canecaccia.com
 







La premiazione BLACK + DECKER avverrà il 9 giugno alle ore 11:00 c/o il bar della palestra Comunale di Almenno San Salvatore







NOTA UFFICIALE DI BERGAMO BASKET 2014

Bergamo Basket 2014, nella figura del Presidente Massimo Lentsch, informa che nei prossimi giorni verranno fatte importanti comunicazioni riguardanti il futuro societario. Vengono categoricamente smentite voci che danno per certo l'ingresso in società di soggetti diversi da quelli ufficialmente comunicati da BB14 e si confida nel rispetto dell'ufficialità delle sole comunicazioni rilasciate dal Club. <<Stiamo lavorando intensamente per un garantire un futuro alla nostra società>>, queste le parole di Massimo Lentsch.

VITTORIO MILESI - UFFICIOSTAMPA@BB14.IT
canecaccia.com

08/06/2018 08:49

C GOLD, Finale Prima Partita --- Nuova Pall. Vigevano 1955 - Robur Saronno 74 - 69 Parziali 19-14, 38-36, 59-56 (1 - 0)

Nuova Pall. Vigevano 1955 (V5) : Verri 12, Ferri 5, Minoli 12, Grugnetti 4, Boffini 9, Pilotti 7, Bottacin ne, Pavone 5, Benzoni 20, Sassi ne. All. Piazza P.
Robur Saronno (V6) : Quaglia ne, Politi 20, Banfi ne, Degrada 11, Cacciani 11, Gurioli A. 3, Mariani 10, Leva, Novati 14, De Capitani ne. All. Bianchi

Vigevano - Non bastano 37 minuti di grandissimo cuore alla iMO Robur Basket Saronno per portare a casa l'impresa impossibile di quest'anno: battere gli imbattibili della Nuova Pallacanestro Vigevano. I ducali si confermano squadra tostissima, specialmente nella bolgia del PalaBasletta, e vincono Gara1 di finale prendendosi il match point per la promozione in Serie B. Pronti via Saronno si appoggia spesso e con esito positivo a Politi in post, dall'altro lato è Benzoni (calerà nel secondo tempo, ma saranno comunque 20 punti alla fine) a dominare l'attacco e al 10' è 19-14. Vigevano prende ancor più vigore nel secondo periodo (27-21 al 16') ma la iMO risponde e con il piazzato di Politi si riporta sotto al riposo lungo 38-36. I ducali riprovano lo strappo nel terzo quarto (+9 e massimo vantaggio sul 56-47 con la tripla di Boffini) ma ancora una volta la difesa saronnese fa vedere buone cose e in attacco il parziale è di 9-0 per arrivare praticamente in parità al 30' (59-56). Gli ultimi dieci minuti cominciano con il senso di aridità tipico delle finali e degli ultimi periodi delle finali: non segna praticamente nessuno per cinque minuti. La prima a sbloccarsi è la Robur che scappa sul +6 con le iniziative di Mariani e un rimbalzo offensivo con canestro da lacrime agli occhi di Novati (14 punti e 11 rimbalzi) per il 61-67 a tre minuti e mezzo dalla fine. E' l'ultimo chilometro del Mortirolo e il traguardo è in vista, ma nel momento cruciale a Degrada scappa un antisportivo su Minoli (gran partita da 3/4 al tiro pesante) e Vigevano lo trasforma in quattro punti. Poi piovono le triple di Verri e Ferri, mentre quella di Novati per il potenziale 70-71 gira due volte sul ferro prima di uscire. Dall'altro lato ancora Verri con la tripla cristallizza il vantaggio e nel finale la Robur, che riesce comunque a mandare cinque giocatori in doppia cifra, non trova più il canestro. L'ennesimo parziale dei locali, quello conclusivo di 13-2, è decisivo ai fini della vittoria. 74-69 il punteggio al 40': gli imbattibili rimangono imbattuti (37 di fila in campionato), ma Saronno torna a casa per Gara2 (mercoledì alle 21 al PalaRonchi) con la consapevolezza di potersela giocare.

