergamo ad un solo punto di distanza (66-65 al 37’), Tomasini replica dalla media per il +3 Rieti a 2’ dalla fine e Jones mette due possessi tra le squadre con il lay-up del 70-65. Dopo un time-out Roderick dalla lunetta fa solo 1/2 dalla lunetta, Taylor al contrario fa 2/2 per il 70-68 a 7” dalla sirena; Bergamo commette immediatamente fallo su Tomasini che dalla linea è preciso e chiude di fatto i conti. A nulla serve l’ultimo tentativo di Taylor, al PalaSojourner finisce 72-68 in favore di Rieti. Zeus Energy Group Rieti-Bergamo 72-68 (19-16, 32-33 56-50) Zeus Energy Group Rieti: Adegboye 13 (3/4, 1/6), Tomasini (4/4, 1/7), Conti 9 (2/3, 1/4), Jones 16 (7/9, 0/2), Gigli 4 (2/3); Carenza 8 (1/1, 2/4), Casini 3 (1/4 da tre), Bonacini 3 (0/2, 1/2), Nikolic (0/1 da tre), Toscano n.e., Berrettoni n.e.. All. Rossi Bergamo: Taylor 20 (4/5, 3/7), Roderick 21 (5/9, 1/5), Sergio 3 (1/3 da tre), Fattori 3 (0/2, 1/5), Benvenuti 13 (5/10, 1/2); Casella 2 (0/3 da tre), Zucca 6 (3/3, 0/1), Zugno (0/2 da tre), Bedini n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Tiri liberi: Zeus Energy Group Rieti 13/14, Bergamo 13/15 Rimbalzi: Zeus Energy Group Rieti 27 (Jones 8), Bergamo 36 (Roderick 8) Assist: Zeus Energy Group Rieti 17 (Tomasini 4), Bergamo 13 (Roderick 5) Usciti per 5 falli: nessuno Spettatori: 2200
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

10/12/2018 00:09

9. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST 2B CONTROL TRAPANI-BERGAMO 84-90

Grazie ad un Roderick fantascientifico, autore di una prova da 40 punti e 10 rimbalzi (ottava doppia-doppia stagionale), Bergamo sbanca il PalaConad di Trapani con il punteggio di 84-90 nella nona giornata del Campionato di Serie A2 Old Wild West. I ragazzi di Dell’Agnello sono autori dell’ennesima prova sopra le righe, fatta di alte percentuali nei primi 20’, di sofferenza a cavallo tra terzo e quarto periodo e di una solidissima difesa negli ultimi 8’ di gioco, quando Trapani - di fatto - non trova più la via del canestro. La Sicilia si conferma quindi terra di conquista per Bergamo: dopo Capo d’Orlando arriva il successo anche a Trapani. La settima vittoria stagionale, quarta consecutiva, permette ai gialloneri di rimanere saldamente al secondo posto in classifica dietro la Virtus Roma; dopo la sosta “forzata” dalle nazionali (la gara contro Latina è stata posticipata a martedì 18 dicembre), Bergamo tornerà in campo domenica 9 dicembre in casa della Zeus Energy Group Rieti. Bergamo comincia come meglio non potrebbe: quattro triple consecutive di Roderick e Taylor spingono i gialloneri sul 6-12 dopo 3 minuti, Trapani risale con 5 punti di Clarke ma Bergamo resta perfetta dall’arco con Sergio e ancora Roderick (16-20 al 6’). Si gioca su ritmi alti, Pullazi infila il -2 interno su cui Dell’Agnello vuole parlarci su, e dopo il time-out sono Roderick, Casella e Fattori sono gli autori di un mini-break che permette a Bergamo di chiudere avanti la prima frazione sul 26-32, con il numero 8 che infila la quarta tripla personale ed ottava di squadra nel primo quarto bruciando la sirena del 10’. I gialloneri riprendono da dove avevano lasciato: gioco da tre punti di Zucca e tripla dall’angolo di Zugno per il +11, Trapani replica con Artioli e Clarke per non perdere la scia (34-40 al 13’). Le percentuali al tiro, logicamente, scendono, i granata trovano con Marulli il -1 vanificato immediatamente da Taylor e Roderick che rimettono due possessi pieni tra le squadre (38-44 al 16’); Bergamo tiene il pallino con Fattori e Sergio, bravi a punire la difesa di casa e sigillare il primo tempo sul 46-52. Dopo l’intervallo lungo Benvenuti e Roderick permettono a Bergamo di tenere la testa avanti nonostante un più che positivo Miaschi dall’altra parte (50-56 al 23’); Fattori è puntuale dai 6.75 ma è Renzi che spinge Trapani al -3, obbligando Dell’Agnello al time-out. Bergamo soffre ora, Pullazi impatta a quota 59 dall’arco, ancora Renzi mette il carico per il 10-0 Trapani che ribalta la partita prima che Roderick fermi il break interno (62-62 al 27’). Il pubblico spinge i padroni di casa, che approfittano di un fallo antisportivo fischiato a Casella per tornare avanti e prendersi 5 punti di vantaggio con Mollura e Marulli, Bergamo tiene con il solito Roderick ma va sotto 73-64 al 30’. Trapani va forte e trova il vantaggio in doppia cifra con Nwohuocha, Taylor tiene in vita Bergamo con 4 punti consecutivi (75-70 al 32’), ben assistito da Fattori; i gialloneri non mollano e tornano a -1 con Roderick (78-77 al 34’), Trapani replica con Marulli ed Ayres per il nuovo +4 ma Bergamo ha un Roderick stratosferico che sigla il nuovo -1 con un’azione da tre punti (83-82 al 37’). La difesa giallonera si stringe, la guardia di Philadelphia è immarcabile e pareggia i conti a 2’25” dalla sirena, Taylor inchioda la tripla del +2 Bergamo a 50” dal termine e dall’altra parte Ayres fallisce dall’arco il possibile sorpasso interno. A 16” dal termine Roderick scrive i due liberi del +4 che non vengono replicati dall’ultimo tentativo casalingo, ed ancora il numero 8 giallonero fissa il personalissimo quarantello e l’84-90 finale, per l’apoteosi di Bergamo. 2B Control Trapani-Bergamo 84-90 (26-32, 46-52, 73-64) 2B Control Trapani: Clarke 18 (2/2, 4/14), Miaschi 13 (2/5, 3/6), Ayres 6 (3/5, 0/8), Pullazi 7 (2/3, 1/4), Renzi 14 (4/9, 2/4); Mollura 2 (071 da tre), Marulli 17 (2/2, 4/7), Artioli 3 (1/1 da tre), Nwohuocha 4 (2/4), Czumbel n.e., Dosen n.e., Basciano n.e.. All. Parente

Bergamo: Taylor 17 (2/5, 3/6), Roderick 40 (8/12, 5/11), Sergio 6 (0/2, 2/2), Fattori 15 (2/2, 3/4), Benvenuti 2 (0/2, 0/1); Casella 4 (1/2, 0/3), Zucca 3 (1/2), Zugno 3 (1/1 da tre), Bedini n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello Tiri liberi: 2B Control Trapani 5/9, Bergamo 20/22 Rimbalzi: 2B Control Trapani 31 (Pullazi 11), Bergamo 35 (Roderick 10) Assist: 2B Control Trapani 16 (Clarke 6), Bergamo 10 (Taylor 4) Usciti per 5 falli: Casella (Bergamo) Spettatori: 1800

CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

26/11/2018 08:50

8. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-LEONIS ROMA 75-69


Bergamo non smette di stupire ed infila la terza vittoria consecutiva – seconda volta in stagione – contro la Leonis Roma, battendo 75-69 al PalaAgnelli Hollis e compagni. Una gara vibrante, a tratti “nervosa”, una gara che Bergamo si prende a cavallo tra terzo e quarto periodo, quando i gialloneri si scrollano i capitolini grazie ad un’eccellente difesa di squadra. Una volta in più il collettivo fa la differenza: dopo otto giornate Bergamo resta l’unica squadra all’inseguimento della Virtus Roma in classifica, seconda in solitaria a quota 12 punti. Nella prossima giornata i ragazzi di coach Dell’Agnello voleranno in Sicilia, in casa di una Trapani che tra le mura amiche del PalaConad è ancora imbattuta in stagione.
Scatta bene la Leonis con Amici ed Hollis (2-9 al 2’), sfruttando un paio di palle perse da Bergamo. Dell’Agnello ferma subito il gioco, Benvenuti e Fattori rispondono presente permettendo ai gialloneri di accorciare subito il divario ma Roma resta avanti con Zeisloft (13-17 al 7’). La prima girandola di cambi permette a Bergamo di tenere la scia della Leonis grazie all’apporto di Zugno (5 punti consecutivi) e di Zucca, la cui tripla sulla sirena chiude il primo periodo sul 22-22.
Bergamo sistema la difesa nel secondo quarto, chiudendo l’area e trovando buona fluidità in attacco: dopo il canestro di Infante arriva un parziale di 8-0 (30-25 al 14’) con Taylor grande protagonista, ma quando Hollis torna in campo la Leonis rientra immediatamente in partita. Si procede a strappi, Roma sa come ricucire i break operati da Bergamo con i suoi tiratori ma c’è sempre Taylor a guidare i suoi (37-32 al 17’); Sergio tiene il margine inalterato quando si entra negli ultimi due minuti del periodo, Amici si conferma il migliore dei suoi (11 punti all’intervallo) e tiene Roma a soli 3 punti al 20’, per il 42-39 interno.
Loschi e Sergio inaugurano la ripresa andando a bersaglio dalla lunga distanza, le difese cominciano a lavorare forte con Roma che trova l’aggancio a quota 45 grazie a Fall; Bergamo tiene bene a livello fisico, Benvenuti e Roderick rimettono la freccia per Bergamo (51-48 al 27’), Zugno arrotonda con una grande penetrazione ed una tripla, e ci pensa Roderick a dare il massimo vantaggio a Bergamo quando si entra negli ultimi 10’ (58-51 al 30’).
I gialloneri non si fermano, Taylor e Roderick spingono il +9 (63-54 al 32’) che si dilata fino al 69-56 firmato dalla coppia Taylor-Fattori. Roma è alle corde: Hollis cozza contro il muro difensivo giallonero, Amici non incide più ed il solo Zeisloft prova a tenere viva la gara. Bergamo però non trema, tiene un comodo vantaggio (71-60 al 36’) che si porta fino alla fine, quando Roderick e Casella sugellano il sesto successo stagionale. Al PalaAgnelli finisce 75-69 in favore di Bergamo, che esulta per la sesta vittoria stagionale.
Bergamo-Leonis Roma 75-69 (22-22, 42-39, 58-51)
Bergamo: Taylor 13 (6/8, 0/4), Roderick 30 (6/9, 0/2), Sergio 10 (2/3, 1/1), Fattori 9 (3/4, 1/5), Benvenuti 7 (3/7); Casella 2 (1/5, 0/2), Zugno 12 (3/3, 2/3), Zucca 6 (1/1 da tre), Bedini, Marelli n.e., Augeri n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Leonis Roma: Piazza 1 (0/2 da tre), Fanti, Amici 12 (3/6, 1/8), Hollis 10 (3/11, 1/2), Fall 14 (6/8); Zeisloft 21 (2/4, 5/11), Loschi 8 (1/1, 1/8), Infante 3 (1/1), Tourè, Cicchetti n.e.. All. Corbani
Tiri liberi: Bergamo 12/12, Leonis Roma 13/21
Rimbalzi: Bergamo 38 (Roderick 10), Leonis Roma 30 (Hollis 5)
Assist: Bergamo 16 (Taylor 7), Leonis Roma 12 (Piazza, Amici 4)
Usciti per 5 falli: Roderick (Bergamo)
Spettatori: 1110
canecaccia.com

18/11/2018 23:55

PRESENTAZIONE 8. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-LEONIS ROMA

Seconda gara consecutiva casalinga per Bergamo, che al PalaAgnelli affronta la Leonis Roma per l’ottava giornata del campionato di Serie A2 Old Wild West. I gialloneri, galvanizzati dalla doppia affermazione ottenuta contro Capo d’Orlando e Biella, vogliono proseguire nell’ottimo momento che li ha portati al secondo posto in classifica, alle spalle dell’altra squadra romana, la Virtus. Di fronte ci sarà la Leonis Roma: una formazione costruita per i piani alti della graduatoria, che finora ha conquistato quattro vittorie – tutte casalinghe – subendo tre sconfitte. Ci si aspetta un’altra gara vibrante, da nervi saldi. Per Bergamo sarà importante replicare l’intensità vista contro Biella, per mettere in difficoltà una formazione profonda ed esperta, che fa dell’attacco l’arma principale.
I capitolini poggiano sulla regia di Piazza, playmaker di grande esperienza in A2, giunto alla Leonis lo scorso anno dopo quattro stagioni ad Agrigento; nel ruolo di guardia occhi puntati sul tiratore americano Zeisloft, 14.7 punti a gara con 3 triple di media realizzate, mentre gli spot di ala sono coperti da Amici (13.4 punti a gara) e dal grande ex giallonero Hollis (miglior realizzatore della Leonis a 15.4 punti di media), 13 partite lo scorso anno a Bergamo, protagonista della salvezza diretta di Sergio e compagni. Sotto le plance spazio a Fall, 10.3 punti e 8.7 rimbalzi a partita. Coach Corbani, alla prima stagione in biancoblu, può contare sull’apporto dalla panchina di Tourè, Fanti e Loschi (7.6 punti a gara) sugli esterni, mentre l’esperienza di Bonessio ed Infante costituisce un’importante addizione nel reparto lunghi.
Alla vigilia del match parla il vice allenatore dei gialloneri Andrea Vicenzutto: <<Arriviamo a questa gara sulle ali dell’entusiasmo generato dalle ultime due vittorie. Ci sono i presupposti per una bella partita: di fronte troviamo una squadra fisica, di talento, esperta. Servirà attitudine difensiva e grande impegno. Conosciamo uno dei giocatori più importanti della Leonis, Damian Hollis, che vorrà giocare una grande partita, ma saremo pronti a limitare lui e le altre bocche da fuoco dei capitolini.>>
Arbitri dell’incontro i signori Andrea Masi di Firenze, Alessandro Saraceni di Zola Predosa (BO) e Corrado Triffiletti di Messina. Palla a due domenica 18 novembre 2018 alle ore 17.00 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

