News Bergamobasket

Tutte le News della Bergamo Basket 2014
 
 
 
 
 
 


7. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-EDILNOL BIELLA 81-76

Bergamo non si ferma neanche contro Biella, ed infila la quinta vittoria stagionale che vale l’aggancio momentaneo al duo di testa in classifica formato da Agrigento e Virtus Roma. Il risultato finale, 81-76, è lo specchio di una gara giocata ad alti ritmi, specialmente nella prima parte, dove gli uomini di Dell’Agnello hanno risposto colpo su colpo alle ottime percentuali di Biella. Fondamentale in questo senso Roderick, 21 punti all’intervallo e 30 punti al 40’, lo spacca-difesa che ha permesso a Bergamo di prendersi i due punti in palio. Da sottolineare la solida prova di tutto il roster, da Taylor a Benvenuti, passando per capitan Sergio. Per Bergamo c’è un altro appuntamento casalingo tra una settimana: al PalaAgnelli arriva la Leonis Roma dell’ex Damian Hollis. Bergamo scatta forte, dopo neanche 3 minuti giocati è già a quota 10 punti segnati con un Roderick sin da subito in grande spolvero, Biella risale con Saccaggi e Harrell ma è sempre il Roderick-show che tiene avanti i gialloneri (16-14 al 7’). La partita fila via senza troppe interruzioni, Pollone firma il primo vantaggio piemontese subito replicato da Taylor e dal dodicesimo punto di Roderick, che unitamente ai liberi di Sims chiudono la prima frazione sul 25-23 interno. I gialloneri restano avanti con i canestri di Roderick e Taylor nonostante dall’altra parte si metta in mostra Saccaggi (32-29 al 13’); la gara resta a punteggio molto alto (37-36 al 16’), per i gialloneri c’è sempre Roderick che apre in due la difesa biellese mentre per i piemontesi a turno vanno a segno Harrell, Sims e Saccaggi. Gli americani di Biella operano il sorpasso, obbligando Dell’Agnello a rimettere in campo Taylor per Roderick gravato di 2 falli, Bergamo non cede di un passo contro le triple dei piemontesi ed i canestri di Sims, riuscendo a tornare avanti all’intervallo lungo con la tripla di Taylor (47-46). Roderick inizia da dove aveva lasciato il primo tempo, ovvero arrivando al ferro con facilità quasi disarmante (52-48 al 23’); Bergamo prende un minimo di margine con una tripla di Fattori che vale il +5, ma è un attimo ed il match è di nuovo in parità con Harrell e Wheatle (57-57 al 25’). Si procede punto a punto, le percentuali al tiro scendono fisiologicamente per entrambe le squadre, Harrell dalla lunga distanza rimette avanti Biella quando si entra nell’ultimo minuto del quarto, Benvenuti dalla lunetta e dall’altra parte Sims fissano il 65-67 prima degli ultimi 10 decisivi minuti. Sergio e Zugno replicano a Saccaggi per il 69-69 del 33’, Harrell prosegue nella sua ottima serata con la tripla del nuovo +1 Biella a cui replica in grande stile Taylor (73-72 al 35’). Altro finale in volata con le squadre che ora sentono la fatica, Benvenuti e Harrell sbloccano il risultato dopo un paio di minuti senza canestri, ma è Roderick ad indirizzare gli ultimi possessi col canestro del 79-76 a 21” dalla sirena. Biella ha il tiro per pareggiare con Harrell ma la sua tripla è corta, Taylor è il più veloce di tutti e si prende rimbalzo più fallo antisportivo che chiudono la gara. Al PalaAgnelli finisce 81-76 per Bergamo, in un tripudio di tifo giallonero. A fine gara coach Dell’Agnello elogia i suoi: <<Sono molto contento, specialmente per come abbiamo interpretato la seconda parte di gara. Di certo Roderick ha giocato una grande partita, e vorrei sottolineare la sua prova difensiva. Taylor sta crescendo di gara in gara, ma anche questa sera il collettivo è stato determinante per questo successo.>> Bergamo-Edilnol Biella 81-76 (25-23, 47-46, 65-67) Bergamo: Taylor 17 (3/4, 2/6), Roderick 30 (9/13, 3/6), Sergio 8 (3/5, 0/1), Fattori 10 (2/3, 2/4), Benvenuti 9 (4/4); Casella (0/2 da tre), Zucca 5 (1/3, 1/1), Zugno 2 (1/2, 0/2), Bedini n.e., Marelli n.e., Augeri n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Edilnol Biella: Saccaggi 15 (3/5, 3/6), Harrell 22 (4/7, 4/11), Wheatle 6 (0/4, 2/4), Sims 24 (7/18, 2/5), Vildera 4 (2/2); Pollone 5 (1/2, 1/1), Chiarastella (0/1), Torgano, Nwokoye n.e., Bertetti n.e.. All. Carrea Tiri liberi: Bergamo 11/16, Edilnol Biella 6/8 Rimbalzi: Bergamo 25 (Sergio 7), Edilnol Biella 37 (Sims 10) Assist: Bergamo 15 (Taylor 9), Edilnol Biella 11 (Saccaggi 6) Usciti per 5 falli: Harrell (Biella) Spettatori: 1200
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

11/11/2018 07:56

PRESENTAZIONE 7. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-EDILNOL BIELLA