Coach Massimo Bianchi: "Ai ragazzi posso solo fare i complimenti. Avevamo un piano partita e l'abbiamo seguito per quasi tutti i quaranta minuti. A cambiare la gara è stato l'antisportivo fischiato a Degrada a tre minuti dalla fine. Lì Vigevano, che fino a quel momento era parsa in grande difficoltà, ha ritrovato coraggio. Sapevamo di venire a giocare nella Salonicco d'Italia e anche questo ha avuto il suo peso, però ora siamo ancora più convinti di potercela giocare e mercoledì a Saronno daremo battaglia".
canecaccia.com

04/06/2018 13:55

JUVI Cremona - Argomm Basket Iseo 72 - 69 Parziali 15-20, 28-31, 50-53 (1 - 0)

JUVI Cremona (V12) :  Bernardi, Bozzetti, Cazzaniga 3, Bona 29, Ndiaye 13, Radunic 18, Belloni 7, Vacchelli, Gorla 2, Mantovani ne, Sbernadori ne. All. P. Brotto
Argomm Basket Iseo (V13) :  Ghitti, Leone 20, Permon 6, Baroni 6, Furlanis 6, Boccafurni 9, Franzoni 3, Tedoldi 4, Arici 11, Azzola ne, Pelizzari ne, Veronesi 4. All. M.S. Mazzoli

Note – Parziali: 15-20; 28-31; 50-53 e 72-69. Tiri da due: JuVi Cremona Basket 19/42 - Basket Iseo 23/46. Tiri da tre: JuVi Cremona Basket 06/27 - Basket Iseo 04/18. Tiri liberi: JuVi Cremona Basket 16/28 - Basket Iseo 11/20. Rimbalzi: JuVi Cremona Basket 53 - Basket Iseo 34. Assist: JuVi Cremona Basket 14 - Basket Iseo 10. Palle perse/recuperate: JuVi Cremona Basket 20/05 - Basket Iseo 14/09. Stoppate fatte: JuVi Cremona Basket 00 - Basket Iseo 00. Falli commessi: JuVi Cremona Basket 23 - Basket Iseo 24. Nessun giocatore uscito per falli. Fallo tecnico a Bona (JC) al 19’57” (28-30). Fallo antisportivo a Furlanis (BI) al 07’23” (08-13). Spettatori presenti 400 circa.