17/11/2018 11:26

7. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-EDILNOL BIELLA 81-76

Bergamo non si ferma neanche contro Biella, ed infila la quinta vittoria stagionale che vale l’aggancio momentaneo al duo di testa in classifica formato da Agrigento e Virtus Roma. Il risultato finale, 81-76, è lo specchio di una gara giocata ad alti ritmi, specialmente nella prima parte, dove gli uomini di Dell’Agnello hanno risposto colpo su colpo alle ottime percentuali di Biella. Fondamentale in questo senso Roderick, 21 punti all’intervallo e 30 punti al 40’, lo spacca-difesa che ha permesso a Bergamo di prendersi i due punti in palio. Da sottolineare la solida prova di tutto il roster, da Taylor a Benvenuti, passando per capitan Sergio. Per Bergamo c’è un altro appuntamento casalingo tra una settimana: al PalaAgnelli arriva la Leonis Roma dell’ex Damian Hollis. Bergamo scatta forte, dopo neanche 3 minuti giocati è già a quota 10 punti segnati con un Roderick sin da subito in grande spolvero, Biella risale con Saccaggi e Harrell ma è sempre il Roderick-show che tiene avanti i gialloneri (16-14 al 7’). La partita fila via senza troppe interruzioni, Pollone firma il primo vantaggio piemontese subito replicato da Taylor e dal dodicesimo punto di Roderick, che unitamente ai liberi di Sims chiudono la prima frazione sul 25-23 interno. I gialloneri restano avanti con i canestri di Roderick e Taylor nonostante dall’altra parte si metta in mostra Saccaggi (32-29 al 13’); la gara resta a punteggio molto alto (37-36 al 16’), per i gialloneri c’è sempre Roderick che apre in due la difesa biellese mentre per i piemontesi a turno vanno a segno Harrell, Sims e Saccaggi. Gli americani di Biella operano il sorpasso, obbligando Dell’Agnello a rimettere in campo Taylor per Roderick gravato di 2 falli, Bergamo non cede di un passo contro le triple dei piemontesi ed i canestri di Sims, riuscendo a tornare avanti all’intervallo lungo con la tripla di Taylor (47-46). Roderick inizia da dove aveva lasciato il primo tempo, ovvero arrivando al ferro con facilità quasi disarmante (52-48 al 23’); Bergamo prende un minimo di margine con una tripla di Fattori che vale il +5, ma è un attimo ed il match è di nuovo in parità con Harrell e Wheatle (57-57 al 25’). Si procede punto a punto, le percentuali al tiro scendono fisiologicamente per entrambe le squadre, Harrell dalla lunga distanza rimette avanti Biella quando si entra nell’ultimo minuto del quarto, Benvenuti dalla lunetta e dall’altra parte Sims fissano il 65-67 prima degli ultimi 10 decisivi minuti. Sergio e Zugno replicano a Saccaggi per il 69-69 del 33’, Harrell prosegue nella sua ottima serata con la tripla del nuovo +1 Biella a cui replica in grande stile Taylor (73-72 al 35’). Altro finale in volata con le squadre che ora sentono la fatica, Benvenuti e Harrell sbloccano il risultato dopo un paio di minuti senza canestri, ma è Roderick ad indirizzare gli ultimi possessi col canestro del 79-76 a 21” dalla sirena. Biella ha il tiro per pareggiare con Harrell ma la sua tripla è corta, Taylor è il più veloce di tutti e si prende rimbalzo più fallo antisportivo che chiudono la gara. Al PalaAgnelli finisce 81-76 per Bergamo, in un tripudio di tifo giallonero. A fine gara coach Dell’Agnello elogia i suoi: <<Sono molto contento, specialmente per come abbiamo interpretato la seconda parte di gara. Di certo Roderick ha giocato una grande partita, e vorrei sottolineare la sua prova difensiva. Taylor sta crescendo di gara in gara, ma anche questa sera il collettivo è stato determinante per questo successo.>> Bergamo-Edilnol Biella 81-76 (25-23, 47-46, 65-67) Bergamo: Taylor 17 (3/4, 2/6), Roderick 30 (9/13, 3/6), Sergio 8 (3/5, 0/1), Fattori 10 (2/3, 2/4), Benvenuti 9 (4/4); Casella (0/2 da tre), Zucca 5 (1/3, 1/1), Zugno 2 (1/2, 0/2), Bedini n.e., Marelli n.e., Augeri n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Edilnol Biella: Saccaggi 15 (3/5, 3/6), Harrell 22 (4/7, 4/11), Wheatle 6 (0/4, 2/4), Sims 24 (7/18, 2/5), Vildera 4 (2/2); Pollone 5 (1/2, 1/1), Chiarastella (0/1), Torgano, Nwokoye n.e., Bertetti n.e.. All. Carrea Tiri liberi: Bergamo 11/16, Edilnol Biella 6/8 Rimbalzi: Bergamo 25 (Sergio 7), Edilnol Biella 37 (Sims 10) Assist: Bergamo 15 (Taylor 9), Edilnol Biella 11 (Saccaggi 6) Usciti per 5 falli: Harrell (Biella) Spettatori: 1200
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

11/11/2018 07:56

PRESENTAZIONE 7. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-EDILNOL BIELLA

Settima giornata di Serie A2 Old Wild West che vede impegnata Bergamo al PalaAgnelli contro la Edilnol Biella. I gialloneri sono reduci dal bel successo ottenuto sul difficile campo di Capo d’Orlando, successo che ha permesso a Sergio e compagni di salire in classifica a quota 8 punti, immediatamente dietro la coppia di testa formata da Virtus Roma e Agrigento. Di fronte ci sarà Biella, formazione che arriva a questa gara sulla scia di due vittorie consecutive, maturate contro Treviglio ed in trasferta a Legnano. I piemontesi stanno tornando nelle posizioni nobili della graduatoria, posizioni occupate nelle ultime stagioni: nel 2016/2017 Biella chiuse al primo posto la regular season, mentre lo scorso anno i piemontesi finirono quarti. Al PalaAgnelli si affrontano due delle migliori difese del girone: Biella subisce 68.8 punti a gara - seconda solo a Rieti - Bergamo poco di più, 73.7 punti.
Tante sono le novità in casa rossoblu rispetto al passato campionato. La conferma su cui poggiare il progetto si chiama Michele Carrea, coach alla quarta stagione in Piemonte, uno degli allenatori più apprezzati della categoria. Il tecnico milanese si affida in cabina di regia a Saccaggi, pronto ad innescare i propri compagni: su tutti KT Harrell, guardia americana da 18.5 punti di media a gara, già compagno di Saccaggi a Siena. Nel ruolo di ala piccola spazio alla gioventù di Wheatle (classe 1998), promosso in quintetto dopo le buone prove dello scorso anno, mentre nel reparto lungo il pericolo numero uno si chiama DeShawn Sims, 35 punti nell’ultima uscita contro Legnano ed una media di 20.5 punti ad allacciata di scarpe, a cui aggiunge 6.8 rimbalzi. A chiudere lo starting five c’è Vildera (altro ex Siena) nel ruolo di pivot. Dalla panchina arriva l’esperienza di Chiarastella, ala italo-argentina; assieme a lui Torgano e Pollone, cambi sugli esterni, il playmaker classe 2001 Bertetti ed il nigeriano Nwokeoye a dare respiro ai lunghi.
Coach Dell’Agnello introduce la sfida contro i piemontesi: <<Arriviamo a questa gara dopo una grande vittoria, su un campo difficile, giocando con autorità e restando avanti per praticamente 45 minuti. Una vittoria che ci regala due punti utili per rimanere nelle zone alte della classifica, una classifica meritata per quanto fatto vedere in campo. Quella di Biella sarà una partita diversa rispetto a quella di Capo d’Orlando: i piemontesi hanno una difesa sostanziosa, una delle più efficaci del campionato. Compito nostro sarà aprire il campo e non fermare la palla per non fare loro un favore.>>
Arbitri dell’incontro i signori Enrico Boscolo Nale di Chioggia (VE), Andrea Longobucco di Ciampino (RM) e Daniele Valleriani di Ferentino (FR). Palla a due sabato 10 novembre 2018 alle ore 20.30 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

09/11/2018 13:20

6. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST ORLANDINA CAPO D’ORLANDO-BERGAMO 89-90 D.T.S.