Settima giornata di Serie A2 Old Wild West che vede impegnata Bergamo al PalaAgnelli contro la Edilnol Biella. I gialloneri sono reduci dal bel successo ottenuto sul difficile campo di Capo d’Orlando, successo che ha permesso a Sergio e compagni di salire in classifica a quota 8 punti, immediatamente dietro la coppia di testa formata da Virtus Roma e Agrigento. Di fronte ci sarà Biella, formazione che arriva a questa gara sulla scia di due vittorie consecutive, maturate contro Treviglio ed in trasferta a Legnano. I piemontesi stanno tornando nelle posizioni nobili della graduatoria, posizioni occupate nelle ultime stagioni: nel 2016/2017 Biella chiuse al primo posto la regular season, mentre lo scorso anno i piemontesi finirono quarti. Al PalaAgnelli si affrontano due delle migliori difese del girone: Biella subisce 68.8 punti a gara - seconda solo a Rieti - Bergamo poco di più, 73.7 punti.
Tante sono le novità in casa rossoblu rispetto al passato campionato. La conferma su cui poggiare il progetto si chiama Michele Carrea, coach alla quarta stagione in Piemonte, uno degli allenatori più apprezzati della categoria. Il tecnico milanese si affida in cabina di regia a Saccaggi, pronto ad innescare i propri compagni: su tutti KT Harrell, guardia americana da 18.5 punti di media a gara, già compagno di Saccaggi a Siena. Nel ruolo di ala piccola spazio alla gioventù di Wheatle (classe 1998), promosso in quintetto dopo le buone prove dello scorso anno, mentre nel reparto lungo il pericolo numero uno si chiama DeShawn Sims, 35 punti nell’ultima uscita contro Legnano ed una media di 20.5 punti ad allacciata di scarpe, a cui aggiunge 6.8 rimbalzi. A chiudere lo starting five c’è Vildera (altro ex Siena) nel ruolo di pivot. Dalla panchina arriva l’esperienza di Chiarastella, ala italo-argentina; assieme a lui Torgano e Pollone, cambi sugli esterni, il playmaker classe 2001 Bertetti ed il nigeriano Nwokeoye a dare respiro ai lunghi.
Coach Dell’Agnello introduce la sfida contro i piemontesi: <<Arriviamo a questa gara dopo una grande vittoria, su un campo difficile, giocando con autorità e restando avanti per praticamente 45 minuti. Una vittoria che ci regala due punti utili per rimanere nelle zone alte della classifica, una classifica meritata per quanto fatto vedere in campo. Quella di Biella sarà una partita diversa rispetto a quella di Capo d’Orlando: i piemontesi hanno una difesa sostanziosa, una delle più efficaci del campionato. Compito nostro sarà aprire il campo e non fermare la palla per non fare loro un favore.>>
Arbitri dell’incontro i signori Enrico Boscolo Nale di Chioggia (VE), Andrea Longobucco di Ciampino (RM) e Daniele Valleriani di Ferentino (FR). Palla a due sabato 10 novembre 2018 alle ore 20.30 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

09/11/2018 13:20

6. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST ORLANDINA CAPO D’ORLANDO-BERGAMO 89-90 D.T.S.

Una grandissima Bergamo si prende la vittoria al PalaFantozzi di Capo d’Orlando, sconfiggendo 89-90 dopo un tempo supplementare i padroni di casa dell’Orlandina. Un successo meritato, frutto di una gara condotta praticamente dall’inizio alla fine, che gli uomini di Dell’Agnello hanno fatto loro nel soffertissimo overtime grazie alla freddezza di Brandon Taylor: ennesima prova a tutto tondo del playmaker californiano (tripla-doppia sfiorata), autore dei liberi del definitivo sorpasso a 7” dalla sirena del 45’. Ma merito va a tutto il gruppo giallonero, capace di mettere in campo una prova maiuscola su un campo caldissimo come quello di Capo d’Orlando. Bergamo sale a 8 punti in classifica, agganciando proprio i siciliani; prossimo appuntamento sabato 10 novembre al PalaAgnelli contro l’Edilnol Biella.
Bergamo comincia bene specialmente in difesa, dove sporca i primi possessi dei siciliani, trovando di conseguenza buone soluzioni in attacco con Fattori e Taylor (0-9 al 4’). Sodini ferma immediatamente il gioco dopo la terza tripla dei gialloneri, ma Bergamo non si ferma e Fattori inchioda il nono punto personale per il +10 esterno. Capo d’Orlando si scuote con Triche, dall’altra parte Benvenuti è preciso dalla lunetta e tiene invariato il vantaggio (6-16 al 7’). È sempre Triche il faro dei padroni di casa, l’americano propizia il recupero interno prima di una tripla dall’angolo di Zucca che chiude la prima frazione con Bergamo avanti 16-21.
Capo d’Orlando accorcia con Laganà dall’arco e mette molta più pressione in difesa, ma Bergamo continua ad essere precisa da oltre i 6.75 con Casella, e al match si iscrive anche Zugno con un gran canestro in penetrazione (25-31 al 14’). La gara si mantiene su ritmi alti, Roderick risponde a Triche, Taylor ci mette il carico con un gioco da tre punti (31-39 al 18’) prima di cinque punti consecutivi dei siciliani che accorciano a -3. Dell’Agnello predica concentrazione e Bergamo risponde con tre canestri in fila di Zugno che rimettono luce tra le due squadre all’intervallo lungo (41-46 al 20’).
I siciliani escono forte dagli spogliatoi con il solito Triche, che firma l’aggancio a quota 48; Sergio e Zucca replicano per il nuovo +7 giallonero, la gara sale decisamente di intensità con le due squadre che non risparmiano nulla. Fattori resta in serata ma i siciliani restano in scia grazie al trio Parks-Triche-Bruttini (58-60 al 27’), Roderick e Benvenuti danno respiro a Bergamo prima dei liberi di Triche e Taylor ed in chiusura di frazione è Lucarelli a fissare il risultato sul 62-66 prima degli ultimi 10’.
Si prospetta un ultimo quarto al cardiopalma, con le squadre attaccate nel punteggio; Capo d’Orlando si porta a -1 con Bruttini e Mei, Laganà sorpassa dall’arco approfittando di un paio di palle perse dai gialloneri forzando il time-out di Dell’Agnello (68-66 al 32’). Roderick impatta da sotto, poi Casella rimette un possesso pieno di vantaggio dall’arco ed il margine viene ritoccato dai liberi di Benvenuti (68-73 al 34’); Taylor prolunga il parziale che si dilata fino allo 0-9 con cui Sodini chiama time-out, ma Bergamo trova i canestri che la portano sul +9 quando mancano 4’ alla sirena (70-79). Bellan accorcia dalla lunga distanza e dà il via ad un finale infuocato dove Roderick e Parks si prendono sulle spalle le rispettive squadre: l’ala di casa firma il -5 dalla lunetta con 90” da giocare, sempre con i liberi scrive il -3, Bergamo soffre la pressione casalinga e Capo d’Orlando pareggia a 39” dalla fine. Taylor non va a segno ed i siciliani con Lucarelli hanno il tiro della vittoria ma il numero 99 sbaglia e manda il match al supplementare.
Parks inaugura l’overtime con il +2 interno immediatamente replicato da cinque punti di Roderick (83-86 al 42’), Bergamo concede nulla ai siciliani ma perde il suo faro per raggiunto limite di falli prima del -1 di Bruttini. Si gioca sui nervi, Fattori segna da sotto il +3 Bergamo, Bruttini replica e Capo d’Orlando dalla lunetta sorpassa con 11” sul cronometro. Dell’Agnello disegna l’ultima azione che porta Taylor in lunetta per il +1 Bergamo a 7” dalla sirena, l’ultimo pallone va a Parks che sulla gran difesa giallonera non trova un tiro pulito, e la festa di Bergamo può cominciare. Al PalaFantozzi finisce 89-90 per Sergio e compagni.
Orlandina Capo d’Orlando-Bergamo 89-90 d.t.s. (16-21, 41-46, 62-66, 81-81)
Orlandina Capo d’Orlando: Laganà 9 (3/6 da tre), Triche 25 (3/7, 4/8), Bellan 5 (1/5 da tre), Parks 22 (8/18, 0/5), Bruttini 16 (6/9); Mei 3 (1/1, 0/4), Lucarelli 9 (3/7, 1/6), Donda (0/1), Galipò, Murabito n.e.. All. Sodini
Bergamo: Taylor 14 (3/6, 1/3), Roderick 18 (6/11, 1/4), Sergio 5 (0/1, 1/4), Fattori 16 (2/4, 4/7), Benvenuti 10 (1/3); Casella 9 (0/1, 3/5), Zucca 9 (3/5, 1/2), Zugno 9 (3/4, 1/1), Bedini n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Tiri liberi: Orlandina Capo d’Orlando 20/23, Bergamo 18/21
Rimbalzi: Orlandina Capo d’Orlando 37 (Bruttini 11), Bergamo 43 (Taylor 11)
Assist: Orlandina Capo d’Orlando 18 (Triche 5), Bergamo 21 (Taylor 9)
Usciti per 5 falli: Roderick, Sergio, Benvenuti (Bergamo), Triche (Orlandina Capo d’Orlando)
Spettatori: 1500
CONTATTI:
VITTORIO MILESI
canecaccia.com