Il Basket Iseo lotta strenuamente ma alla sirena è costretto a cedere (72-69) al cospetto della corazzata JuVi Cremona Basket. I gialloblu giocano una partita di grandissimo spessore conducendo per gran parte della sfida, ma a metà dell’ultimo periodo tre triple consecutive dei locali danno il là al parziale che alla fine si rivelerà decisivo nonostante l’ultimo disperato assalto dei ragazzi di coach Mazzoli. L’Argomm si presenta alla palla a due con Leone, Furlanis, Tedoldi, Franzoni e Baroni mentre coach Brotto propone Belloni, Bona, Ndiaye, Gorla e Cazzaniga. L’avvio è fortemente caratterizzato dalla tensione che imprigiona i dieci sul parquet, dopo oltre due minuti si vede il primo canestro con l’1/2 di Leone. Poco dopo il capitano gialloblu infila la tripla del 0-4, al 04’03” Bona segna i primi punti per la Ferraroni con l’aggiuntivo dopo il fallo di Leone. Per il play del Basket Iseo è già il fallo numero due e viene rimpiazzato da Arici che si mostra subito in palla infilando due canestri da tre (05-11 del 06’30”). La partita però stenta a decollare e si segna, nemmeno tanto viste le percentuali, solo dalla lunetta. Dopo aver messo il canestro del 06-13 a Furlanis viene fischiato un incredibile antisportivo e la JuVi Cremona Basket ne approfitta per rifarsi sotto (10-13 a circa due minuti dalla fine del primo quarto). Con Radunic e Belloni i cremonesi impattano sul 15-15 ma la terza tripla di Arici ed il canestro da sotto di Boccafurni portano al 15-20 del decimo. Il secondo periodo pare una fotocopia del primo con gli attacchi imprecisi, bisogna infatti arrivare al 13’00” per vedere Ndiaye muovere il punteggio con un arresto e tiro dall’angolo. Col il 2+1 di Baroni e l’uno contro uno di Leone però l’Argomm prova a scappare (17-25); purtroppo per i sebini c’è la grana Tedoldi, fin lì superlativo in marcatura su Bona, che commette il quarto fallo. Al 24’50” Veronesi trova il più dieci e subito dopo l’1/2 di Baroni regala il 17-28 che fa sognare i tifosi gialloblu. Dopo il time out di coach Brotto i cremonesi sembrano ancora faticare, a Bona replica Veronesi e due triple iseane girano sul beffardamente sul ferro. A questo punto però sale in cattedra Bona che infila due canestri e serve l’assist per il comodo appoggio di Radunic, nel mezzo Cazzaniga mette una bomba frontale e la contesa è nuovamente in equilibrio (28-30 a circa un minuto dal lungo riposo). Bona dopo una penetrazione andata a vuoto becca il tecnico per proteste, Furlanis dalla lunetta infila il libero per il 28-31 con cui le due squadre vanno negli spogliatoi.
Alla ripresa troviamo Boccafurni per Tedoldi da una parte e Radunic per Gorla dall’altra poi gli stessi uomini di inizio contesa. E proprio i due sono i protagonisti dello scoppiettante inizio del terzo quarto, il centro croato dimostra la sua forza nel pitturato segnando il meno uno. Ma Boccafurni con cinque punti filati rimanda in fuga l’Argomm (30-36), vantaggio effimero perché Bona e Radunic al 22’10” impattano. Ancora Boccafurni per i gialloblu ma due canestri di Ndiaye valgono al 23’55” il primo vantaggio oroamaranto (40-38). Per quasi tre minuti si assiste ad un botta e risposta senza tregua, per i cremonesi segnano Radunic e Bona mentre per i sebini a trovare la via del canestro sono Leone e Franzoni (45-45 del 27’39”). Radunic da sotto è immarcabile e segna un altro canestro subendo fallo, l’aggiuntivo non va a segno ma il rimbalzo è dei cremonesi e la palla arriva a Bona che infila la tripla del 55-50. Il momento è delicato però Arici torna a segnare per i gialloblu che in difesa non fanno passare più nulla, dall’altra parte del campo invece ci pensa Permon con tre consecutivi canestri (l’ultimo proprio allo scadere) ad operare il nuovo sorpasso per il 50-53 del trentesimo. Gli ultimi dieci minuti si aprono con il bel canestro di Tedoldi su brillante assist di Arici, Radunic subito replica e una brutta palla persa a metà consente il comodo appoggio a Bona. Arriva poi l’1/2 di Radunic  e al 32’00” ecco il 55-55, i due attacchi si bloccano e sono le azioni personali a fare la differenza. Ndiaye e Belloni colpiscono dalla lunga distanza, Leone prova a resistere ma la terza tripla locale questa volta con Bona porta al 64-57 poco dopo metà periodo. Coach Mazzoli si rifugia nel time out per imbastire la rimonta, Baroni e Leone riportano subito sotto l’Argomm che si concretizza nel meno uno del 39’00” (66-65). A venti secondi dalla fine dopo l’ennesimo recupero difensivo il Basket Iseo è in attacco per il possibile sorpasso, ma una palla persa in modo incredibile lancia in contropiede Ndiaye per il 68-65. Time out e fallo sistematico diventano le principali opzioni, Leone però non ci sta e prova la tripla del pareggio ma la palla dopo aver girato sul ferro esce con Arici abile a segnare su rimbalzo offensivo. Però qui finiscono le speranze gialloblu perché restano poco più di due secondi e sul fallo successivo Bona mette i due liberi per il 72-69 della sirena. Grande prestazione del Basket Iseo che nonostante il problema falli di molti giocatori e il limite a rimbalzo (troppi quelli offensivi concessi ai cremonesi) tengono botta ad una squadra costruita per salire, mercoledì ore 21:00 al PalAntonietti gara 2 per prolungare la serie e continuare a sognare.
canecaccia.com

03/06/2018 15:17

AS Dil. Leoniana - US Dil. Indipendente 84 - 74 Parziali 18-24, 33-38, 52-61

AS Dil. Leoniana (P41) :  Bertani, Tieghi Fr. 4. Di Benedetto, Tieghi Fe,, Melelei ne, Cusani 33, Tesoro 5, Vatrella ne, Mele 25, Moretti 2, Pellegrini 10, Casadei 5. All. Angeretti
US Dil. Indipendente (P46) : Chittaro 7, Gorni  14, Rossi 9,  Ferloni 9 Bettini, Bottinelli 19, Rovelli 5, Felizietti 9, Rimoldi 2. All. Delfinetti