Una grandissima Bergamo si prende la vittoria al PalaFantozzi di Capo d’Orlando, sconfiggendo 89-90 dopo un tempo supplementare i padroni di casa dell’Orlandina. Un successo meritato, frutto di una gara condotta praticamente dall’inizio alla fine, che gli uomini di Dell’Agnello hanno fatto loro nel soffertissimo overtime grazie alla freddezza di Brandon Taylor: ennesima prova a tutto tondo del playmaker californiano (tripla-doppia sfiorata), autore dei liberi del definitivo sorpasso a 7” dalla sirena del 45’. Ma merito va a tutto il gruppo giallonero, capace di mettere in campo una prova maiuscola su un campo caldissimo come quello di Capo d’Orlando. Bergamo sale a 8 punti in classifica, agganciando proprio i siciliani; prossimo appuntamento sabato 10 novembre al PalaAgnelli contro l’Edilnol Biella.
Bergamo comincia bene specialmente in difesa, dove sporca i primi possessi dei siciliani, trovando di conseguenza buone soluzioni in attacco con Fattori e Taylor (0-9 al 4’). Sodini ferma immediatamente il gioco dopo la terza tripla dei gialloneri, ma Bergamo non si ferma e Fattori inchioda il nono punto personale per il +10 esterno. Capo d’Orlando si scuote con Triche, dall’altra parte Benvenuti è preciso dalla lunetta e tiene invariato il vantaggio (6-16 al 7’). È sempre Triche il faro dei padroni di casa, l’americano propizia il recupero interno prima di una tripla dall’angolo di Zucca che chiude la prima frazione con Bergamo avanti 16-21.
Capo d’Orlando accorcia con Laganà dall’arco e mette molta più pressione in difesa, ma Bergamo continua ad essere precisa da oltre i 6.75 con Casella, e al match si iscrive anche Zugno con un gran canestro in penetrazione (25-31 al 14’). La gara si mantiene su ritmi alti, Roderick risponde a Triche, Taylor ci mette il carico con un gioco da tre punti (31-39 al 18’) prima di cinque punti consecutivi dei siciliani che accorciano a -3. Dell’Agnello predica concentrazione e Bergamo risponde con tre canestri in fila di Zugno che rimettono luce tra le due squadre all’intervallo lungo (41-46 al 20’).
I siciliani escono forte dagli spogliatoi con il solito Triche, che firma l’aggancio a quota 48; Sergio e Zucca replicano per il nuovo +7 giallonero, la gara sale decisamente di intensità con le due squadre che non risparmiano nulla. Fattori resta in serata ma i siciliani restano in scia grazie al trio Parks-Triche-Bruttini (58-60 al 27’), Roderick e Benvenuti danno respiro a Bergamo prima dei liberi di Triche e Taylor ed in chiusura di frazione è Lucarelli a fissare il risultato sul 62-66 prima degli ultimi 10’.
Si prospetta un ultimo quarto al cardiopalma, con le squadre attaccate nel punteggio; Capo d’Orlando si porta a -1 con Bruttini e Mei, Laganà sorpassa dall’arco approfittando di un paio di palle perse dai gialloneri forzando il time-out di Dell’Agnello (68-66 al 32’). Roderick impatta da sotto, poi Casella rimette un possesso pieno di vantaggio dall’arco ed il margine viene ritoccato dai liberi di Benvenuti (68-73 al 34’); Taylor prolunga il parziale che si dilata fino allo 0-9 con cui Sodini chiama time-out, ma Bergamo trova i canestri che la portano sul +9 quando mancano 4’ alla sirena (70-79). Bellan accorcia dalla lunga distanza e dà il via ad un finale infuocato dove Roderick e Parks si prendono sulle spalle le rispettive squadre: l’ala di casa firma il -5 dalla lunetta con 90” da giocare, sempre con i liberi scrive il -3, Bergamo soffre la pressione casalinga e Capo d’Orlando pareggia a 39” dalla fine. Taylor non va a segno ed i siciliani con Lucarelli hanno il tiro della vittoria ma il numero 99 sbaglia e manda il match al supplementare.
Parks inaugura l’overtime con il +2 interno immediatamente replicato da cinque punti di Roderick (83-86 al 42’), Bergamo concede nulla ai siciliani ma perde il suo faro per raggiunto limite di falli prima del -1 di Bruttini. Si gioca sui nervi, Fattori segna da sotto il +3 Bergamo, Bruttini replica e Capo d’Orlando dalla lunetta sorpassa con 11” sul cronometro. Dell’Agnello disegna l’ultima azione che porta Taylor in lunetta per il +1 Bergamo a 7” dalla sirena, l’ultimo pallone va a Parks che sulla gran difesa giallonera non trova un tiro pulito, e la festa di Bergamo può cominciare. Al PalaFantozzi finisce 89-90 per Sergio e compagni.
Orlandina Capo d’Orlando-Bergamo 89-90 d.t.s. (16-21, 41-46, 62-66, 81-81)
Orlandina Capo d’Orlando: Laganà 9 (3/6 da tre), Triche 25 (3/7, 4/8), Bellan 5 (1/5 da tre), Parks 22 (8/18, 0/5), Bruttini 16 (6/9); Mei 3 (1/1, 0/4), Lucarelli 9 (3/7, 1/6), Donda (0/1), Galipò, Murabito n.e.. All. Sodini
Bergamo: Taylor 14 (3/6, 1/3), Roderick 18 (6/11, 1/4), Sergio 5 (0/1, 1/4), Fattori 16 (2/4, 4/7), Benvenuti 10 (1/3); Casella 9 (0/1, 3/5), Zucca 9 (3/5, 1/2), Zugno 9 (3/4, 1/1), Bedini n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Tiri liberi: Orlandina Capo d’Orlando 20/23, Bergamo 18/21
Rimbalzi: Orlandina Capo d’Orlando 37 (Bruttini 11), Bergamo 43 (Taylor 11)
Assist: Orlandina Capo d’Orlando 18 (Triche 5), Bergamo 21 (Taylor 9)
Usciti per 5 falli: Roderick, Sergio, Benvenuti (Bergamo), Triche (Orlandina Capo d’Orlando)
Spettatori: 1500
CONTATTI:
VITTORIO MILESI
canecaccia.com

05/11/2018 00:24

5. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-M RINNOVABILI AGRIGENTO 79-89