05/11/2018 00:24

5. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-M RINNOVABILI AGRIGENTO 79-89


Non bastano un Taylor ai limiti della perfezione ed un Roderick da quasi tripla-doppia: al PalaAgnelli è la M Rinnovabili Agrigento che si porta via i due punti. Una vittoria conquistata con merito dagli uomini di Ciani, capaci di trovare in ogni momento della gara un protagonista diverso, da Bell a Cannon passando per Pepe. Il finale, 79-89, testimonia di un match giocato ad alto punteggio, dove Bergamo ha ceduto solo negli ultimi 3 minuti di gioco; per i gialloneri indicazioni positive anche da Fattori e Benvenuti, oltre al già citato duo americano. Niente drammi, come detto da coach Dell’Agnello in conferenza stampa – che sottolinea la prova dei propri ragazzi e la bravura dei siciliani. Prossimo appuntamento domenica 4 novembre in casa di Capo d’Orlando per la sesta giornata di Campionato.
Avvio gara da ritmi alti: Agrigento firma il primo mini-allungo con Bell (7-10 al 3’), sfruttando qualche palla persa di troppo da parte di Bergamo. È sempre Bell il faro dei siciliani che scappano sul +8 a metà periodo, un controbreak giallonero con Taylor e Sergio riporta Bergamo a -1 (14-15 al 6’) ma Agrigento tiene il pallino con il solito Bell (11 punti nel primo periodo) e chiude avanti la prima frazione sul 25-27.
Dell’Agnello predica maggior attenzione in difesa ma Bergamo paga dazio con i canestri di Cannon e Pepe che riaprono il margine (27-34 al 13’); Casella e quattro punti di Zucca tengono in linea di galleggiamento i gialloneri, che tornano a -1 con Roderick forzando il time-out di Ciani. La partita resta godibile nonostante qualche sbavatura di troppo da entrambe le squadre, si segna tanto in chiusura di quarto con Benvenuti che approfitta degli assist al bacio di Roderick per mettere sei punti in fila e lo stesso Roderick inchioda la tripla sulla sirena per il primo vantaggio interno sul 46-45 al 20’.
È un’altra partita nella ripresa, dove le difese alzano i giri (52-49 al 24’). Bergamo si appoggia ad un onnipresente Roderick, Taylor prosegue nel suo prezioso lavoro ai fianchi della difesa siciliana anche se gli uomini di Ciani tengono la scia dei gialloneri (55-53 al 26’); negli ultimi minuti del periodo Agrigento torna avanti con le triple di Ambrosin, Evangelisti e Guariglia, Bergamo – con Roderick in panchina a rifiatare – è brava a non scollarsi e rimanere in scia grazie ai liberi di Taylor e Zucca (62-64 al 30’).
Agrigento tiene il vantaggio con Evangelisti e Zilli, le folate di Roderick permettono a Bergamo di restare in partita (66-69 al 33’), Pepe e Taylor vanno a segno da tre punti dando il via ad un finale elettrizzante. I siciliani trovano un Cannon ispirato ed un Pepe preciso per il nuovo +7 (69-76 al 35’), Bergamo ora fatica a rispondere all’allungo ospite, ma tiene in difesa e con Taylor accorcia dalla linea. Ambrosin e Cannon siglano il +8 (71-79 al 37’) prima di una tripla allo scadere di Pepe che spacca la gara quando mancano 2’30” alla sirena. Bergamo ci prova, sotto di 11 lunghezze, ma Ambrosin – ancora allo scadere dei 24” – vanifica i tentativi di Roderick e Fattori (76-87 al 39’). Agrigento mette in ghiaccio il match con Cannon, l’ultimo minuto serve di fatto solo per aggiustare il punteggio. Al PalaAgnelli finisce 79-89 in favore di Agrigento, che aggancia il gruppo di testa a quota 8 punti.
Bergamo-M Rinnovabili Agrigento 79-89 (25-27, 46-45, 62-64)
Bergamo: Taylor 23 (5/5, 2/4), Roderick 18 (5/9, 1/2), Sergio 3 (1/3 da tre), Fattori 13 (2/7, 3/5), Benvenuti 8 (4/5); Casella 7 (2/2, 1/5), Zucca 7 (3/4, 0/1), Zugno (0/1), Bedini n.e., Marelli n.e., Augeri n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
M Rinnovabili Agrigento: Ambrosin 12 (2/7, 2/10), Bell 13 (1/3, 3/6), Evangelisti 11 (1/3, 3/3), Cannon 17 (7/11), Zilli 13 (4/7); Sousa 2 (1/2, 0/1), Guariglia 5 (1/2, 1/2), Pepe 13 (2/4, 3/6), Fontana 3 (0/1, 1/1), Cuffaro n.e.. All. Ciani
Tiri liberi: Bergamo 13/21, M Rinnovabili Agrigento 12/14
Rimbalzi: Bergamo 28 (Roderick 11), M Rinnovabili Agrigento 36 (Cannon, Pepe 8)
Assist: Bergamo 13 (Roderick 9), M Rinnovabili Agrigento 15 (Evangelisti 5)
canecaccia.com