Pavia – La Novacaritas  chiude la stagione con una sconfitta sul neutro di Pavia contro la Leoniana.
La gara è stata condotta sempre dagli appianesi con vantaggi anche in doppia cifra fino al 38’ quando c’è stato il sorpasso della Leoniana sul 71 a 70 con un canestro di Cusani.
Dopo due liberi dello stesso Cusani una tripla di Gorni porta il punteggio sul 74 pari, a questo punto Appiano crolla e subisce un parziale di 10 a 0 che chiude la gara.
Per la Novacaritas i migliori sono Bottinelli e Gorni mentre tra le file della Leoniana dominano Cusani e Mele autori di 58 punti in due.
Si chiude qui la stagione di Appiano con un risultato che va oltre le aspettative di inizio anno e che lascia ben sperare per la prossima stagione alla quale si comincerà a lavorare già dalla prossima settimana.
canecaccia.com

02/06/2018 18:12

CALOLZIOCORTE (C SILVER) : COACH REDAELLI NON CONFERMA CON LA CARPE DIEM

Si separano dopo tre stagioni (ma in totale sono 11 tra serie C1, C2 e settore giovanile) le strade della Carpe Diem Calolziocorte e di Marco Redaelli. Il coach milanese ma ormai lecchese d'adozione ha scelto di non proseguire il rapporto con la società del presidente Brini, reduce dalla doppia qualificazione ai playoff sia in C Gold sia quest'anno in C Silver,dopo l' auto-retrocessione della scorsa estate.
"Alla base della mia scelta c'è una questione di motivazioni e di stimoli, dopo tre anni consecutivi - commenta coach Redaelli - nient'altro : credo che un cambiamento sia necessario, sia per me che per i giocatori. Ovviamente spero che si tratti di un arrivederci e non di un addio (Redaelli era già  tornato nel 2015 dopo un biennio alla Libertas Cernusco  n.d.r.), quando rimani così a lungo in una società  nascono rapporti che nessun cambio di maglia può intaccare. Ringrazio Dario Brini, che per me è stato molto più di un presidente, e tutti i giocatori e le persone che hanno lavorato con me nell'arco di queste stagioni. I playoff di C Gold dell'anno scorso sono stati il punto più alto mai raggiunto dalla Carpe Diem, ma anche il progetto dell'ultima stagione con giocatori giovani nostri in C Silver si è dimostrato una scelta azzeccata, premiata dall'accesso ai playoff. Non posso che fare a loro un grosso in bocca al lupo per proseguire così anche l'anno prossimo !!".

2013-2014   Libertas Cernusco  C2
2014-2015   Libertas Cernusco  C2
2015-2016   Carpe Diem Calolzio  C1
2016-2017   Carpe Diem Calolzio  C1 (playoff)
2017-2018   Carpe Diem Calolzio  C2 (playoff)


canecaccia.com

02/06/2018 14:11

US Dil. Indipendente - Virtus Olona 46 - 62 Parziali 12-21, 27-39, 39-53

US Dil. Indipendente (P40) : Bottinelli L. 10, Felizietti M. 8, Rimoldi L. 6, Rossi M. 6, Gorni C. 5, Chittaro M. 4, Ferloni S. 3, Bettini L. 2, Rovelli A. 2. All. Delfinetti
Virtus Olona (P42) :  Mapelli G. 17, Tacchini E. 13, Bigoni J. 11, Palladini A. 7, Marotto L. 5, Diakhate P. 4, Steccanella A. 3, Coppo A. 2, Bertani B. ne, Perico M. ne. All. Coppo

Pavia – Una Novacaritas stanca per la lunga stagione e presente con soli 9 effettivi a referto perde nettamente contro Fagnano compromettendo seriamente la possibilità di promozione diretta.
Fagnano prende subito il largo approfittando della partenza lenta di Appiano portandosi subito sul 12 a 2 dopo 6 minuti di gara.
I ragazzi di Delfinetti tentano di rientrare ma un ulteriore strappo della Virtus, spinta da un ottimo Mapelli, porta il vantaggio a +15 al 18’ sul 37 a 22.
Dopo l’intervallo lungo c’è un nuovo tentativo di rientro appianese ma Fagnano resiste bene mantenendo sempre un vantaggio attorno ai 10 punti.
Nel finale di gara Appiano finisce la benzina e la Virtus dilaga fino al +16 finale.
Nelle file appianesi da segnalare le prestazioni degli under Rovelli e Rimoldi oltre a quella di capitan Bettini.
Per la Virtus il migliore è Mapelli ben supportato da Tacchini e Bigoni.
canecaccia.com

01/06/2018 19:15




 
 
 
 
Copyright 2017 canecaccia.com
All Rights Reserved