Non bastano un Taylor ai limiti della perfezione ed un Roderick da quasi tripla-doppia: al PalaAgnelli è la M Rinnovabili Agrigento che si porta via i due punti. Una vittoria conquistata con merito dagli uomini di Ciani, capaci di trovare in ogni momento della gara un protagonista diverso, da Bell a Cannon passando per Pepe. Il finale, 79-89, testimonia di un match giocato ad alto punteggio, dove Bergamo ha ceduto solo negli ultimi 3 minuti di gioco; per i gialloneri indicazioni positive anche da Fattori e Benvenuti, oltre al già citato duo americano. Niente drammi, come detto da coach Dell’Agnello in conferenza stampa – che sottolinea la prova dei propri ragazzi e la bravura dei siciliani. Prossimo appuntamento domenica 4 novembre in casa di Capo d’Orlando per la sesta giornata di Campionato.
Avvio gara da ritmi alti: Agrigento firma il primo mini-allungo con Bell (7-10 al 3’), sfruttando qualche palla persa di troppo da parte di Bergamo. È sempre Bell il faro dei siciliani che scappano sul +8 a metà periodo, un controbreak giallonero con Taylor e Sergio riporta Bergamo a -1 (14-15 al 6’) ma Agrigento tiene il pallino con il solito Bell (11 punti nel primo periodo) e chiude avanti la prima frazione sul 25-27.
Dell’Agnello predica maggior attenzione in difesa ma Bergamo paga dazio con i canestri di Cannon e Pepe che riaprono il margine (27-34 al 13’); Casella e quattro punti di Zucca tengono in linea di galleggiamento i gialloneri, che tornano a -1 con Roderick forzando il time-out di Ciani. La partita resta godibile nonostante qualche sbavatura di troppo da entrambe le squadre, si segna tanto in chiusura di quarto con Benvenuti che approfitta degli assist al bacio di Roderick per mettere sei punti in fila e lo stesso Roderick inchioda la tripla sulla sirena per il primo vantaggio interno sul 46-45 al 20’.
È un’altra partita nella ripresa, dove le difese alzano i giri (52-49 al 24’). Bergamo si appoggia ad un onnipresente Roderick, Taylor prosegue nel suo prezioso lavoro ai fianchi della difesa siciliana anche se gli uomini di Ciani tengono la scia dei gialloneri (55-53 al 26’); negli ultimi minuti del periodo Agrigento torna avanti con le triple di Ambrosin, Evangelisti e Guariglia, Bergamo – con Roderick in panchina a rifiatare – è brava a non scollarsi e rimanere in scia grazie ai liberi di Taylor e Zucca (62-64 al 30’).
Agrigento tiene il vantaggio con Evangelisti e Zilli, le folate di Roderick permettono a Bergamo di restare in partita (66-69 al 33’), Pepe e Taylor vanno a segno da tre punti dando il via ad un finale elettrizzante. I siciliani trovano un Cannon ispirato ed un Pepe preciso per il nuovo +7 (69-76 al 35’), Bergamo ora fatica a rispondere all’allungo ospite, ma tiene in difesa e con Taylor accorcia dalla linea. Ambrosin e Cannon siglano il +8 (71-79 al 37’) prima di una tripla allo scadere di Pepe che spacca la gara quando mancano 2’30” alla sirena. Bergamo ci prova, sotto di 11 lunghezze, ma Ambrosin – ancora allo scadere dei 24” – vanifica i tentativi di Roderick e Fattori (76-87 al 39’). Agrigento mette in ghiaccio il match con Cannon, l’ultimo minuto serve di fatto solo per aggiustare il punteggio. Al PalaAgnelli finisce 79-89 in favore di Agrigento, che aggancia il gruppo di testa a quota 8 punti.
Bergamo-M Rinnovabili Agrigento 79-89 (25-27, 46-45, 62-64)
Bergamo: Taylor 23 (5/5, 2/4), Roderick 18 (5/9, 1/2), Sergio 3 (1/3 da tre), Fattori 13 (2/7, 3/5), Benvenuti 8 (4/5); Casella 7 (2/2, 1/5), Zucca 7 (3/4, 0/1), Zugno (0/1), Bedini n.e., Marelli n.e., Augeri n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
M Rinnovabili Agrigento: Ambrosin 12 (2/7, 2/10), Bell 13 (1/3, 3/6), Evangelisti 11 (1/3, 3/3), Cannon 17 (7/11), Zilli 13 (4/7); Sousa 2 (1/2, 0/1), Guariglia 5 (1/2, 1/2), Pepe 13 (2/4, 3/6), Fontana 3 (0/1, 1/1), Cuffaro n.e.. All. Ciani
Tiri liberi: Bergamo 13/21, M Rinnovabili Agrigento 12/14
Rimbalzi: Bergamo 28 (Roderick 11), M Rinnovabili Agrigento 36 (Cannon, Pepe 8)
Assist: Bergamo 13 (Roderick 9), M Rinnovabili Agrigento 15 (Evangelisti 5)
canecaccia.com

30/10/2018 11:22

4. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST REMER TREVIGLIO-BERGAMO 85-81 D.T.S.

Una gara per cuori forti doveva essere, una gara per cuori forti è stata. Il derby tra Remer Treviglio e Bergamo ha mantenuto le premesse della vigilia: tanto agonismo, tanta tensione ed un finale thrilling. Dopo 45’ di battaglia sportiva hanno la meglio i padroni con il punteggio di 85-81, ma Bergamo esce a testa altissima dal PalaFacchetti. I ragazzi di coach Dell’Agnello giocano un’altra partita ordinata, dominando a tratti gli avversari, che hanno il merito di non essere mai usciti dalla contesa. Alla fine a far la differenza sono stati i canestri di Pecchia, autore di 28 punti, e l’energia messa dai giovani di Treviglio, D’Almeida su tutti. Dal lato giallonero, altra prova sontuosa di Brandon Taylor, che firma una prestazione da 24 punti con un solo errore dal campo. Non c’è tempo per rifiatare: lunedì 29 ottobre si ritorna in campo, al PalaAgnelli di Bergamo arriva la MRinnovabili Agrigento, che si trova nel gruppo di testa insieme a Sergio e compagni con 6 punti.
Bergamo parte bene, concede pochissimo a Treviglio e tenta subito il primo allungo a firma Taylor, autore di quattro punti veloci (3-9 al 3’). Lo stesso playmaker obbliga Vertemati al time-out dopo una facile penetrazione al ferro, ma la musica non cambia perché si accende Roderick: tre canestri-fotocopia lanciano Bergamo al +11, che diventa +14 quando ancora il numero 8 spara la tripla frontale (8-22 all’8’). Treviglio si anima con Pecchia e Roberts, ma è il solito Taylor a chiudere il quarto con il lay-up dell’11-24.
Bergamo controlla le operazioni, giocando con calma e forzando poco i ritmi; di contro Treviglio prova la reazione con Roberts e Borra, e torna sotto sfruttando un fallo antisportivo fischiato a Fattori (25-30 al 15’). Dell’Agnello rimette in campo Roderick ma Treviglio sfrutta a pieno il buon momento e Caroti inchioda la tripla del -4 per il boato del PalaFacchetti. Dopo un time-out Bergamo si riprende, gli americani indicano la strada per il nuovo +9 (33-42 al 18’), un libero di Roberts e una tripla clamorosa da metà campo di Pecchia chiudono il primo quarto sul 37-42 in favore dei gialloneri.
La ripresa si apre con qualche errore di troppo da ambo le parti, anche se i padroni di casa dimostrano di essere pienamente rientrati nel match (39-45 al 23’); Bergamo batte un colpo con Sergio e con l’immarcabile Taylor per tornare a +9 e forzare il time-out interno, poi Roderick e Fattori spingono il nuovo vantaggio in doppia cifra (42-54 al 26’), quando la difesa giallonera trova i giri giusti per fermare le bocche da fuoco trevigliesi. Taylor si guadagna tanti viaggi in lunetta per tenere i suoi saldamente avanti, Treviglio ha un guizzo in chiusura di periodo con D’Almeida e Pecchia, e torna a -5 in vista dell’ultimo decisivo quarto (54-59 al 30’).
La fatica è palpabile, la tensione anche di più, Bergamo paga un po’ in quanto a lucidità e ci deve pensare Casella con una tripla dall’angolo a ridare fiato ai gialloneri (54-62 al 32’). Borra si vede fischiato un fallo tecnico da cui Bergamo non lucra nulla, Pecchia scrive il nuovo -6 interno ma riappare Roderick: canestro più fallo subito, viaggio in lunetta per mettere Bergamo a +8 con 3’ da giocare, prima dei liberi di Olasawere. Il numero 8 giallonero lascia la contesa con 5 falli, Treviglio torna a - 3 con Olasawere con Dell’Agnello a richiamare i suoi all’ultimo sforzo. Gli ultimi 100” sono da infarto: D’Almeida fa -1 dalla lunetta, Zugno sempre dalla linea rimette due lunghezze di vantaggio a 1’09” dalla sirena, ci pensa Olasawere ad impattare a quota 70 e sull’ultimo possesso giallonero Pecchia è bravo a rubar palla ed inchiodare la schiacciata del 72-70 a 5” dalla fine. Le speranze di Bergamo vengono riposte in Taylor, che dopo il time-out sigla il nuovo pareggio che manda le squadre al supplementare.
Zugno permette a Bergamo di prendersi 3 punti di vantaggio, ma Palumbo e Pecchia ribaltano il risultato. Dalla lunetta è Olasawere a tenere a distanza Bergamo, la tripla di Casella a 1’ dal termine serve per il -3, ma nel finale Treviglio non trema e Caroti scrive i due liberi del successo interno. Al PalaFacchetti finisce 85-81 in favore della Remer Treviglio.
Remer Treviglio-Bergamo 85-81 d.t.s. (11-24, 37-42, 54-59, 72-72)
Remer Treviglio: Caroti 10 (1/1, 1/6), Frassineti 3 (0/1, 1/2), Pecchia 28 (6/9, 3/5), Olasawere 19 (4/9, 0/2), Borra 6 (3/6); Roberts 8 (0/3, 1/6), Palumbo 5 (1/5, 1/6), Taflaj (0/1, 0/2), D’Almeida 6 (1/4), Tiberti n.e., Abati Tourè n.e.. All. Vertemati
Bergamo: Taylor 24 (8/8, 0/1), Roderick 22 (9/16, 1/4), Casella 9 (1/2, 2/5), Sergio 3 (0/1, 1/2), Benvenuti 11 (4/8); Fattori 5 (1/3, 0/1), Zugno 5 (2/5, 0/2), Zucca 2 (1/2), Bedini n.e., Marelli n.e., Augeri n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Tiri liberi: Remer Treviglio 32/44, Bergamo 17/26
Rimbalzi: Remer Treviglio 45 (Borra, Olasawere 9), Bergamo 34 (Roderick 12)
Assist: Remer Treviglio 14 (Palumbo 5), Bergamo 14 (Taylor 5)
Usciti per 5 falli: Roderick, Sergio (Bergamo)
Spettatori: 2300
CONTATTI:
canecaccia.com