30/10/2018 11:22

4. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST REMER TREVIGLIO-BERGAMO 85-81 D.T.S.

Una gara per cuori forti doveva essere, una gara per cuori forti è stata. Il derby tra Remer Treviglio e Bergamo ha mantenuto le premesse della vigilia: tanto agonismo, tanta tensione ed un finale thrilling. Dopo 45’ di battaglia sportiva hanno la meglio i padroni con il punteggio di 85-81, ma Bergamo esce a testa altissima dal PalaFacchetti. I ragazzi di coach Dell’Agnello giocano un’altra partita ordinata, dominando a tratti gli avversari, che hanno il merito di non essere mai usciti dalla contesa. Alla fine a far la differenza sono stati i canestri di Pecchia, autore di 28 punti, e l’energia messa dai giovani di Treviglio, D’Almeida su tutti. Dal lato giallonero, altra prova sontuosa di Brandon Taylor, che firma una prestazione da 24 punti con un solo errore dal campo. Non c’è tempo per rifiatare: lunedì 29 ottobre si ritorna in campo, al PalaAgnelli di Bergamo arriva la MRinnovabili Agrigento, che si trova nel gruppo di testa insieme a Sergio e compagni con 6 punti.
Bergamo parte bene, concede pochissimo a Treviglio e tenta subito il primo allungo a firma Taylor, autore di quattro punti veloci (3-9 al 3’). Lo stesso playmaker obbliga Vertemati al time-out dopo una facile penetrazione al ferro, ma la musica non cambia perché si accende Roderick: tre canestri-fotocopia lanciano Bergamo al +11, che diventa +14 quando ancora il numero 8 spara la tripla frontale (8-22 all’8’). Treviglio si anima con Pecchia e Roberts, ma è il solito Taylor a chiudere il quarto con il lay-up dell’11-24.
Bergamo controlla le operazioni, giocando con calma e forzando poco i ritmi; di contro Treviglio prova la reazione con Roberts e Borra, e torna sotto sfruttando un fallo antisportivo fischiato a Fattori (25-30 al 15’). Dell’Agnello rimette in campo Roderick ma Treviglio sfrutta a pieno il buon momento e Caroti inchioda la tripla del -4 per il boato del PalaFacchetti. Dopo un time-out Bergamo si riprende, gli americani indicano la strada per il nuovo +9 (33-42 al 18’), un libero di Roberts e una tripla clamorosa da metà campo di Pecchia chiudono il primo quarto sul 37-42 in favore dei gialloneri.
La ripresa si apre con qualche errore di troppo da ambo le parti, anche se i padroni di casa dimostrano di essere pienamente rientrati nel match (39-45 al 23’); Bergamo batte un colpo con Sergio e con l’immarcabile Taylor per tornare a +9 e forzare il time-out interno, poi Roderick e Fattori spingono il nuovo vantaggio in doppia cifra (42-54 al 26’), quando la difesa giallonera trova i giri giusti per fermare le bocche da fuoco trevigliesi. Taylor si guadagna tanti viaggi in lunetta per tenere i suoi saldamente avanti, Treviglio ha un guizzo in chiusura di periodo con D’Almeida e Pecchia, e torna a -5 in vista dell’ultimo decisivo quarto (54-59 al 30’).
La fatica è palpabile, la tensione anche di più, Bergamo paga un po’ in quanto a lucidità e ci deve pensare Casella con una tripla dall’angolo a ridare fiato ai gialloneri (54-62 al 32’). Borra si vede fischiato un fallo tecnico da cui Bergamo non lucra nulla, Pecchia scrive il nuovo -6 interno ma riappare Roderick: canestro più fallo subito, viaggio in lunetta per mettere Bergamo a +8 con 3’ da giocare, prima dei liberi di Olasawere. Il numero 8 giallonero lascia la contesa con 5 falli, Treviglio torna a - 3 con Olasawere con Dell’Agnello a richiamare i suoi all’ultimo sforzo. Gli ultimi 100” sono da infarto: D’Almeida fa -1 dalla lunetta, Zugno sempre dalla linea rimette due lunghezze di vantaggio a 1’09” dalla sirena, ci pensa Olasawere ad impattare a quota 70 e sull’ultimo possesso giallonero Pecchia è bravo a rubar palla ed inchiodare la schiacciata del 72-70 a 5” dalla fine. Le speranze di Bergamo vengono riposte in Taylor, che dopo il time-out sigla il nuovo pareggio che manda le squadre al supplementare.
Zugno permette a Bergamo di prendersi 3 punti di vantaggio, ma Palumbo e Pecchia ribaltano il risultato. Dalla lunetta è Olasawere a tenere a distanza Bergamo, la tripla di Casella a 1’ dal termine serve per il -3, ma nel finale Treviglio non trema e Caroti scrive i due liberi del successo interno. Al PalaFacchetti finisce 85-81 in favore della Remer Treviglio.
Remer Treviglio-Bergamo 85-81 d.t.s. (11-24, 37-42, 54-59, 72-72)
Remer Treviglio: Caroti 10 (1/1, 1/6), Frassineti 3 (0/1, 1/2), Pecchia 28 (6/9, 3/5), Olasawere 19 (4/9, 0/2), Borra 6 (3/6); Roberts 8 (0/3, 1/6), Palumbo 5 (1/5, 1/6), Taflaj (0/1, 0/2), D’Almeida 6 (1/4), Tiberti n.e., Abati Tourè n.e.. All. Vertemati
Bergamo: Taylor 24 (8/8, 0/1), Roderick 22 (9/16, 1/4), Casella 9 (1/2, 2/5), Sergio 3 (0/1, 1/2), Benvenuti 11 (4/8); Fattori 5 (1/3, 0/1), Zugno 5 (2/5, 0/2), Zucca 2 (1/2), Bedini n.e., Marelli n.e., Augeri n.e., Piccoli n.e.. All. Dell’Agnello
Tiri liberi: Remer Treviglio 32/44, Bergamo 17/26
Rimbalzi: Remer Treviglio 45 (Borra, Olasawere 9), Bergamo 34 (Roderick 12)
Assist: Remer Treviglio 14 (Palumbo 5), Bergamo 14 (Taylor 5)
Usciti per 5 falli: Roderick, Sergio (Bergamo)
Spettatori: 2300
CONTATTI:
canecaccia.com