26/10/2018 12:32

PRESENTAZIONE 4. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST - REMER TREVIGLIO-BERGAMO


Arriva il giorno del derby. Bergamo affronta la quarta giornata del Campionato di Serie A2 Old Wild West da capolista del proprio girone, ospite della Remer Treviglio. La stracittadina bergamasca torna dopo tredici anni di assenza: bisogna tornare alla stagione 2005/2006 per l’ultima sfida in Serie B. Gli uomini di Dell’Agnello arrivano a questo appuntamento come meglio non potrebbero, sulla scia di entusiasmo generata dai tre successi consecutivi colti nelle prime tre uscite; di contro Treviglio si trova ancora senza vittorie in campionato, ma davanti al pubblico amico del PalaFacchetti farà di tutto per togliere lo zero dalla casella dei punti in classifica. Ci si aspetta una sfida caldissima, come è lecito attendersi da un derby.
I biancoblu trevigliesi presentano un roster con elementi di sicura esperienza ed affidabilità, quali Borra, pivot di 2.15 cm, e gli americani Roberts – guardia che ha saltato l’ultima gara di campionato ma dovrebbe essere recuperato – ed Olasawere, ala/centro che può far male sia dal pitturato che da fuori l’arco dei 6.75. A completare il quintetto base ci sono il playmaker Caroti, classe 1997 e Pecchia, capitano di Treviglio, altro classe 1997 alla terza stagione con il club della bassa bergamasca. Molto interessante il nucleo di giovani pronto dalla panchina: il playmaker Palumbo è considerato uno dei migliori prospetti nati nell’anno 2000, insieme a lui gli esterni Frassineti e Taflaj, infine i lunghi Tiberti e D’Almeida. Quest’ultimo, classe 2001, si sta ritagliando uno spazio importante in campo nonostante i soli 17 anni di età (20 minuti di media nelle prime tre gare). A dirigere i lavori in panchina Adriano Vertemati, coach che dal 2011 allena Treviglio. Un’istituzione da queste parti, un tecnico che ha saputo portare questa compagine nell’élite della Serie A2.
Coach Dell’Agnello parla così alla viglia del match: <<Siamo in un buon momento, è innegabile. Le tre vittorie colte sono meritate, ottenute contro squadre quotate. Treviglio ha bisogno di punti, e non dimentichiamo che ha giocato le ultime due gare non al completo. Ci faremo trovare pronti, vogliamo continuare così, grazie alla buona organizzazione ed attitudine che abbiamo messo in campo fin qui. Troveremo un clima infuocato, ma sono convinto che per i miei giocatori sarà uno stimolo in più perché è bello giocare in un ambiente “sportivamente” ostile.>>
Arbitri dell’incontro i signori Francesco Terranova di Ferrara, Roberto Radaelli di Rho (MI) e Mattia Eugenio Martellosio di Buccinasco (MI).
Palla a due giovedì 25 ottobre 2018 alle ore 21.00 presso il PalaFacchetti di Treviglio (BG). Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