26/10/2018 12:32

PRESENTAZIONE 4. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST - REMER TREVIGLIO-BERGAMO


Arriva il giorno del derby. Bergamo affronta la quarta giornata del Campionato di Serie A2 Old Wild West da capolista del proprio girone, ospite della Remer Treviglio. La stracittadina bergamasca torna dopo tredici anni di assenza: bisogna tornare alla stagione 2005/2006 per l’ultima sfida in Serie B. Gli uomini di Dell’Agnello arrivano a questo appuntamento come meglio non potrebbero, sulla scia di entusiasmo generata dai tre successi consecutivi colti nelle prime tre uscite; di contro Treviglio si trova ancora senza vittorie in campionato, ma davanti al pubblico amico del PalaFacchetti farà di tutto per togliere lo zero dalla casella dei punti in classifica. Ci si aspetta una sfida caldissima, come è lecito attendersi da un derby.
I biancoblu trevigliesi presentano un roster con elementi di sicura esperienza ed affidabilità, quali Borra, pivot di 2.15 cm, e gli americani Roberts – guardia che ha saltato l’ultima gara di campionato ma dovrebbe essere recuperato – ed Olasawere, ala/centro che può far male sia dal pitturato che da fuori l’arco dei 6.75. A completare il quintetto base ci sono il playmaker Caroti, classe 1997 e Pecchia, capitano di Treviglio, altro classe 1997 alla terza stagione con il club della bassa bergamasca. Molto interessante il nucleo di giovani pronto dalla panchina: il playmaker Palumbo è considerato uno dei migliori prospetti nati nell’anno 2000, insieme a lui gli esterni Frassineti e Taflaj, infine i lunghi Tiberti e D’Almeida. Quest’ultimo, classe 2001, si sta ritagliando uno spazio importante in campo nonostante i soli 17 anni di età (20 minuti di media nelle prime tre gare). A dirigere i lavori in panchina Adriano Vertemati, coach che dal 2011 allena Treviglio. Un’istituzione da queste parti, un tecnico che ha saputo portare questa compagine nell’élite della Serie A2.
Coach Dell’Agnello parla così alla viglia del match: <<Siamo in un buon momento, è innegabile. Le tre vittorie colte sono meritate, ottenute contro squadre quotate. Treviglio ha bisogno di punti, e non dimentichiamo che ha giocato le ultime due gare non al completo. Ci faremo trovare pronti, vogliamo continuare così, grazie alla buona organizzazione ed attitudine che abbiamo messo in campo fin qui. Troveremo un clima infuocato, ma sono convinto che per i miei giocatori sarà uno stimolo in più perché è bello giocare in un ambiente “sportivamente” ostile.>>
Arbitri dell’incontro i signori Francesco Terranova di Ferrara, Roberto Radaelli di Rho (MI) e Mattia Eugenio Martellosio di Buccinasco (MI).
Palla a due giovedì 25 ottobre 2018 alle ore 21.00 presso il PalaFacchetti di Treviglio (BG). Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

24/10/2018 12:04

3. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-AXPO LEGNANO 79-62

3. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-AXPO LEGNANO 79-62

Bergamo si gode la sua notte da sogno. I gialloneri si ritrovano in testa da soli alla classifica - in attesa della gara di Casale Monferrato - dopo aver regolato 79-62 l’Axpo Legnano. Una partita dall’esito mai in discussione, dove i ragazzi di coach Dell’Agnello hanno saputo imprimere sin da subito il loro ritmo ed il loro gioco, limitando le bocche da fuoco dei biancorossi e collezionando la terza vittoria consecutiva in questo primo scorcio di stagione. Grande protagonista Brandon Taylor: una prestazione totale da 26 punti, 5 assist e 4 palle recuperate per 34 di valutazione, ma grande merito va dato ad un gruppo solido che una volta in più ha dimostrato il suo valore. Ora fari puntati sul derby contro la Remer Treviglio nella sfida infrasettimanale, per proseguire questa striscia positiva. Bergamo parte decisa, Taylor e Benvenuti scaldano il PalaAgnelli con i primi canestri della serata (7-2 al 4’), mentre la difesa inizia già a lavorare forte. Roderick carica i suoi, cinque punti filati del numero 8 obbligano coach Sacco al time-out. I gialloneri non calano di intensità, Fattori si dimostra in palla per il +10 interno (17-7 al 7’), e per Legnano si fa vedere Raffa con i primi punti personali, ma Roderick resta imprendibile e spinge Bergamo al 23-14 del 10’. Legnano ci prova appoggiandosi a London che riporta i biancorossi a -4 con cinque punti consecutivi, e con Raffa toglie un po’ di verve a Bergamo (25-21 al 13’). Basta poco: Roderick si riaccende, una sua penetrazione e due cioccolatini a Taylor e Casella danno il là all’8-0 interno che permette a Bergamo di tornare a +12 (33-21 al 15’), parziale che si dilata grazie ad un Taylor che gioca sull’onda dalla prestazione della scorsa domenica. Bergamo tocca il +19 prima della reazione di Legnano per il 44-29 con cui si va negli spogliatoi. Legnano esce bene dall’intervallo lungo mettendo energia in difesa e trovando buone soluzioni in attacco (47-38 al 23’); Bergamo soffre un po’ in questo frangente, Dell’Agnello ridisegna l’assetto e la mossa paga dividendi altissimi: Taylor è spaziale, da solo propizia il nuovo allungo Bergamo che arriva fino al 58-40 del 27’. Il pubblico del PalaAgnelli è in estasi per il gioco offerto dai gialloneri, Zugno regala un’altra prestazione coi fiocchi, ed è il solo Raffa che tiene il margine entro proporzioni accettabili quando si entra negli ultimi 10’ (62-47 al 30’). Gli esterni bergamaschi impiegano poco per chiudere i conti: Casella, Taylor e un alley-oop da capogiro sull’asse Taylor-Roderick danno il tranquillo +18 (69-51 al 33’). Legnano non ne ha più, con Raffa e Bozzetto impiegati per tutti i 40 minuti di gioco, e alza definitivamente bandiera bianca sulla tripla di Fattori del 76-59 e sul susseguente gioco da tre punti di Taylor. C’è gloria anche per i giovani Augeri, Marelli e Monti: finisce 79-62 al PalaAgnelli, per la festa dei tanti tifosi gialloneri. Bergamo-Axpo Legnano 79-62 (23-14, 44-29, 62-47) Bergamo: Taylor 26 (5/7, 3/5), Roderick 13 (5/12, 1/4), Sergio 6 (2/2, 0/4), Fattori 9 (0/3, 2/5), Benvenuti 6 (3/6, 0/1); Casella 9 (0/2, 3/5), Zucca 4 (2/3, 0/1), Zugno 6 (2/2), Bedini, Marelli, Augeri (0/1), Monti. All. Dell’Agnello Axpo Legnano: Raffa 17 (4/12, 0/3), Bortolani 14 (2/5, 2/5), Serpilli (0/1, 0/3), London 11 (1/8, 2/7), Bozzetto 15 (3/5, 1/2); Ferri 3 (1/2 da tre), Bianchi, Corti 2 (1/1), Berra n.e, Coraini n.e.. All. Sacco Tiri liberi: Bergamo 14/16, Axpo Legnano 22/27 Rimbalzi: Bergamo 36 (Roderick 10), Axpo Legnano 37 (Bozzetto 10) Assist: Bergamo 13 (Taylor 5), Axpo Legnano 7 (Raffa 5) Usciti per 5 falli: Sergio (Bergamo) Spettatori: 1100 canecaccia.com

21/10/2018 07:58

PRESENTAZIONE 3. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-AXPO LEGNANO

PRESENTAZIONE 3. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST  BERGAMO-AXPO LEGNANO