24/10/2018 12:04

3. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-AXPO LEGNANO 79-62

3. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-AXPO LEGNANO 79-62

Bergamo si gode la sua notte da sogno. I gialloneri si ritrovano in testa da soli alla classifica - in attesa della gara di Casale Monferrato - dopo aver regolato 79-62 l’Axpo Legnano. Una partita dall’esito mai in discussione, dove i ragazzi di coach Dell’Agnello hanno saputo imprimere sin da subito il loro ritmo ed il loro gioco, limitando le bocche da fuoco dei biancorossi e collezionando la terza vittoria consecutiva in questo primo scorcio di stagione. Grande protagonista Brandon Taylor: una prestazione totale da 26 punti, 5 assist e 4 palle recuperate per 34 di valutazione, ma grande merito va dato ad un gruppo solido che una volta in più ha dimostrato il suo valore. Ora fari puntati sul derby contro la Remer Treviglio nella sfida infrasettimanale, per proseguire questa striscia positiva. Bergamo parte decisa, Taylor e Benvenuti scaldano il PalaAgnelli con i primi canestri della serata (7-2 al 4’), mentre la difesa inizia già a lavorare forte. Roderick carica i suoi, cinque punti filati del numero 8 obbligano coach Sacco al time-out. I gialloneri non calano di intensità, Fattori si dimostra in palla per il +10 interno (17-7 al 7’), e per Legnano si fa vedere Raffa con i primi punti personali, ma Roderick resta imprendibile e spinge Bergamo al 23-14 del 10’. Legnano ci prova appoggiandosi a London che riporta i biancorossi a -4 con cinque punti consecutivi, e con Raffa toglie un po’ di verve a Bergamo (25-21 al 13’). Basta poco: Roderick si riaccende, una sua penetrazione e due cioccolatini a Taylor e Casella danno il là all’8-0 interno che permette a Bergamo di tornare a +12 (33-21 al 15’), parziale che si dilata grazie ad un Taylor che gioca sull’onda dalla prestazione della scorsa domenica. Bergamo tocca il +19 prima della reazione di Legnano per il 44-29 con cui si va negli spogliatoi. Legnano esce bene dall’intervallo lungo mettendo energia in difesa e trovando buone soluzioni in attacco (47-38 al 23’); Bergamo soffre un po’ in questo frangente, Dell’Agnello ridisegna l’assetto e la mossa paga dividendi altissimi: Taylor è spaziale, da solo propizia il nuovo allungo Bergamo che arriva fino al 58-40 del 27’. Il pubblico del PalaAgnelli è in estasi per il gioco offerto dai gialloneri, Zugno regala un’altra prestazione coi fiocchi, ed è il solo Raffa che tiene il margine entro proporzioni accettabili quando si entra negli ultimi 10’ (62-47 al 30’). Gli esterni bergamaschi impiegano poco per chiudere i conti: Casella, Taylor e un alley-oop da capogiro sull’asse Taylor-Roderick danno il tranquillo +18 (69-51 al 33’). Legnano non ne ha più, con Raffa e Bozzetto impiegati per tutti i 40 minuti di gioco, e alza definitivamente bandiera bianca sulla tripla di Fattori del 76-59 e sul susseguente gioco da tre punti di Taylor. C’è gloria anche per i giovani Augeri, Marelli e Monti: finisce 79-62 al PalaAgnelli, per la festa dei tanti tifosi gialloneri. Bergamo-Axpo Legnano 79-62 (23-14, 44-29, 62-47) Bergamo: Taylor 26 (5/7, 3/5), Roderick 13 (5/12, 1/4), Sergio 6 (2/2, 0/4), Fattori 9 (0/3, 2/5), Benvenuti 6 (3/6, 0/1); Casella 9 (0/2, 3/5), Zucca 4 (2/3, 0/1), Zugno 6 (2/2), Bedini, Marelli, Augeri (0/1), Monti. All. Dell’Agnello Axpo Legnano: Raffa 17 (4/12, 0/3), Bortolani 14 (2/5, 2/5), Serpilli (0/1, 0/3), London 11 (1/8, 2/7), Bozzetto 15 (3/5, 1/2); Ferri 3 (1/2 da tre), Bianchi, Corti 2 (1/1), Berra n.e, Coraini n.e.. All. Sacco Tiri liberi: Bergamo 14/16, Axpo Legnano 22/27 Rimbalzi: Bergamo 36 (Roderick 10), Axpo Legnano 37 (Bozzetto 10) Assist: Bergamo 13 (Taylor 5), Axpo Legnano 7 (Raffa 5) Usciti per 5 falli: Sergio (Bergamo) Spettatori: 1100 canecaccia.com

21/10/2018 07:58

PRESENTAZIONE 3. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-AXPO LEGNANO

PRESENTAZIONE 3. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST  BERGAMO-AXPO LEGNANO

Dopo le due entusiasmanti vittorie ottenute contro Scafati e Virtus Roma, Bergamo affronta la seconda partita consecutiva tra le mura amiche del PalaAgnelli l’Axpo Legnano. Una gara dai risvolti particolari, visto che tornano a Bergamo tre dei protagonisti della scorsa stagione: coach Sacco, ora sulla panchina dei biancorossi milanesi, e la coppia Michele Ferri-Davide Bozzetto sul parquet. Ma sarà una partita in cui i ragazzi di coach Dell’Agnello dovranno mantenere la rotta rispetto a quanto mostrato di buono in questo inizio di stagione, partendo dalle proprie certezze: una difesa di ferro e un attacco capace di coinvolgere tutti i giocatori in campo. Di contro Legnano arriva a questo appuntamento dopo il successo esterno maturato a Treviglio nella prima giornata e il k.o. contro Scafati al PalaBorsani.
Sulla panchina di Legnano c’è Giancarlo Sacco, l’uomo che lo scorso anno condusse i gialloneri ad un’insperata salvezza diretta, grazie alle sette vittorie consecutive ottenute nel rush finale di stagione. In campo largo ad Anthony Raffa, play/guardia che ha cominciato la stagione con due prestazioni personali eccellenti: 30 punti a Treviglio, 31 nella gara contro Scafati. Con lui ci saranno Ferri, che troverà molto spazio nelle rotazioni dei milanesi, ed il giovanissimo (classe 2000) Bortolani a completare il reparto guardie, un prospetto da tenere d’occhio. In assenza di Benetti, fermo ai box, largo a Serpilli - classe 1999 scuola Pesaro - e Bianchi nello spot di ala piccola, mentre il duo London-Bozzetto compone la coppia di lunghi. Fari puntati sul classe 1996 americano, un rookie di questo campionato che ha già mostrato grande atletismo e un impatto deciso sulla Serie A2 (14 punti e 5 rimbalzi di media). Primo cambio sotto canestro il ventenne Corti, chiudono il roster gli esterni Berra e Coraini (entrambi classe 2000).
Alla vigilia del match parla l’assistant coach Andrea Vicenzutto: <<C’è tanto entusiasmo, siamo consci del fatto che se scendiamo in campo con intensità ed attitudine possiamo giocarcela contro tutte le avversarie. Legnano arriva a questo appuntamento consapevole della propria forza e potrà giocarsi due punti importanti; una chiave della partita sarà limitare Raffa in attacco, ma tanta attenzione andrà messa anche su London e sul gruppo di giovani che si sta dimostrando affidabile in questa categoria. Vogliamo proseguire sulla strada intrapresa in questo inizio di campionato.>>
Arbitri dell’incontro i signori Angelo Caforio di Brindisi, Damiano Capozziello di Brindisi e Antonio Bartolomeo di Cellino San Marco (BR).
Palla a due sabato 20 ottobre 2018 alle ore 20.30 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