Dopo le due entusiasmanti vittorie ottenute contro Scafati e Virtus Roma, Bergamo affronta la seconda partita consecutiva tra le mura amiche del PalaAgnelli l’Axpo Legnano. Una gara dai risvolti particolari, visto che tornano a Bergamo tre dei protagonisti della scorsa stagione: coach Sacco, ora sulla panchina dei biancorossi milanesi, e la coppia Michele Ferri-Davide Bozzetto sul parquet. Ma sarà una partita in cui i ragazzi di coach Dell’Agnello dovranno mantenere la rotta rispetto a quanto mostrato di buono in questo inizio di stagione, partendo dalle proprie certezze: una difesa di ferro e un attacco capace di coinvolgere tutti i giocatori in campo. Di contro Legnano arriva a questo appuntamento dopo il successo esterno maturato a Treviglio nella prima giornata e il k.o. contro Scafati al PalaBorsani.
Sulla panchina di Legnano c’è Giancarlo Sacco, l’uomo che lo scorso anno condusse i gialloneri ad un’insperata salvezza diretta, grazie alle sette vittorie consecutive ottenute nel rush finale di stagione. In campo largo ad Anthony Raffa, play/guardia che ha cominciato la stagione con due prestazioni personali eccellenti: 30 punti a Treviglio, 31 nella gara contro Scafati. Con lui ci saranno Ferri, che troverà molto spazio nelle rotazioni dei milanesi, ed il giovanissimo (classe 2000) Bortolani a completare il reparto guardie, un prospetto da tenere d’occhio. In assenza di Benetti, fermo ai box, largo a Serpilli - classe 1999 scuola Pesaro - e Bianchi nello spot di ala piccola, mentre il duo London-Bozzetto compone la coppia di lunghi. Fari puntati sul classe 1996 americano, un rookie di questo campionato che ha già mostrato grande atletismo e un impatto deciso sulla Serie A2 (14 punti e 5 rimbalzi di media). Primo cambio sotto canestro il ventenne Corti, chiudono il roster gli esterni Berra e Coraini (entrambi classe 2000).
Alla vigilia del match parla l’assistant coach Andrea Vicenzutto: <<C’è tanto entusiasmo, siamo consci del fatto che se scendiamo in campo con intensità ed attitudine possiamo giocarcela contro tutte le avversarie. Legnano arriva a questo appuntamento consapevole della propria forza e potrà giocarsi due punti importanti; una chiave della partita sarà limitare Raffa in attacco, ma tanta attenzione andrà messa anche su London e sul gruppo di giovani che si sta dimostrando affidabile in questa categoria. Vogliamo proseguire sulla strada intrapresa in questo inizio di campionato.>>
Arbitri dell’incontro i signori Angelo Caforio di Brindisi, Damiano Capozziello di Brindisi e Antonio Bartolomeo di Cellino San Marco (BR).
Palla a due sabato 20 ottobre 2018 alle ore 20.30 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

19/10/2018 10:19

2. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-VIRTUS ROMA 81-59

2. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST BERGAMO-VIRTUS ROMA 81-59

È grande Bergamo. I gialloneri allenati da coach Dell’Agnello infliggono una pesantissima sconfitta alla Virtus Roma nel lunch match della 2. giornata di Serie A2 Old Wild West. Il finale dal PalaAgnelli di Bergamo recita 81-59 in favore di Sergio e compagni, una gara perfettamente equilibrata nella prima frazione che ha avuto la svolta nel secondo tempo. Una difesa eccezionale, un’aggressività che annienta l’attacco capitolino (solo 20 punti nella ripresa), una fluidità in attacco che ha deliziato il pubblico bergamasco. Sei uomini in doppia cifra guidati dai 20 punti di un grande Taylor, Roderick che piazza una tripla-doppia enorme (10 punti, 21 rimbalzi e 10 assist), la sensazione di una squadra che potrà togliersi delle belle soddisfazioni lungo tutta la stagione. Ed ora all’orizzonte la sfida contro Legnano degli ex Sacco, Ferri e Bozzetto, per consolidare quanto di buono fatto in queste due prime uscite stagionali. Roma imprime subito il suo marchio con un Sims che fa la voce grossa sotto canestro sin dai primi possessi, ma Bergamo riesce a mettere in difficoltà l’attacco capitolino grazie alla buona difesa dei primi minuti (8-8 al 5’). Fattori si iscrive al match con una tripla dall’angolo, Roderick è il faro che illumina i possessi gialloneri e permette a Bergamo di mettere il naso avanti ancora con una tripla di Fattori, ma Roma ha la contromossa, ovvero dare palla a Sims (10 punti e 4 rimbalzi per lui nel quarto), con il punteggio che recita 15-15 al 10’. È Casella il protagonista ad inizio secondo periodo: due triple consecutive del numero 5 permettono a Bergamo di prendere vantaggio (26-20 al 13’), ma Roma replica immediatamente con Alibegovic, portandosi ad un solo punto di distanza. Zugno entra alla grande in partita con un paio di penetrazioni al ferro anche se il solito Sims domina nel pitturato (28-29 al 16’). Coach Dell’Agnello prova la carta del quintetto basso con Casella da 4 e Fattori da 5, i gialloneri soffrono ma tengono la scia di Roma, anzi Casella inchioda la terza tripla personale per il nuovo sorpasso interno, con il primo tempo che si chiude in perfetta parità sul 39-39. Bergamo entra in campo dagli spogliatoi convinta, decisa, con il solito Casella a colpire dalla lunga distanza (44-40 al 23’). Roma procede a folate potendo contare su una fisicità straripante, appoggiandosi a turno a Sims, Landi o Sandri, ma quando Taylor scalda la mano i gialloneri riprendono margine (49-44 al 25’); Sergio sale in cattedra con tanta difesa e la tripla del vantaggio in doppia cifra sul 56-46 al 28’, Roderick fa esplodere il PalaAgnelli con una schiacciata volante per il 58-46 con il quale si chiude una frazione decisamente positiva per Bergamo. Dopo l’ultimo mini-break arriva il parziale che chiude la gara: Taylor si prende sulle spalle i suoi segnando otto punti consecutivi che danno a Bergamo il +20 (68-48 al 32’). Roma è alle corde, Sergio e di nuovo Taylor inferiscono per la gioia dei tifosi gialloneri, che si spellano le mani dopo il +25 siglato dal playmaker americano. Di fatto gli ultimi 5’ di gara sono garbage time, c’è il tempo per aggiustare il risultato finale con Taylor che raggiunge quota 20 punti. Finisce 81-59 per Bergamo, una vittoria limpida, una vittoria da grande squadra. L’appuntamento è per sabato 20 ottobre alle 20.30, sempre al PalaAgnelli di Bergamo, contro Legnano. Bergamo-Virtus Roma 81-59 (15-15, 39-39, 58-46) Bergamo: Taylor 20 (1/3, 4/7), Roderick 10 (5/12, 0/6), Sergio 10 (2/3, 2/6), Fattori 10 (0/3, 3/7), Benvenuti 11 (3/6, 0/1); Casella 12 (4/8 da tre), Zucca 2 (1/1), Zugno 6 (2/2, 0/1), Bedini (0/1), Marelli, Augeri. All. Dell’Agnello Virtus Roma: Moore 6 (3/6, 0/6), Santiangeli 8 (2/6 da tre), Sandri 3 (1/2, 0/1), Landi 8 (3/7, 0/4), Sims 18 (7/13); Saccaggi (0/4 da tre), Chessa 6 (0/1, 2/2), Baldasso 10 (2/3, 2/4), Alibegovic (0/1 da tre), Lucarelli. All. Bucchi Tiri liberi: Bergamo 14/16, Virtus Roma 9/12 Rimbalzi: Bergamo 42 (Roderick 21), Virtus Roma 35 (Sims 14) Assist: Bergamo 19 (Roderick 10), Virtus Roma 12 (Moore, Baldasso 3)
Usciti per 5 falli: nessuno
Spettatori: 1000
CONTATTI:
VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

14/10/2018 23:29

1. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST GIVOVA SCAFATI-BERGAMO 58-60

1. GIORNATA SERIE A2 OLD WILD WEST GIVOVA SCAFATI-BERGAMO 58-60


Inizia col botto la stagione di Bergamo. Gli uomini di coach Dell’Agnello sbancano il PalaMangano di Scafati con il punteggio di 58-60 al termine di una gara molto fisica e combattuta; Sergio e compagni si portano a casa i primi due punti in classifica grazie ad una robusta prova collettiva, coronata dal canestro di Benvenuti allo scadere su pregevole assist di Roderick. Una vittoria pesante su un parquet complicato come quello campano, che permette a Bergamo di cominciare con il piede giusto questo campionato di Serie A2. Domenica prossima esordio casalingo: alle ore 12.00 sfida alla Virtus Roma al Palazzetto dello Sport di Bergamo, contro un’altra delle contendenti alla promozione in Serie A.
Ritmi compassati in avvio di gara, con Bergamo che guadagna il primo vantaggio grazie ai liberi di Sergio e Fattori, mentre dall’altra parte Thomas è il referente offensivo di Scafati e accende il match con un paio di canestri dalla media (4-3 al 4’). Scafati prende margine con Tommasini e Rossato, obbligando coach Dell’Agnello al time-out, e con la girandola di cambi i campani spingono il primo vantaggio importante del match (14-5 al 7’); si fa vedere Roderick con un paio di ottime penetrazioni, permettendo a Bergamo di mettersi in ritmo, nonostante le basse percentuali al tiro (18-11 al 10’). Scafati riprende la marcia quando torna sul parquet Thomas (11 punti in 12’) ma Bergamo dà segnali incoraggianti con Sergio, Fattori e Roderick (27-21 al 15’), riuscendo a rientrare pienamente nel match grazie ad un’ottima difesa. Zugno in cabina di regia detta i tempi dell’attacco giallonero, Fattori imbuca un paio di triple che tengono Bergamo a contatto all’intervallo lungo (35-30 al 20’).
Bergamo c’è in avvio di ripresa, mostra i muscoli e tiene benissimo in difesa contro la fisicità dei campani (37-34 al 23’); Roderick arriva alla doppia-doppia con estrema facilità, Taylor mette energia a tutto campo, piazza un paio di recuperi e infiamma la sfida (42-42 al 26’). I gialloneri ribattono colpo su colpo, Scafati allunga di misura con Thomas e Ammannato in chiusura di periodo, ma la gara resta in equilibrio in vista degli ultimi 10’ (48-44 al 30’). Bergamo trova risorse da un più che positivo Zugno e da Benvenuti, sorpassa con Fattori (50-51 al 34’), poi è ancora Benvenuti che risponde a Romeo, quando si entra negli ultimi 4’ in totale parità a quota 53. Il lungo bergamasco è un fattore nel pitturato, Sergio spara la tripla del +3 giallonero in entrata degli ultimi 2’ di gioco, Scafati prova ad allungare la difesa e torna a -1 con Goodwin, e sull’ultimo possesso Ammannato va in lunetta coi liberi del potenziale sorpasso. Il capitano scafatese fa 1/2, con 11 secondi sul cronometro Bergamo ha la palla per vincere, Roderick attira il raddoppio della difesa di casa e pesca Benvenuti, che da sotto infila il più facile dei lay-up per il boato giallonero ed il 58-60 finale.
Givova Scafati-Bergamo 58-60 (18-11, 35-30, 48-44)
Givova Scafati: Tommasini 11 (1/3, 3/7), Rossato 6 (2/3), Thomas 17 (7/10, 1/4), Ammannato 7 (3/5, 0/1), Goodwin 4 (2/8); Contento (0/3, 0/4), Italiano 6 (2/4, 0/3), Romeo 5 (1/1, 1/2), Sgobba 2 (0/1 da tre), Esposito n.e., Zaccaro n.e.. All. Calvani
Bergamo: Taylor 8 (4/7, 0/4), Roderick 15 (5/8, 0/2), Sergio 7 (0/2, 2/4), Fattori 10 (2/3, 2/7), Benvenuti 11 (4/5, 1/1); Zucca 2 (1/3, 0/2), Casella 2 (1/4, 0/4), Zugno 5 (1/2, 0/2), Bedini n.e., Marelli n.e.. All. Dell’Agnello
Tiri liberi: Givova Scafati 7/10, Bergamo 9/11
Rimbalzi: Givova Scafati 38 (Goodwin 11), Bergamo 40 (Roderick 12)
Assist: Givova Scafati 11 (Goodwin 3), Bergamo 14 (Roderick, Taylor 5)
Usciti per 5 falli: nessuno
Spettatori: 1000
canecaccia.com

07/10/2018 23:08

 
 
 
 
Copyright 2017 canecaccia.com
All Rights Reserved