19/10/2018 10:19

2. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-VIRTUS ROMA 81-59

2. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-VIRTUS ROMA 81-59

È grande Bergamo. I gialloneri allenati da coach Dell’Agnello infliggono una pesantissima sconfitta alla Virtus Roma nel lunch match della 2. giornata di Serie A2 Old Wild West. Il finale dal PalaAgnelli di Bergamo recita 81-59 in favore di Sergio e compagni, una gara perfettamente equilibrata nella prima frazione che ha avuto la svolta nel secondo tempo. Una difesa eccezionale, un’aggressività che annienta l’attacco capitolino (solo 20 punti nella ripresa), una fluidità in attacco che ha deliziato il pubblico bergamasco. Sei uomini in doppia cifra guidati dai 20 punti di un grande Taylor, Roderick che piazza una tripla-doppia enorme (10 punti, 21 rimbalzi e 10 assist), la sensazione di una squadra che potrà togliersi delle belle soddisfazioni lungo tutta la stagione. Ed ora all’orizzonte la sfida contro Legnano degli ex Sacco, Ferri e Bozzetto, per consolidare quanto di buono fatto in queste due prime uscite stagionali. Roma imprime subito il suo marchio con un Sims che fa la voce grossa sotto canestro sin dai primi possessi, ma Bergamo riesce a mettere in difficoltà l’attacco capitolino grazie alla buona difesa dei primi minuti (8-8 al 5’). Fattori si iscrive al match con una tripla dall’angolo, Roderick è il faro che illumina i possessi gialloneri e permette a Bergamo di mettere il naso avanti ancora con una tripla di Fattori, ma Roma ha la contromossa, ovvero dare palla a Sims (10 punti e 4 rimbalzi per lui nel quarto), con il punteggio che recita 15-15 al 10’. È Casella il protagonista ad inizio secondo periodo: due triple consecutive del numero 5 permettono a Bergamo di prendere vantaggio (26-20 al 13’), ma Roma replica immediatamente con Alibegovic, portandosi ad un solo punto di distanza. Zugno entra alla grande in partita con un paio di penetrazioni al ferro anche se il solito Sims domina nel pitturato (28-29 al 16’). Coach Dell’Agnello prova la carta del quintetto basso con Casella da 4 e Fattori da 5, i gialloneri soffrono ma tengono la scia di Roma, anzi Casella inchioda la terza tripla personale per il nuovo sorpasso interno, con il primo tempo che si chiude in perfetta parità sul 39-39. Bergamo entra in campo dagli spogliatoi convinta, decisa, con il solito Casella a colpire dalla lunga distanza (44-40 al 23’). Roma procede a folate potendo contare su una fisicità straripante, appoggiandosi a turno a Sims, Landi o Sandri, ma quando Taylor scalda la mano i gialloneri riprendono margine (49-44 al 25’); Sergio sale in cattedra con tanta difesa e la tripla del vantaggio in doppia cifra sul 56-46 al 28’, Roderick fa esplodere il PalaAgnelli con una schiacciata volante per il 58-46 con il quale si chiude una frazione decisamente positiva per Bergamo. Dopo l’ultimo mini-break arriva il parziale che chiude la gara: Taylor si prende sulle spalle i suoi segnando otto punti consecutivi che danno a Bergamo il +20 (68-48 al 32’). Roma è alle corde, Sergio e di nuovo Taylor inferiscono per la gioia dei tifosi gialloneri, che si spellano le mani dopo il +25 siglato dal playmaker americano. Di fatto gli ultimi 5’ di gara sono garbage time, c’è il tempo per aggiustare il risultato finale con Taylor che raggiunge quota 20 punti. Finisce 81-59 per Bergamo, una vittoria limpida, una vittoria da grande squadra. L’appuntamento è per sabato 20 ottobre alle 20.30, sempre al PalaAgnelli di Bergamo, contro Legnano. Bergamo-Virtus Roma 81-59 (15-15, 39-39, 58-46) Bergamo: Taylor 20 (1/3, 4/7), Roderick 10 (5/12, 0/6), Sergio 10 (2/3, 2/6), Fattori 10 (0/3, 3/7), Benvenuti 11 (3/6, 0/1); Casella 12 (4/8 da tre), Zucca 2 (1/1), Zugno 6 (2/2, 0/1), Bedini (0/1), Marelli, Augeri. All. Dell’Agnello Virtus Roma: Moore 6 (3/6, 0/6), Santiangeli 8 (2/6 da tre), Sandri 3 (1/2, 0/1), Landi 8 (3/7, 0/4), Sims 18 (7/13); Saccaggi (0/4 da tre), Chessa 6 (0/1, 2/2), Baldasso 10 (2/3, 2/4), Alibegovic (0/1 da tre), Lucarelli. All. Bucchi Tiri liberi: Bergamo 14/16, Virtus Roma 9/12 Rimbalzi: Bergamo 42 (Roderick 21), Virtus Roma 35 (Sims 14) Assist: Bergamo 19 (Roderick 10), Virtus Roma 12 (Moore, Baldasso 3)
Usciti per 5 falli: nessuno
Spettatori: 1000
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

14/10/2018 23:29

1. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST GIVOVA SCAFATI-BERGAMO 58-60

1. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST GIVOVA SCAFATI-BERGAMO 58-60


Inizia col botto la stagione di Bergamo. Gli uomini di coach Dell’Agnello sbancano il PalaMangano di Scafati con il punteggio di 58-60 al termine di una gara molto fisica e combattuta; Sergio e compagni si portano a casa i primi due punti in classifica grazie ad una robusta prova collettiva, coronata dal canestro di Benvenuti allo scadere su pregevole assist di Roderick. Una vittoria pesante su un parquet complicato come quello campano, che permette a Bergamo di cominciare con il piede giusto questo campionato di Serie A2. Domenica prossima esordio casalingo: alle ore 12.00 sfida alla Virtus Roma al Palazzetto dello Sport di Bergamo, contro un’altra delle contendenti alla promozione in Serie A.
Ritmi compassati in avvio di gara, con Bergamo che guadagna il primo vantaggio grazie ai liberi di Sergio e Fattori, mentre dall’altra parte Thomas è il referente offensivo di Scafati e accende il match con un paio di canestri dalla media (4-3 al 4’). Scafati prende margine con Tommasini e Rossato, obbligando coach Dell’Agnello al time-out, e con la girandola di cambi i campani spingono il primo vantaggio importante del match (14-5 al 7’); si fa vedere Roderick con un paio di ottime penetrazioni, permettendo a Bergamo di mettersi in ritmo, nonostante le basse percentuali al tiro (18-11 al 10’). Scafati riprende la marcia quando torna sul parquet Thomas (11 punti in 12’) ma Bergamo dà segnali incoraggianti con Sergio, Fattori e Roderick (27-21 al 15’), riuscendo a rientrare pienamente nel match grazie ad un’ottima difesa. Zugno in cabina di regia detta i tempi dell’attacco giallonero, Fattori imbuca un paio di triple che tengono Bergamo a contatto all’intervallo lungo (35-30 al 20’).
Bergamo c’è in avvio di ripresa, mostra i muscoli e tiene benissimo in difesa contro la fisicità dei campani (37-34 al 23’); Roderick arriva alla doppia-doppia con estrema facilità, Taylor mette energia a tutto campo, piazza un paio di recuperi e infiamma la sfida (42-42 al 26’). I gialloneri ribattono colpo su colpo, Scafati allunga di misura con Thomas e Ammannato in chiusura di periodo, ma la gara resta in equilibrio in vista degli ultimi 10’ (48-44 al 30’). Bergamo trova risorse da un più che positivo Zugno e da Benvenuti, sorpassa con Fattori (50-51 al 34’), poi è ancora Benvenuti che risponde a Romeo, quando si entra negli ultimi 4’ in totale parità a quota 53. Il lungo bergamasco è un fattore nel pitturato, Sergio spara la tripla del +3 giallonero in entrata degli ultimi 2’ di gioco, Scafati prova ad allungare la difesa e torna a -1 con Goodwin, e sull’ultimo possesso Ammannato va in lunetta coi liberi del potenziale sorpasso. Il capitano scafatese fa 1/2, con 11 secondi sul cronometro Bergamo ha la palla per vincere, Roderick attira il raddoppio della difesa di casa e pesca Benvenuti, che da sotto infila il più facile dei lay-up per il boato giallonero ed il 58-60 finale.
Givova Scafati-Bergamo 58-60 (18-11, 35-30, 48-44)
Givova Scafati: Tommasini 11 (1/3, 3/7), Rossato 6 (2/3), Thomas 17 (7/10, 1/4), Ammannato 7 (3/5, 0/1), Goodwin 4 (2/8); Contento (0/3, 0/4), Italiano 6 (2/4, 0/3), Romeo 5 (1/1, 1/2), Sgobba 2 (0/1 da tre), Esposito n.e., Zaccaro n.e.. All. Calvani
Bergamo: Taylor 8 (4/7, 0/4), Roderick 15 (5/8, 0/2), Sergio 7 (0/2, 2/4), Fattori 10 (2/3, 2/7), Benvenuti 11 (4/5, 1/1); Zucca 2 (1/3, 0/2), Casella 2 (1/4, 0/4), Zugno 5 (1/2, 0/2), Bedini n.e., Marelli n.e.. All. Dell’Agnello
Tiri liberi: Givova Scafati 7/10, Bergamo 9/11
Rimbalzi: Givova Scafati 38 (Goodwin 11), Bergamo 40 (Roderick 12)
Assist: Givova Scafati 11 (Goodwin 3), Bergamo 14 (Roderick, Taylor 5)
Usciti per 5 falli: nessuno
Spettatori: 1000
canecaccia.com

07/10/2018 23:08

 
 
 
 
Copyright 2017 canecaccia.com
All Rights Reserved